Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 29 settembre 2020 - Aggiornato alle 22:24
Live
  • 22:24 | Basket, Eurocup: Trento sbanca Bursa, Brescia va ko a Podgorica
  • 20:27 | L'Assemblea dei soci nomina cda, Dan Friedkin presidente
  • 20:24 | Aurelio De Laurentiis guarito, doppio tampone negativo
  • 20:00 | Coronavirus: il punto sulla pandemia
  • 19:56 | Amazon, il Prime Day 2020 si terrà ufficialmente il 13 e 14 ottobre
  • 19:48 | De Gregori annuncia tre concerti a Milano a fine 2020
  • 19:29 | Basket, Serie A 2020/2021: i top e flop della prima giornata
  • 19:20 | Coronavirus, New York verso nuovi "lockdown mirati"
  • 19:14 | "Come il sole" è la nuova canzone di Jacopo
  • 18:52 | Twitter mostrerà a tutti l’avviso “leggi prima di retwittare”
  • 18:37 | Google Meet ora cancella i rumori di sottofondo anche nell’app
  • 17:13 | Inzaghi: 'Con Hoedt e Pereira mercato chiuso'
  • 17:10 | Sileri: 'Abbracci ed esultanza in campo andrebbero vietati'
  • 17:02 | Addio al pin Inps: dal 1° ottobre non sarà più rilasciato
  • 16:13 | Insigne, un mese di stop, salta la Juventus e la Nazionale
  • 15:32 | Perché il presidente della Catalogna è stato rimosso dal suo incarico
  • 15:31 | Gasperini: 'Scudetto? Ci stanno tirando dentro'
  • 15:30 | Royal influencer: Queen Elizabeth e Kate in testa
  • 15:30 | Jada Pinkett racconta infedeltà e problemi con Will Smith
  • 15:10 | Il virologo del Napoli: 'Meglio rinviare la partita con la Juve'
Playoff NBA: Denver stende i Clippers in Gara 7 e riscrive la storia - Credit: Kevin C. Cox / IPA / Fotogramma
BASKET PLAYOFF NBA 2020 16 settembre 2020

Playoff NBA: Denver stende i Clippers in Gara 7 e riscrive la storia

di Federico Bandirali

Nel primo atto della finale ad Est, invece, Miami la spunta al supplementare contro i Celtics

Dopo una rara giornata di riposo, i Playoff Nba 2020 nella Bolla di Orlando sono ripresi con il primo atto della finale della Eastern Conference tra Boston Celtics e Miami Heat e, a seguire, hanno proposto l’attesissima Gara 7 di semifinale ad Ovest tra i Los Angeles Clippers e i Denver Nuggets.

Boston, dopo essere stata avanti per lunghi tratti del match, ha sprecato l’occasione per chiudere i conti nei tempi regolamentari, ed è stata sconfitta al supplementare dagli Heat. Denver, che era finita sotto 3-1 nella serie, esattamente come fatto nel primo turno di postseason contro gli Utah Jazz ha coronato la rimonta vincendo con merito sui favoritissimi Clippers.

 

Così, grazie alle sontuose prestazioni di Jamal Murray e Nikola Jokic, i Nuggets hanno riscritto la storia dell’Association diventando la prima squadra a rimontare dal 3-1 in due serie di playoff nella stessa stagione: risultato a dir poco clamoroso, considerando anche la caratura delle avversarie.

 

Playoff NBA 2020: i risultati delle partite giocate nella notte del 16 settembre

Finale Eastern Conference – Gara 1

Miami Heat (4) – Boston Celtics (3) 117-114 DTS

Serie sull’1-0

 

Partita di parziali quella tra Boston e Miami, con i Celtics ad approcciare meglio il match andando subito in doppia cifra di vantaggio, salvo vedersi rimontare dagli Heat rientrando negli spogliatoi per la pausa lunga sul 55 pari. Gli uomini di Stevens provano ad assestare il colpo del ko al rientro sul parquet piazzando un break di 28-16 ispirato dalla coppia Tatum-Smart.

 

Miami, però, non si dà per vinta e, possesso dopo possesso, rientra in partita affidandosi al collettivo, entrando comunque negli ultimi 60” dei regolamentari con 5 punti da recuperare. Herro e Butler infilano due triple dal peso specifico importante per il +1, ma Boston è lesta ad approfittare di un fallo a gioco fermo di Derrick Jones JR a 5” dal termine con Tatum glaciale dalla lunetta per la nuova parità, con l’ala dei Celtics a sbagliare la tripla del possibile successo a fil di sirena.

 

Boston insiste a inizio supplementare, ma gli uomini di coach Spoelstra non arretrano di mezzo centimetro ricucendo il gap grazie alle sortite di Goran Dragic (29 con 7 rimbalzi e 4 assist) e alle giocate risolutive di Jimmy Butler (20 , 5 rimbalzi e altrettanti assist), mentre il rookie Tyle Herro sfiora la tripla doppia (13+11+9) in uscita dalla panchina. A decidere, però, oltre alle triple dell’ex di turno Jae Crowder (22) è una stoppata clamorosa rifilata fa Bam Adebayo a Jayson Tatum nell’ultima azione del match.

 

Boston perde quindi il primo episodio della finale di Conference, nonostante i 30 di Tatum (conditi da 14 rimbalzi e 5 assist) e ai 26 di Marcus Smart, cecchino dalla lunga ma sulle ginocchia all’overtime.

 

Semifinale Western Conference – Gara 7

Denver Nuggets (3) – Los Angeles Clippers (2) 104-89

I Nuggets vincono la serie 4-3 e sfideranno i Lakers in finale di Conference

Denver lo fa ancora. Dopo la strabiliante rimonta al primo turno contro gli Utah Jazz, gli uomini di coach Malone ripetono l’impresa con i Clippers ed entrano nella storia dell’NBA in quanto prima franchigia ad aver mai rimontato per due volte dal 3-1 nei playoff.

La partita si apre con i Clippers a prendere il comando delle operazioni, come consuetudine, chiudendo sopra di 2 all’intervallo in un match senza domani. I Nuggets, esattamente come nei 2 episodi precedenti, al rientro sul parquet trovano in Jokic la giusta spalla per un abbacinante Jamal Murray (40), con il centro serbo che in attacco mostra spartiti di onnipotenza cestistica (16+22 con 13 assist) producendo in autonomia e mettendo in ritmo i compagni, a partire da Gary Harris e Jerami Grant (14 per entrambi).

 

I Clips si sciolgono come neve al sole, Leonard (!4) non ingrana e Paul George (10) è il fantasma di se stesso, con i Nuggets che piazzano un parziale di 50-33 facendo partire i titoli di coda. Clamorosa eliminazione per gli uomini di Rivers, a cui non bastano i 20 di Harrell per evitare un tracollo che, a logica, dovrebbe portare al cambio di allenatore per evidente spreco di risorse umane.

 

Svanisce dunque il sogno dei Clippers di giocarsi l’accesso alle Finals con contro i Lakers, mentre la favola di Denver sembra destinata a finire al cospetto di LeBron James.

Leggi tutto su Sport