Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 24 settembre 2021 - Aggiornato alle 03:00
News
  • 20:55 | SBK, Chaz Davies si ritirerà a fine 2021: “Pronto a voltare pagina”
  • 18:30 | Le foto di Robert Doisneau esposte a Rovigo
  • 16:38 | Rincaro bollette, le mosse del governo per ridurre l’impatto
  • 15:00 | Draghi: il governo non aumenterà le tasse, momento per dare non prendere
  • 14:30 | Vaccini, perché le prime dosi sono aumentate nell’ultima settimana
  • 14:29 | A Tokyo una libreria dedicata allo scrittore Haruki Murakami
  • 14:26 | Come sarà il clima nelle città italiane alla fine di questo secolo
  • 12:45 | Ad Art Basel 2021 artisti e opere di alto livello
  • 11:48 | Gli Usa hanno autorizzato la terza dose per gli over 65
  • 11:45 | Il Milan vince e riaggancia l’Inter
  • 11:40 | La prima vittoria in campionato per la Juventus
  • 10:12 | 7 cose da fare e da vedere a Ivrea
  • 09:40 | Nuova power unit per Leclerc, partirà ultimo in Russia
  • 06:30 | Elezioni federali in Germania: le cose da sapere
  • 06:05 | Il green pass in parlamento e le altre notizie sulle prime pagine
  • 06:01 | Basket, Scola a Varese non sarà solo il nuovo amministratore delegato
  • 03:23 | Green pass obbligatorio sul luogo di lavoro: le cose da sapere
  • 19:50 | MotoGP 2021, Zarco operato al braccio destro: ci sarà ad Austin
  • 19:25 | SBK 2021, programma e orari del GP di Spagna a Jerez
  • 19:00 | Covid, 3.970 nuovi casi con l'1,4% di positività
nuoto-medaglie-staffetta-martinenghi - Credit: Fin media
tokyo2020 26 luglio 2021

Nuoto da medaglia: staffetta d’argento, Martinenghi di bronzo

di Franco Porto

Secondo posto per la 4x100 stile libero, terzo “Tete” nei 100 rana

Dalla delusione della scherma femminile, alla gioia del nuoto.

Alle 5.15 italiane quattro frecce tricolori solcano il cielo di Tokyo per un argento misto di storia e leggenda. La staffetta 4x100 stile libero per la prima volta sale sul podio olimpico e conquista la seconda medaglia dopo il bronzo della 4x200 stile libero di Massimiliano Rosolino, Filippo, Magnini, Simone Cercato ed Emiliano Brembilla ad Atene 2004.

 

Alessandro Miressi, Thomas Ceccon, Lorenzo Zazzeri e Manuel Frigo sono protagonisti di una cavalcata pazzesca, che li vede dietro solo ai mostri statunitensi, peraltro campioni uscenti. Il quartetto azzurro scende ancora sotto il recordo italiano (19 centesimi) già stabilito in batteria e chiude in 3’10”11 (Stati Uniti super in 3’08”97, Australia terza in 3’10”22).

 

Poco prima, Nicolò Martinenghi atteso nel mondo dei grandi da qualche stagione, si era scrollato di dosso l’etichetta di eterna promessa ed era entrato nell'olimpo del nuoto con il bronzo dei 100 rana in 58”33. Ventuno anni dopo Sydney 2000, quando Domenico Fioravanti conquistò il primo oro olimpico del nuoto italiano e poi bissò il successo nei 200 con Davide Rummolo di bronzo, la rana azzurra sale di nuovo i gradini del cielo.

 

Le parole degli staffettisti

“Siamo felicissimi, questa è una squadra grandiosa – sottolinea Miressi, seguito da Antonio Satta, che in batteria aveva nuotato in 47”46, a un centesimo dal suo primato italiano – L’ottima prestazione di Ceccon ci ha fatti risalire. Io ho faticato a prendere le misure di Dressel che è partito fortissimo, ma poi sono rientrato bene. Abbiamo fatto un pezzo di storia. Ho capito che è veramente dura ripetersi la mattina anche in ottica 100 stile libero”, conclude il 22enne torinese tesserato per Fiamme Oro e Centro Nuoto Torino.

 

Poi un grande Thomas Ceccon che rappresenta pienamente la nouvelle vague del nuoto italiano: “Già ieri sapevamo che avevamo buona possibilità di medaglia - spiega il 20enne di Schio seguito di Alberto Burlina per Fiamme Oro e Leosport, esploso con tre medaglie in staffetta ai recenti europei di Budapest - Stavo bene, me lo sentivo; un argento olimpico non è da tutti i giorni. Il doppio impegno non mi è pesato (in precedenza si era qualificato alla finale dei 100 dorso col quarto tempo). Ho fatto il mio miglior tempo da lanciato. Ora ci proverò anche nei 100 dorso dove tutto è possibile”.

 

Emozionato Lorenzo Zazzeri, tornato competitivo dopo un biennio difficile. Prima il bronzo continentale e ora un sogno che sembrava irrealizzabile per lui che non c’era due anni fa a Gwangju: “Non ho parole; abbiamo scritto una pagina bellissima dello sport italiano – racconta entusista il fiorentino che compirà 27 anni il 9 agosto – Eravamo convinti prima della gara di poter far bene, ma addirittura un argento mi sembra impossibile. L’ho sempre sognato da bambino, stringere questa medaglia è qualcosa di unico. È un sogno che diventa realtà”, ricorda l'atleta di Esercito e RN Florentia.

 

Così anche per Frigo: “Non so cosa dire, era impensabile già stare qui, è tutto fantastico. Questa medaglia mi ripaga di tutto. Ho tagliato tutto, anche i baffi per questo podio”, chiosa il 24enne di Cittadella, allenato dal tecnico federale Claudio Rossetto, tesserato per Fiamme Oro e Team Veneto, che tante staffette veloci ha visto passare partendo da Filippo Magnini.

 

La gioia di Martinenghi

“Ancora non mi rendo conto di cosa sia successo - racconta “Tete”, allenato da Marco Pedoja – è una cascata di emozioni; non ci credevo troppo prima della gara, ma ho cercato e voluto da tempo questa medaglia. Ho sognato gli ultimi 15 metri tante volte in allenamento. È favoloso”.

 

Un percorso iniziato Il 12 dicembre 2019, nel corso degli Assoluti invernali disputati a Riccione, dove vinse la finale dei 100 rana toccando in 58”75, primo italiano nella storia ad infrangere il muro dei 59 secondi e pass olimpico conquistato. Poi la delusione con il quinto posto in controprestazione a Budapest, subito lenito dai bronzi nei 50 rana, nella 4x100 mista e mista mixed. 

 

“Sono emozioni forti, un giorno lo capirò, ma ora sto su un’onda altissima e voglio surfarla fino alla fine – continua l'azzurro del CC Aniene – Ieri ho fatto fatica ad addormentarmi. Avevo tanti pensieri. Adesso riesco a comprendere le emozioni che hanno vissuto 21 anni fa Fioravanti e Rummolo. Ringrazio tantissimo anche il mio allenatore Marco Pedoja perché sapevamo entrambi da dove partivamo e qual'era il nostro obiettivo”, chiosa Martinenghi che è ancora l’attuale primatista mondiale juniores dei 50 e 100 rana.

I più visti

Leggi tutto su Sport