TimGate
header.weather.state

Oggi 12 agosto 2022 - Aggiornato alle 09:15

 /    /    /  Il Setterosa si fa rimontare: niente bronzo mondiale, è quarto
Il Setterosa si fa rimontare: niente bronzo mondiale, è quarto

- Credit: Federnuoto media

a budapest03 luglio 2022

Il Setterosa si fa rimontare: niente bronzo mondiale, è quarto

di Franco Porto

Le azzurre, avanti 4-1, perdono 5-7 dopo un blackout negli ultimi due periodi

Che peccato. Il Setterosa si fa rimontare dall'Olanda e perde la finale per il terzo posto al Mondiale di nuoto di Budapest. Da 4-1 a 4-7 in venti minuti. Poi il gol conclusivo di Marletta per il 5-7 finale. Timido in avvio, volitivo e superiore per due tempi, il team azzurro si scioglie nel terzo e quarto periodo.

 

Nuota, sgomita e ci mette il cuore ma l'Olanda costruisce la sua medaglia di bronzo con pazienza e un pizzico di fortuna in più. Primi due tempi avanti con un doppio 2-1, lungo black out e il gol che non arriva più con la stessa facilità. È comunque una squadra in costruzione che sta crescendo e torna tra le prime quattro al mondo dopo sette anni, dopo Kazan 2015 quando aveva conquistato la medaglia di bronzo.

 

Gli Stati Uniti olimpionici, si confermano campioni del mondo per la settima volta e quarta consecutiva battendo 9-7 l'Ungheria davanti ad oltre seimila spettatori che sognavano l'impresa, che in parte avrebbe ripagato la delusione del team maschile.

 

'Sul 4-2 – commenta il commissario tecnico Carlo Silipo – abbiamo concesso gol a uomini pari dal centro, soluzione che noi in genere non lasciamo agli avversari. Abbiamo così rimesso in partita una squadra in difficoltà. Dobbiamo analizzare questo calo e continuare a lavorare in vista delle prossime competizioni per migliorare tanti aspetti del nostro gioco'.

 

'Le ragazze – conclude – sono state brave a costruire grazie a una buona difensiva, però in avanti potevamo sfruttare meglio alcune situazioni. Al Setterosa manca ancora la sua proverbiale cattiveria, che è sempre esistita. Questi passi falsi aiutano a far uscire la cattiveria. Adesso abbiamo un'altra opportunità: gli Europei di Spalato, continueremo a lavorare in queste settimane per farci trovare pronti'.

 

'Siamo entrate bene in acqua – aggiunge il capitano Valeria Palmieri – ma poi siamo diventate poco ciniche in attacco e le olandesi ci hanno punito. Lavoreremo tantissimo per crescere ancora. Siamo tra le prime quattro al mondo e dobbiamo vedere il bicchiere mezzo pieno: era tanto che non arrivavamo a questi livelli. La strada intrapresa è quella giusta: nel gruppo c'è grande entusiasmo'.