Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Per Conoscere
    • Ricette
    • Sport
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 20 giugno 2021 - Aggiornato alle 19:12
Live
  • 19:12 | MotoGP, le pagelle del GP di Germania 2021 al Sachsenring
  • 17:49 | L'Italia batte il Galles 1 a 0, super gol di Pessina
  • 17:46 | La playlist dei tormentoni dell'estate 2021 (per allenarsi)
  • 17:44 | Tutta Italia in zona bianca tranne la Valle d'Aosta
  • 17:24 | Covid, come ottenere il Green pass sull’app Immuni
  • 16:24 | MotoGP 2021, Marc Marquez risorge e torna a vincere al Sachsenring
  • 16:21 | Come va la campagna vaccinale in Italia
  • 16:12 | Il Milan ripensa a Zaccagni per la trequarti
  • 16:09 | Calcio e innovazione: il futuro (prossimo) è in streaming
  • 15:57 | “Doctor Foster”, la miniserie da non perdere su TIMVISION
  • 15:50 | Tutto su "Celebrity Hunted 2", in onda su Amazon Prime Video
  • 13:38 | La probabile formazione dell’Italia contro il Galles
  • 13:33 | Le repliche della regina a ogni nuova provocazione
  • 13:18 | Laura Pausini ha vinto il Nastro D'Argento 2021
  • 12:57 | Taylor Swift reincide il disco "Red" e confessa: "Ho il cuore spezzato"
  • 12:45 | Per un momento speciale...una musica speciale: 10 consigli per una playlist da sogno
  • 12:30 | Rihanna oggi, che fine ha fatto la popstar
  • 12:30 | Marsala vino: ricette con il famoso vino di Sicilia
  • 12:04 | Temptation Island 2021, quando inizia e le prime coppie annunciate
  • 11:33 | Festa della Musica 2021, tutti gli eventi da non perdere
Nba verso la ripartenza, Silver: “Con un picco contagi ci fermeremo” Adam Silver, Commisioner dell'NBA - Credit: ImageSPACE / IPA / Fotogramma
RIPARTENZA NBA 2019-2020 2 luglio 2020

Nba verso la ripartenza, Silver: “Con un picco contagi ci fermeremo”

di Federico Bandirali

Il numero uno della Lega teme che il coronavirus “entri” nella bolla Disney World tra luglio e ottobre

 

Entrati nel mese di luglio con le 22 franchigie coinvolte nella ripartenza ormai prossime ad isolarsi nella “bolla” di Disney World Orlando (dal 7 al 9 luglio), prima della palla a due del match inaugurale tra Utah Jazz e New Orleans Pelicans, l’incedere continuo della pandemia da coronavirus negli Usa preoccupa e non poco.

 

Il termine “positivo” ormai è un incubo per l’Association, che dopo il primo giro di test (302) con 16 cestisti positivi al coronavirus, continua a veder salire il numero di contagiati.

Alla lista si sono aggiunti infatti tre giocatori dei Phoenix Suns e tre tesserati (non è dato sapere se atleti o membri dello staff) dei New Orleans Pelicans di Nicolò Melli, che si aggiungono così a DeAndre Jordan e Spencer Dinwiddie dei Brooklyn Nets.

 

- LEGGI ANCHE - Nba, nei campi di Orlando ci sarà la scritta “Black Lives Matter”

- E ANCHE - Nba verso la ripartenza: 16 giocatori positivi al coronavirus

 

 

Con la Florida nuovo focolaio il Commissioner della Nba, Adam Silver, ha riaffermato una volta di più che nel malaugurato caso in cui a Disney World si dovesse registrare un picco di contagi la stagione verrà immediatamente fermata: “Facciamo i test ogni giorno, non abbiamo un numero soglia ma se i contagi dovessero crescere in modo significativo nel campus – ha chiarito intervistato dalla rivista Time -, la situazione potrebbe obbligare a fermarci.

Valuteremo giorno per giorno: se si tratterà di casi isolati è un conto, e bisognerà capire come il virus circola nella “bolla”. In caso di numeri “importanti” ci fermeremo, è impossibile pensare di scappare dal virus”.

 

Il fatto che la Florida abbia oltre 152mila persone positive, delle quali circa 9mila nella contea di Orange - dove è situata la “bolla” di Disney World Orlando - non lascia certo tranquillo il numero uno della Nba, sebbene a suo avviso i protocolli di sicurezza stilati dalla Lega e approvati anche dal virologo Anthony Fauci -membro della task-force governativa per affrontare l’emergenza sanitaria – siano “ottimi”.

 

- LEGGI ANCHE - Nba, il calendario ufficiale per la ripartenza: apre Utah-New Orleans

- E ANCHE - Nba: la stagione riprenderà ufficialmente a fine luglio con 22 squadre

 

Tuttavia non si può escludere che in un simile contesto il subdolo virus SARS-Cov-2 possa entrare nel complesso della Disney, con Silver a spiegare che la cautela è massima si questo versante: “Non pigiamo il piede sull’acceleratore. Se c'è una cosa che abbiamo imparato è che il virus è imprevedibile, pertanto qualora le condizioni ci dovessero imporre di farlo, potremo modificare i nostri piani".

 

Di certo l’isolamento che inizierà dalla seconda settimana di luglio fino a metà ottobre (data delle Finals) è davvero lungo e rischioso, ma il Commissioner ha ribadito il concetto: “Noi non pensiamo mai 'Andiamo avanti indipendentemente da tutto'. Onestamente non sono sicuro di quanti casi siano la soglia (per arrivare allo stop, ndr). Abbiamo un gruppo di scienziati, dottori ed esperti che collaborano con noi”.

 

Per poi concludere affermando: “Sono fermamente convinto che rimanere dentro al campus sarà più sicuro che rimanerne fuori: non sono al corrente di molte situazioni in cui ci siano tamponi di massa su impiegati asintomatici. Perciò il nostro potrebbe essere un modello anche per le altre industrie che intendono riaprire”.

Vero da un certo punto di vista, ma il coronavirus dopo l’euforia per la ripartenza ha ripreso a far tremare il magico e dorato mondo della Nba.

 

- LEGGI ANCHE - Nba, i problemi e le date chiave per la ripresa della stagione

I più visti

Leggi tutto su Sport