Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 21 aprile 2021 - Aggiornato alle 15:00
Live
  • 16:00 | A chi andrà il patrimonio del principe Filippo
  • 15:35 | Covid-19 seconda causa di morti dopo i tumori a marzo-aprile 2020
  • 15:32 | Chi è Luca Ravenna: età, fidanzata e carriera
  • 14:30 | Facebook: ecco le Live Audio Room per sfidare Clubhouse
  • 14:00 | Come vincere bici, monopattini e giardini idroponici con TIM Party
  • 14:00 | Le grandi mostre che riaprono il 26 aprile
  • 13:45 | “E dentro sono blu” è il nuovo singolo di Francesco Arpino, l’intervista
  • 13:44 | Covid, quali paesi hanno applicato il coprifuoco
  • 13:15 | Quali sono gli stili di arredo più amati
  • 12:48 | Deddy, inediti e testi del cantante di Amici 20
  • 12:38 | Coltivazione della soia e impatto ambientale, cosa dobbiamo sapere
  • 12:25 | Quali sono gli uccelli più rari?
  • 12:15 | La Cappella degli Scrovegni su Haltadefinizione
  • 12:14 | Setter irlandese: info e carattere di questa razza
  • 12:10 | Tutto su "Anna", la serie tv di Niccolò Ammaniti
  • 12:04 | 5 curiosità su Napoleone Bonaparte
  • 11:34 | Catherine Zeta-Jones e Michael Douglas festeggiano la figlia
  • 11:29 | Usa, condannato l'agente che uccise George Floyd
  • 11:18 | Il Borussia Dortmund vuole André Silva
  • 11:15 | Barbabietola al forno per un contorno light
La MotoGP tornerà in Ungheria nel 2023 con un GP su un nuovo circuito - Credit: Pixathlon / HZ/SIPA / IPA / Fotogramma
MOTOMONDIALE 5 marzo 2021

La MotoGP tornerà in Ungheria nel 2023 con un GP su un nuovo circuito

di Redazione

Ufficiale l’accordo tra il governo magiaro e Dorna che sancisce il ritorno del Motomondiale nel Paese dopo 31 anni

 

Dopo 31 lunghissimi anni, l’Ungheria dal 2023 ospiterà una gara di MotoGP e, più in generale, una tappa del motomondiale.

L’ufficialità è arrivata giovedì 4 marzo con la firma sul contratto tra Dorna – società iberica che organizza il Motomondiale – e il governo magiaro guidato dal discusso Viktor Orbàn (fresco di abbandono al PPE all'europarlamento) dopo un incontro tra le parti a Budapest.

 

L’intenzione è far disputare un GP in Ungheria su nuovo circuito ancora da costruire nei pressi di Debrecen, con data di inizio lavori fissata per la seconda metà del 2021.

 

Nella capitale magiara il CEO di Dorna Carmelo Ezpeleta e il ministro dell’Innovazione tecnologica del governo Orbàn, Laszlo Palkovics, hanno apposto le rispettive firme sul contratto.

 

L’intenzione, ovviamente, è riportare la MotoGP anche per i tifosi ungheresi e, contestualmente, aprire nuove porte al mercato collegato alla classe regina nell’Europa centrale e orientale, soprattutto dopo la definitiva scomparsa dal calendario dello storico GP della Repubblica Ceca sul tortuoso e spettacolare tracciato del circuito di Brno.

 

Come detto, il Motomondiale non mette letteralmente piede in terra magiara dal lontano 1992 quando, nella cornice dell’Hungaroring – circuito solitamente parte del calendario della Formula 1 e non delle moto - si perfezionò una doppietta italiana in 125 (Alex Gramigni) e 250 (Luca Cadalora), con Eddie Lawson in sella alla Cagiva trionfatore in 500.

 

Nel 2009 e 2010 si provò a riportare GP in Ungheria sempre su un circuito in costruzione, con ritardi nella realizzazione e nell’organizzazione a determinare la successiva cancellazione. Altra nota: i piloti magiari non sono mai stati tanti (anzi), e l’unico a vincere un titolo iridato è stato Gabor Talmacsi in 125 (2007) con Aprilia.

I più visti

Leggi tutto su Sport