Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 05 dicembre 2020 - Aggiornato alle 09:10
Live
  • 14:45 | Addio al penultimo cane della regina Elisabetta
  • 09:10 | Le 8 regioni che cambiano colore dal 6 dicembre
  • 06:00 | I titoli dei giornali di sabato 5 dicembre
  • 23:59 | Marc Marquez operato per la terza volta, 2021 a rischio
  • 21:04 | Prandelli, tre test negativi, può tornare ad allenare
  • 20:35 | Australian Open, nuovo inizio fissato per l’8 febbraio
  • 19:56 | Leclerc scommette su Russel in Bahrein
  • 19:27 | Biden e "i primi 100 giorni di mandato con la mascherina"
  • 18:48 | “Penguin Bloom”, l’atteso nuovo film targato Netflix
  • 18:30 | La regina Elisabetta e i furti dell’assistente
  • 18:15 | Sale e streaming: la nuova strategia della Warner Bros
  • 18:10 | Mariah Carey "salva" il Natale e canta "Oh Santa!" con Ariana Grande
  • 18:05 | Milan, tegola Kjaer: lesione al muscolo retto femorale
  • 18:03 | Giampaolo: 'Nel derby serve cuore e organizzazione'
  • 17:36 | I sacerdoti di Napoli: no allo stadio dedicato a Maradona
  • 17:35 | Torta salata con radici
  • 17:30 | Covid-19, Italia: 814 decessi in 24 ore
  • 16:50 | Le migliori app del 2020 secondo Apple
  • 16:47 | "AHIA!", il nuovo disco dei Pinguini Tattici Nucleari è su TIMMUSIC
  • 16:45 | L’anello di fidanzamento di Gwen Stefani
rugby-irlanda-italia-recupero - Credit: Federugby media
rugby 25 ottobre 2020

Ancora una sconfitta per l’Italrugby contro l’Irlanda

di Pierfrancesco Catucci

Nel recupero della quarta giornata del Sei Nazioni

Non si interrompe la serie negativa dell’Italia di rugby nel Guinness Sei Nazioni.

In uno spettrale Aviva Stadium di Dublino, la capitale irlandese si conferma tabù per Azzurri che, nel recupero della quarta giornata del Torneo, vengono fermati dal XV di casa 50-17.

 

Gli irlandesi rimangono in corsa per la vittoria finale nel Sei Nazioni 2020, mentre Bigi e compagni non riescono a smuovere la graduatoria in fondo a ottanta minuti in cui la squadra di Franco Smith - con l’esordiente Paolo Garbisi in cabina di regia con la maglia numero dieci di apertura - non rinunciano alla lotta, ma devono arrendersi ad un XV di casa superiore in ogni fase di gioco, e capace di imporre un alto numero di turnover a Bigi e compagni.

 

Da subito in salita la gara per l’Italia, che dopo essere andata in vantaggio con Garbisi dalla piazzola dopo pochi minuti non riesce a sfruttare la superiorità numerica concessa dal direttore di gara Carley per un fallo di antigioco commesso da Murray: in quindici contro quattordici, dopo il centro dell’esordiente numero dieci azzurro, il passivo italiano è di dieci a zero.

 

A fare la differenza l’aggressività della difesa irlandese, arrembante dal primo all’ultimo minuto e capace di forzare numerosissimi cambi di possesso, rientrando in possesso dell’ovale e limitando le iniziative d’attacco degli Azzurri, spesso messi nell’impossibilità di avanzare.

 

Sette, al fischio finale, le mete concesse, quattro delle quali in un faticoso quarto finale di gara dove l’Irlanda completa un lungo lavoro di logorio ai fianchi per allungare nel punteggio e conquistare un bonus che la tiene in corsa per la vittoria finale del Champioship. A illuminare il finale di gara, per l’Italia, la bella meta di Garbisi, ad impreziosire un debutto convincente per la giovane apertura veneziana della Benetton Rugby.

 

Sabato 31 ottobre all’Olimpico l’Italia giocherà contro l’Inghilterra nella gara conclusiva del torneo.

Una nuova opportunità di continuare nel lavoro di costruzione di un gruppo giovane e profondamente rinnovato da Smith e dai suoi collaboratori contro i vice-campioni del mondo.

I più visti

Leggi tutto su Sport