Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 01 ottobre 2020 - Aggiornato alle 03:00
Live
  • 00:03 | Roland Garros, con Berrettini 9 azzurri al secondo turno
  • 23:26 | Prova di forza dell'Atalanta all'Olimpico: 4-1 alla Lazio
  • 21:00 | Coronavirus: il punto sulla pandemia
  • 20:56 | Il 40% della flora mondiale è a rischio di estinzione
  • 20:52 | Calcio, Genoa, salgono a 15 i positivi al Covid
  • 20:48 | Le certezze dell’Inter dopo il 5-2 al Benevento
  • 20:00 | WhatsApp: come avere un suono di notifica diverso per un contatto
  • 19:55 | Le accuse di Netanyahu a Hezbollah: "Un deposito di armi a Beirut"
  • 19:54 | Inter a valanga a Benevento, colpo Spezia a Udine
  • 19:37 | Google Meet, chiamate gratuite senza limiti di tempo fino a marzo 2021
  • 19:16 | Twitter: tweet vocali disponibili per Android e Web nel 2021
  • 19:15 | Shannen Doherty e il suo amore per la vita
  • 18:47 | NBA: il programma delle Finals 2020 tra Los Angeles Lakers e Miami Heat
  • 18:40 | Napoli, tutti negativi i test effettuati
  • 18:09 | Random dedica "Ritornerai 2" a una ragazza speciale
  • 17:56 | “Mank”, l’atteso nuovo film di David Fincher
  • 17:55 | MotoGP, Francesco Bagnaia passerà alla Ducati ufficiale nel 2021
  • 17:37 | Zendaya girerà un biopic su Ronnie Spector
  • 17:35 | Patate dolci al forno, fritte o in padella
  • 17:30 | Le idee del governo per l'economia italiana
NBA: vittorie per OKC e Clippers, Indiana piega Houston Joel Embiid e Ben Simmons, "coppia di cristallo" dei Sixers - Credit: Bill Streicher / IPA / Fotogramma
BASKE NBA 2019-2020 13 agosto 2020

NBA: vittorie per OKC e Clippers, Indiana piega Houston

di Federico Bandirali

Philadelphia ancora ko contro Miami. Definiti i primi accoppiamenti per i playoff

Terzultima notte di regular season nella “bolla”, con quattro match ai piani alti utili fondamentalmente per definire meglio gli accoppiamenti nel primo turno dei playoff nella notte tra mercoledì 12 e giovedì 13 agosto.

Arrivano altri verdetti e, a due giorni di distanza dalla fine della stagione regolare, l’attesa che cresce ulteriormente rispetto alla volata nella Western Conference per assegnare ottavo e nono posto, utile a capire chi si giocherà il play-in (spareggio) avendo il lusso di poter perdere una prima volta (l’ottava) e chi no tra Portland, Memphis, Phoenix e Spurs.

 

I risultati delle partite della notte Nba (13 agosto)

 

Houston Rockets-Indiana Pacers 104-108

Fuori Warren da una parte e Westbrook dall’altra, la sfida tra Indiana e Houston si resta punto a punto fino al 6’, con i Pacers a provare l’allungo, salire sul + 14 e non guardarsi più indietro, nonostante la disperata e infruttuosa rimonta dei Rockets nel finale.

 

Justin Holiday (18+6) è il miglior realizzatore dei suoi, con Oladipo in difficoltà al tiro nonostante i 16 a referto (2/12 da 3), ma solido negli altri aspetti del gioco (6 rimbalzi e 5 assist per “Dipo”. Doppia doppia da 18 e 12 rimbalzi per Myles Turner, mentre Harden mostra segni di risveglio. Il “Barba) dice 45 sfiorando la tripla doppia e percentuali dal campo ragguardevoli (17 rimbalzi, 9 assist e 7 triple a bersaglio su 14 tentativi. Predicare nel deserto, però, è impresa ardua.

 

Oklahoma City Thunder-Miami Heat 116-115

I Thunder di un redivivo Danilo Gallinari (14), centrano un successo in rimonta che definisce il seed per i playoff e condanna Miami a giocarsi il quarto posto a Est nell’ultimo match contro i Pacers, diretti rivali e probabili avversari nella postseason. Sotto di 22 in un match dominato da Miami, OKC trova nel quarto conclusivo due triple di Muscala (12) – inserite in un maxi-parziale da 34-15 – per portarla “virtualmente” a casa.

 

Prezioso una volta di più Bazely (21+9), con Chris Paul che ritroverà i Rockets nel primo turno dei playoff avendo la sete di vendetta di chi, non senza motivo, è stato scaricato per arrivare a Westbrook.

 

Il “Gallo” non canta e resta seduto nel finale, ma ci può stare visto che la testa è già ai playoff. Miami, comunque certa di giocare con i Pacers il primo turno playoff (da definire il “fattore campo” che tale non sarà nella bolla), gioca un primo tempo sublime in attacco, ma è tradita da Butler e Herro (30), sontuoso per tutto il match, fallisce il tiro della vittoria a fil di sirena.

 

Philadelphia 76ers-Toronto Raptors 121-125

Ennesimo successo nella “bolla” per i campioni in carica dei Toronto Raptors, caduti solo una volta in 7 uscite a Orlando. A farne le spese Philadelphia, a cui non bastano i rientri di Horford e Harris (22) e ora in fibrillazione per Embiid, reduce da un problema al ginocchio e costretto ad abbandonare il match a metà gara causa problemi al polso. Coach Nurse trova il canestro della vittoria da Stanley Johnson a 5” dalla sirena finale a coronare una rimonta dal -10.

 

Sei uomini in doppia cifra per Toronto (con Lowry a quota 19), cinque quelli di Sixers che in attesa di approfondimenti tremano per il loro centrone dopo aver già perso Ben Simmons per la sfida a dir poco classica contro i Boston Celtics nel primo turno della postseason.

 

Denver Nuggets-Los Angeles Clippers 111-124

Il duo George (27) Leonard (26) vede i playoff e sale di livello, affossando senza patemi i Nuggets con il secondo posto a Ovest ormai certo (dietro ai Lakers in un duello tutto losangelino che potrebbe essere anche la finale di Conference), con la certezza di sfidare al primo turno playoff i MAvs di Doncic e Porzingis.

 

Partita in equilibrio fino all’intervallo lungo, poi L.A. vola via e per Denver non c’è nulla da fare. Inutili i 25 di Jerami Grant, rientrato da un infortunio, con Jokic che mette a referto 17 punti e 13 assist, restando però sul pino di coach Malone (al pari di altri titolari) nel decisivo quarto conclusivo.

Leggi tutto su Sport