TimGate
header.weather.state

Oggi 06 luglio 2022 - Aggiornato alle 20:08

 /    /    /  SBK 2022, Estoril: Bautista beffa Razgatlioglu e vince Gara 1
SBK 2022, Estoril: Bautista beffa Razgatlioglu e vince Gara 1

Avaro Bautista- Credit: Otto Moretti / ipa-agency.net / Fotogramma

SUPERBIKE 202221 maggio 2022

SBK 2022, Estoril: Bautista beffa Razgatlioglu e vince Gara 1

di Samuele Ghidini

Lo spagnolo della Ducati brucia il turco della Yamaha al fotofinish e allunga in classifica su Rea, 3° al traguardo

Alvaro Bautista di conferma tra i candidati per il titolo mondiale superbike 2022 dopo il ritorno in Ducati, e con una prestazione straordinaria nella quale il motore della Panigale V4R ha fatto la differenza si impone in volata in Gara 1 del GP di Portogallo 2022 all’Estoril. Lo spagnolo, infatti, dopo essere rimasto sul codone della Yamaha del campione in carica Toprak Razgatlioglu, infatti, pur essendo arrivato in seconda posizione all’ultima curva, sulla retta conclusiva sfruttando i cavalli della Ducati beffa il turco ed è il primo a vedere la bandiera a scacchi sventolare.

 

Il sei volte iridato Rea (Kawasaki), dopo essere rimasto in lotta per la prima metà di gara con i due rivali, nel finale ha mollato decidendo saggiamente di non esagerare e accomodarsi sul gradino più basso del podio in una lotta a 3 per il mondiale che, salvo sorprese, terrà banco fino a fine stagione con ogni singolo punto a pesare per gli esiti del campionato.

 

Gara strana, con Rea a scattare dalla pole dando vita ad un acceso duello a due con Razgatlioglu nel quale non è mancato un contatto e i due apparentemente diretti a giocarsi la vittoria, salvo vedere risalire lo spagnolo della Ducati che, dopo essere scattato malino al via, ha dato inizio a una rimonta forsennata recuperando decimi ad ogni giro sul duo di testa fino ad aspettare il momento giusto (ovvero l’ultimo) per far sua la prima manche del Round portoghese, terzo della stagione 2022.

 

Con questo successo Bautista resta in testa alla classifica generale aumentando a 27 punti il vantaggio su Rea, e vista la prova di forza salvo imprevisti ha tutte le possibilità per ripetersi sia nella Superpole Race che in Gara 2 dilatando ulteriormente il margine in classifica.

 

Dietro ai tre in lotta per il titolo altra buona prova di Locatelli, quarto con la seconda Yamaha ufficiale davanti alle Honda di Xavi Vierge e Iker Lecuona. Settima posizione per la seconda Ninja di Lowes a precedere la BMW di Scott Redding, con la Ducati ufficiale di Michael Ruben Rinaldi e il francese Loris Baz a chiudere la top 10.