TimGate
header.weather.state

Oggi 06 agosto 2022 - Aggiornato alle 11:31

 /    /    /  Dopo Silverstone, la Ferrari si interroga sulle scelte di strategia
Dopo Silverstone, la Ferrari si interroga sulle scelte di strategia

- Credit: Fotogramma/IPA

formula 104 luglio 2022

Dopo Silverstone, la Ferrari si interroga sulle scelte di strategia

di Franco Porto

È giusto considerare i due piloti alla pari, quando uno sta lottando per il Mondiale?

Il giorno dopo il gran premio di Silverstone, sarà il giorno delle analisi in casa Ferrari. Non c'è troppo tempo per guardarsi indietro, domenica si corre di nuovo in Austria (in casa delle Red Bull), ma mettere un punto dopo le decisioni e la rabbia (di Leclerc) dell'Inghilterra è fondamentale per andare avanti.

 

La Ferrari ha fatto una scelta, coerente con quello che Binotto ha detto sin dal primo momento: i due piloti sono alla pari. In discussione, a questo punto, è proprio quella scelta. Sono davvero alla pari nel momento in cui Leclerc è in lotta con Verstappen per il titolo mondiale?

 

Binotto, pochi minuti dopo l'arrivo, è stato inquadrato mentre discuteva animatamente con un Leclerc furioso: 'Gli ho detto di calmarsi – ha spiegato in seguito – perché ha fatto un garone'. Il problema è che questo garone non gli ha permesso di recuperare tutto quello che avrebbe potuto su Verstappen a causa della scelta del muretto che, a nove giri dalla fine, con la safety car in pista, ha cambiato le gomme a Sainz e non a lui.

 

'Da questo punto di vista è stata un'occasione persa – riconosce il team principal – però credo che bisogni essere molto soddisfatti perché Charles stava vincendo a pochi giri dalla fine se non fosse stato per una Safety Car. Stava andando forte. È un quarto posto strameritato da parte sua. Oggi forse si poteva fare di più, c'è amarezza ma è frutto di circostanze esterne'.

 

Il tema, però, resta la possibilità di un doppio pit stop: 'Non c'era abbastanza distanza tra le due vetture, se li avessimo fermati entrambi chi era dietro avrebbe perso ulteriori posizioni. A quel punto abbiamo scelto di richiamare Carlos per due motivi: il primo è che Charles in quel momento era in testa, così avrebbe mantenuto la posizione; il secondo è che aveva le gomme più fresche tra i due. Speravamo in un degrado maggiore delle Soft negli ultimi giri che avrebbe permesso a Charles di rifarsi, ma così non è andata'.

 

Ma tutto questo, come sottolineato con grande spirito di sportività da parte di Leclerc, non deve oscurare la prima vittoria in Formula 1 di Sainz, applaudito anche da Binotto: 'Contentissimo per lui, dopo 150 gran premi vince la prima e lo fa con la Ferrari. Fa piacere, ha messo insieme un bellissimo week end con la pole di ieri, è stato costante e alla fine per lui è arrivata una vittoria meritata. Un successo per noi, qui a Silverstone, in territorio inglese. Era importante tornare a vincere, l'abbiamo fatto qui a Silverstone'.