TimGate
header.weather.state

Oggi 06 luglio 2022 - Aggiornato alle 02:00

 /    /    /  MotoGP, Miller passerà da Ducati in KTM dal 2023
MotoGP, Miller passerà da Ducati in KTM nel 2023

Jack Miller- Credit: Cordon Press / IPA / Fotogramma

MOTOMONDIALE18 maggio 2022

MotoGP, Miller passerà da Ducati in KTM nel 2023

di Samuele Ghidini

Con Bastianini al suo posto nel team ufficiale di Borgo Panigale. Oliveira verso il declassamento” nel team Tech3

L’annuncio a sorpresa dell’addio alla MotoGP da parte di Suzuki dalla fine della stagione 2022 ha anticipato di gran lunga i tempi del mercato piloti, con Pol Espargaro scaricato da Honda che avrebbe già firmato Joan Mir per il team ufficiale al fianco di Marc Marquez, e Aleix Espargaro che pur dichiarandosi innamorato di Aprilia non rinnova il contratto in scadenza.

 

Dopo la vittoria, la terza in carriera e in stagione di Enea Bastianini con la Ducati 2021 del team Gresini, Borgo Panigale e il manager del riminese hanno annunciato il rinnovo del contratto in scadenza sino al 2024, senza chiarire però per quale team e specificando solo che il 24enne romagnolo dalla prossima stagione avrà a disposizione una moto aggiornata e identica a quelle ufficiali.

 

Ma nel paddock, dopo che il passaggio di Martin dal team Pramac a quello ufficiale sembrava una formalità, è cosa nota che la lotta è diventata a due e sarà Jack Miller a farne le spese.

 

L’australiano, però, nel valzer già iniziato e nel quale c’è la “mina vagante” Rins e l’incognita Yamaha, avrebbe trovato un accordo con KTM dove prenderà il posto del portoghese Miguel Oliveira, che in questo caso troverebbe Francesco Guidotti nella veste  di team manager.

 

La combinazione potrebbe portare il team Ducati Pramac a proseguire con il duo composto da Zarco (già rinnovato) e Martin, mentre Oliveira dopo le dichiarazioni del team principal della Casa di Iwata, Lin Jarvis, passerebbe in Honda. Tra tutti a beneficiarne sarebbe il “Bestia”, promosso nel team Ducati ufficiale al fianco di Pecco Bagnaia per un trio tutto italiano.

 

La suggestione tale non è, visto che dopo il GP di Francia a Le Mans, chiuso al secondo posto, Miller ha incontrato Guidotti – diventato in questa stagione team manager dopo anni con Pramac - e il direttore del reparto corse KTM Pit Beirer.

 

Secondo quanto riportano diverse fonti, nel giro di pochi minuti le parti hanno raggiunto l’intesa e buttato giù una sorta di bozza del contratto che legherà Miller alla Casa austriaca dall’inizio del 2023 alla fine del 2024. Ovviamente nel team ufficiale al fianco del sudafricano Brad Binder.

 

Con Oliveira che, non essendo il primo obiettivo di Yamaha, potrebbe restare in KTM, retrocedendo però nel team satellite Tech3 al posto di Raul Fernandez, rivelatosi immaturo per la classe regina.

 

Paradossale, perché Breier era intenzionato a rinnovare nel team ufficiale con il portoghese, che però avrebbe sparato grosso pretendendo 5 milioni di euro a stagione con accordo quadriennale.

 

Anche se il manager della Casa di Mattighofen non è nuovo a piccole “vendette” di questo tipo, con Oliveira privato della moto ufficiale e, presumibilmente, con ingaggio decurtato nonostante gli ottimi ma altalenanti risultati delle ultime stagioni.