TimGate
header.weather.state

Oggi 07 agosto 2022 - Aggiornato alle 17:09

 /    /    /  MotoGP 2023: Oliveira verso Aprilia, Rins in Honda nel team LCR
MotoGP 2023: Oliveira verso Aprilia, Rins in Honda nel team LCR

Miguel Oliveira- Credit: Cordon Press / IPA / Fotogramma

MOTOMONDIALE 202322 giugno 2022

MotoGP 2023: Oliveira verso Aprilia, Rins in Honda nel team LCR

di Federico Bandirali

Il portoghese della KTM correrà nel team satellite RNF, con Rins a sostituire Alex Marquez (ancora senza sella)

Il mercato piloti della MotoGP in vista del 2023, prima dell’ultimo GP ad Assen (Olanda) che sancirà una lunga pausa estiva, è rovente come purtroppo le temperature di questi giorni. E alcune novità sono arrivate già durante il weekend del Sachsenring, dove oltre alla vittoria con conseguente fuga nella classifica iridata del campione in carica della Yamaha, Fabio Quartararo , diverse “pedine” hanno trovato collocazione portando alla chiusura quasi totale dei binomi moto-pilota per la prossima stagione.

 

 

Resta il dubbio su chi tra Enea Bastianini, in forza al team Gresini con la Ducati GP21, e lo spagnolo Jorge Martin che attualmente ha in mano una GP22 affidata al team Pramac, affiancherà Pecco Bagnaia nella squadra ufficiale di Borgo Panigale al posto di Jack Miller, lasciato andare senza troppi rimpianti e accasatosi in KTM.

 

KTM da dove si muoverà Miguel Oliveira, che dopo aver sparato alto sull’ingaggio non ha più raccolto risultati degni di nota. La prima opzione, visto che Bastianini abbandonerà comunque il team Gresini, era proprio il passaggio in Ducati al posto del riminese.

 

Tuttavia, viste le offerte al ribasso di Borgo Panigale, il portoghese e il padre-manager hanno virato con decisione su Aprilia, dove diventerà il pilota di punta del team satellite malese RNF che chiuderà la collaborazione con Yamaha diventando uno junior team del costruttore veneto.

 

Inutile dire che la trattativa si concretizzerà per una mera questione di soldi, con Noale che in Germania ha formalizzato la propria offerta e ora attende solo la firma di Oliveira, attesa a breve.

 

A trovare una nuova “casa”, stante l’addio di Suzuki alla MotoGP nel 2023, anche Alex Rins, che nonostante i problemi al polso fratturato nel weekend tedesco dopo essere stato vicino ad Aprilia e Ducati ha optato per Honda, dove diventerà il pilota principale del team LCR.

 

La squadra di Lucio Cecchinello, che ha avuto luce verde nella scelta di un centauro dalla Casa di Tokyo dopo anni di scelte “dall’alto”. HRC, tuttavia, deciderà chi affiancargli, con Ai Ogura favoritissimo per rimpiazzare il connazionale giapponese Nakagami dopo esternazioni non proprio apprezzate e disastri in pista.

 

Rins, anche se in un team satellite, completerà con ritardo lo stesso percorso dell’attuale compagno in Suzuki Joan Mir, che sarà in sella alla RC213V ufficiale condividendo il box con Marc Marquez anche per via della rinuncia di Yamaha a un team satellite nel 2023.

 

Appiedato invece Alex Marquez, stufo di Honda e degli scarsi risultati ma costretto a chiedere spazio – portando con sé una “dote” da un milione di euro del suo sponsor Estrella Galicia – altrove. Il milione di euro, centesimo più centesimo meno, fa gola ai due team ancora con una sella libera: Ducati Gresini e Aprilia RNF.

 

Facile che alla fine sia Ducati, perché il team principal malese dell’Aprilia RNF come da accordi con la casa di Noale non potrà decidere in autonomia non pagando di tasca propria i piloti, anche se il nome caldo è quello di Celestino Vietti che, però, non è sicuro di voler lasciare la Moto2 e uscire dal giro del team VR46, complice anche l’ultima infelice stagione di Valentino Rossi con il team malese attualmente motorizzato Yamaha.

 

In questo modo, oltre a completare quasi del tutto il puzzle, il fratellino di Marc non lascerà la MotoGP dopo sole 3 stagioni e sprazzi interessanti nonostante una Honda quasi indomabile.

 

L’ultimo tassello, ma prima si dovrà passare dal licenziamento di Raul Fernandez, a questo punto è nel team KTM Tech3, dove si è già accasato dopo la deludente parentesi in Honda Pol Espargaro. Con Morbidelli confermato in Yamaha al fianco di Quartararo, e il resto dei piloti che salvo stravolgimenti nella seconda metà di stagione ha già contratti in mano per il 2023.