TimGate
header.weather.state

Oggi 20 maggio 2022 - Aggiornato alle 23:00

 /    /    /  sainz bilancio ferrari
Sainz traccia il primo bilancio dopo un anno in Ferrari

- Credit: Fotogramma/IPA

formula 108 dicembre 2021

Sainz traccia il primo bilancio dopo un anno in Ferrari

di Franco Porto

Il pilota spagnolo è intervenuto a un evento di Expo 2020 Dubai

Domenica ad Abu Dhabi si concluderà la prima stagione di Carlos Sainz in Ferrari. Il pilota spagnolo è intervenuto a un evento di Expo 2020 Dubai e ha tracciato un primo bilancio della sua prima stagione in Rosso. “Per me è stato un primo anno positivo alla Ferrari. È stata una grande sfida essere veloce e portare punti e progressi per la squadra senza alcun test invernale prima di saltare su una nuova macchina e penso di essere riuscito a raggiungere questo obiettivo. Ho avuto alcuni podi e un bel po’ di piazzamenti a punti. Penso di poter finire la stagione alla grande e mi sento pronto per qualunque cosa accada nel 2022”.

 

Sainz si trova negli Emirati per l’ultima gara della stagione, il Gran Premio di Abu Dhabi che si terrà nel weekend e che assegnerà il titolo tra Hamilton e Verstappen: “Spero di poter finire la stagione alla grande, spero di essere tra i primi cinque, forse anche un podio. Mi sono sentito davvero a mio agio in queste ultime gare e non vedo l’ora di completare l’ultima gara alla grande. Amo correre qui in Medio Oriente e nel Golfo, amo sempre l’atmosfera delle città moderne. La gara di Abu Dhabi è sempre emozionante e, si spera, con la nuova pista e il nuovo layout, sarà ancora più bella”.

 

Durante la sua visita a Expo, il pilota ha visitato il padiglione della Spagna. “Mi sento molto orgoglioso. Non trascorro abbastanza tempo in Spagna a causa dei viaggi e vivo in Italia, quindi è stata una buona opportunità per ricordare il mio paese e tutti i posti fantastici che ha”.

 

Parlando dei temi di innovazione e sostenibilità promossi dall'Expo, Sainz ha ricordato che “la Formula 1 tende ad essere un mondo pioniere quando si tratta di tecnologia ibrida per l'innovazione delle auto stradali e che entro il 2030, la F1 dovrebbe avere un’impronta di carbonio netta pari a zero: è un piano ambizioso, ma sono sicuro che possiamo realizzarlo”.