TimGate
header.weather.state

Oggi 06 ottobre 2022 - Aggiornato alle 06:00

 /    /    /  Il Settebello batte gli Usa e vince la World League
Il Settebello batte gli Usa e vince la World League

- Credit: Federnuoto media

pallanuoto28 luglio 2022

Il Settebello batte gli Usa e vince la World League

Era l'unico titolo che mancava nella bacheca della nazionale italiana più titolata

Storia migliore il Settebello di Alessandro Campagna non poteva scriverla. A Strasburgo, in una finale inedita, batte 13-9 gli Stati Uniti e conquista per la prima volta nella sua lunga avventura la World League, ultimo ed unico trofeo che mancava nell'infinita bacheca, che l'ha resa la squadra più titolata dello sport italiano.

 

Un successo dal sapore epico per l'Italia seconda nel 2003, nel 2011 e nel 2017. La vittoria con la Spagna che era sfumata ai rigori a Budapest nella finale mondiale è arrivata, meritatissima, in semifinale martedì; quella con gli USA, dopo la quinta partita in 15 giorni, la più importante di tutte, è arrivata nel momento in cui contava. Questa squadra non finisce mai di sorprenderci e regalarci emozioni grandi.

 

L'equilibrio nell'ultimo atto della Superfinal di Strasburgo dura fino al 4-4 di metà gara. Poi il Settebello scappa nel terzo tempo con due micidiali mini break: il secondo firmato da due reti di Damonte, autore di una tripletta ed Mvp del match, ed una di Di Somma vale il decisivo 10-5.

 

Un trionfo totale per gli azzurri, con Giacomo Cannella premiato come miglior giocatore della final eight. Sul gradino più basso del podio salgono i campioni del mondo e vice campioni olimpici della Spagna che nella finale per il terzo posto, diretta da Alessandro Severo in coppia con lo statunitense Spiritosanto, battono 11-8 la Francia padrona di casa.

 

'Abbiamo disputato una bellissima partita – commenta il c.t. Sandro Campagna – soprattutto in fase difensiva. Abbiamo contenuto molto bene Hallock, con tanti giocatori che spesso si sono sacrificati in marcatura. All'inizio eravamo bloccati in attacco, ma poi ci siamo sciolti e abbiamo anche dominato. Potevamo vincere anche con un maggior numero di gol. Alla fine abbiamo accusato un po' la stanchezza, direi fisiolofica dopo tante partite ravvicinate'.