Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 30 novembre 2020 - Aggiornato alle 08:00
Live
  • 06:08 | Il Napoli vince nel nome di Maradona: 4-0 alla Roma
  • 23:54 | Ecco la task force che gestirà il Recovery Fund in italia
  • 23:31 | La classifica delle città in cui si vive meglio nel 2020
  • 21:45 | David Lynch lavora a una nuova serie tv (per Netflix)
  • 21:20 | L'omaggio del San Paolo prima di Napoli-Roma
  • 21:13 | Chi è Arianna Gianfelici e perchè è stata sospesa da Amici
  • 20:00 | Cagliari-Spezia 2-2, Nzola riaggiuanta i sardi al 96'
  • 19:48 | F1 in Bahrein: Grosjean è salvo, ma che paura!
  • 19:31 | Il commosso omaggio di Lionel Messi a Maradona
  • 19:24 | Cesare Cremonini e la schizofrenia: "Così mi sono salvato"
  • 19:10 | Operazione Risorgimento Digitale: "Verso l’eccellenza digitale"
  • 18:49 | Ancora un rapper ucciso negli Usa, chi era Lil Yase
  • 18:30 | Dove trascorrerà il Natale la regina Elisabetta?
  • 18:14 | Com'è "Love Not War", il nuovo singolo di Jason Derulo
  • 17:35 | Federica Laviosa: chi è e che lavoro fa l'ex di Piero Chiambretti
  • 17:30 | Covid-19, calo dei decessi in Italia: 541 in 24 ore
  • 17:25 | Come si fa il riso soffiato in casa: la ricetta
  • 17:07 | Sotto inchiesta il medico personale di Maradona
  • 17:05 | “Star Wars”, è morto l’attore che impersonava Darth Vader
  • 17:03 | Il Milan batte la Fiorentina e allunga in testa
Rudy Gobert Rudy Gobert - Credit: Chris Nicoll / IPA / Fotogramma
BASKET NBA 12 marzo 2020

NBA: Gobert e Mitchell positivi al coronavirus, stagione sospesa

di Federico Bandirali

Il centro francese pochi giorni prima ironizzava sul virus. Nba ferma e squadre in quarantena

Nell’arco di 60 minuti nel pieno dell’emergenza coronavirus, gli Usa sono stati “travolti” da due notizie prevedibili ma comunque eclatanti, seppur per motivi diversi con un unico punto in comune: la pandemia da Covid-19.

 

- LEGGI ANCHE - Coronavirus, tutte le ultime news sui contagi in Italia e nel mondo

 

Rudy Gobert positivo al coronavirus

Se da un lato il presidente Donald Trump ha bloccato tutti i voli in arrivo negli States dall’Europa per 30 giorni (escluso il Rego Unito) nella notte italiana tra l’11 e il 12 marzo, dall'altro anche lo sport a stelle e stricie è stato investito in pieno dalla pandemia: il centro francese degli Utah Jazz, Rudy Gobert, è risultato positivo al virus determinando, ovviamente, la sospensione immediata della stagione Nba, mentre era stato appena deciso di proseguire a porte chiuse.

 

Il caos dopo la prima positività

Nel pieno della notte italiana, dopo che alcuni match si erano già disputati regolarmente disputati (Philadelphia 76ers - Detroit Pistons 124-106, Atlanta Hawks - New York Knicks 131-136, Miami Heat - Charlotte Hornets 98-109) e poco prima della palla a due del match di Oklahoma City tra i Thunder di Danilo Gallinari e, appunto, la franchigia di Salt Lake City, gli arbitri sono stati informati della cosa, esattamente come il pubblico viste le conferme su siti di informazione e social.

 

La prima decisione è stata rispedire immediatamente le squadre negli spogliatoi, con incomprensibili fischi da parte dei tifosi sugli spalti, e dopo altri 30’ è arrivato il comunicato della National Basketball Association,

 

Nba: “Stagione sospesa fino ad un ulteriore aggiornamento”

La nota, stringatissima, della NBA ha chiarito subito: “Il risultato del test è arrivato poco prima della palla a due tra gli Oklahoma City Thunder e gli Utah Jazz alla Chesapeake Arena.

La gara è stata cancellata. Rudy Gobert non era nell’Arena”.

 

“La Nba – prosegue il comunicato - sospende la stagione a conclusione delle partite della notte in calendario fino ad ulteriore aggiornamento. Utilizzeremo questa pausa per valutare i prossimi passi da intraprendere in relazione alla pandemia da Covid-19”. Non lasciando dunque spazio ad ipotesi rispetto all’eventuale ripresa o, possibile, alla definitiva fine della stagione.

 

Anche Donovan Mitchell positivo al coronavirus

Dopo l’annuncio relativo a Gobert, ovviamente, i giocatori dei Jazz sono stati messi in una sorta di quarantena negli spogliatoi della Chesapeake Arena, con tanto di mascherine chirurgiche e guanti. Le autorità sanitarie della città, dopo 3 ore, sono arrivate sono entrate nello spogliatoio dei Jazz per sottoporre staff e atleti al tampone, prima di consentire ai Jazz di rientrare in hotel in attesa dei risultati.

 

Su 58 test eseguiti, come reso noto dalla franchigia, la stella della squadra Donovan Mitchell è l’unico caso di positività al coronavirus. Il resto della squadra, dunque, è stato autorizzato a tornare a Salt Lake City, mentre Gobert e Mitchell sono stati messi in quarantena senza potersi muovere.

 

Gobert e il discutibile sarcasmo sul coronavirus

Il centro francese dei Jazz, prima del match, era stato trasferito in un ospedale di Oklahoma City assieme al compagno Emmanuel Mudiay a causa di lievi sintomi influenzali e infiammazione respiratoria. Immediati i tamponi e, con i tempi necessari, gli esiti.

 

Mudiay “negativo”, Gobert positivo e asintomatico. E pensare che, ironia della sorte, solo due giorni prima (lunedì 9 marzo) il francese, ospite in radio, aveva ironizzato sulle misure da adottare per evitare di contrarre il virus, arrivando a toccare tutte le sedie e i microfoni dello studio per dar prova di come non temesse il Covid-19.  Esempio deprecabile, a prescindere dal triste esito del tampone.

 

Sette franchigie Nba in quarantena, ma presto saranno tutte e 30

Per il momento, una parte della Nba è in quarantena, con le sei squadre affrontate dai Jazz dal 27 febbraio al 10 marzo (Boston 2 volte, Washington, Cleveland, New York, Detroit e Toronto) a far compagnia alla franchigia del Colorado. Ma non è difficile ipotizzare che, qualora venisse riscontrata un’altra positività e, ad ogni modo, in via precauzionale, tutte le 30 squadre Nba siano davanti alla stessa sorte nel volgere di poche ore.   

 

I commenti dei giocatori

LeBron James ha subito detto la sua su Twitter, dopo aver “ingoiato il rospo” accettando di giocare a porte chiuse nonostante i primi rifiuti: “Stiamo cancellando eventi sportivi, scuole, il lavoro in ufficio. Quello che dovremmo cancellare è il 2020! Sono stati tre mesi durissimi. Dio vi benedica, rimanete al sicuro”, con chiaro riferimento anche alla scomparsa dell’ex Commissioner David Stern prima, e di Kobe Bryant (assiem alla figlia Gianna e ad altre 7 persone) poi in un gennaio "maledetto".

 

Un ragionamento più profondo e significativo è quello dell’esterno dei Portland Trail Blazers, CJ McCollum: “Spero che tutti i giocatori si prendano davvero del tempo per lavorare sulle loro vite al di fuori della pallacanestro”. Ma tutti hanno comunicato con i social: alcuni inviando messaggi rassicuranti, altri non celando lo shock per la situazione e molti invitando i fan a pregare perché la salute pubblica viene prima di tutto. Una cosa, comunque, è certa: il coronavirus ha scritto una pagina che rimarrà indelebile nella storia del basket professionistico nordamericano. E non in positivo.

I più visti

Leggi tutto su Sport