TimGate
header.weather.state

Oggi 04 ottobre 2022 - Aggiornato alle 11:37

 /    /    /  SBK, Lecuona e Verge correranno con Honda nel 2022
SBK, Lecuona e Verge correranno con Honda nel 2022

Iker Lecuona a Misano (24 ottobre 2021)- Credit: Cordon Press / IPA / Fotogramma

SUPERBKE 202226 ottobre 2021

SBK, Lecuona e Verge correranno con Honda nel 2022

di Simone Colombo

Il primo arriva dalla MotoGP con KTM, il secondo dalla Moto2. Nuovo progetto pluriennale per la Casa di Tokyo

 

Honda, ai saluti sia con Alvaro Bautista (che tornerà in Ducati) che con Leon Haslam dopo l’ultimo Round del Mondiale Superbike, in programma in Indonesia dal 14 al 16 novembre e decisivo nella lotta per il titolo iridato tra Razgatlioglu e il sei volte iridato nonché campione in carica Jonathan Rea, ha scelto finalmente i piloti per la stagione 2022. La Casa di Tokyo, fallito l’ambizioso progetto che aveva convinto Bautista nel 2020, ha deciso di attingere a piene mani dal Motomondiale e affiderà le Fireblade CBR1000RR-R alla coppia spagnola formata da Iker Lecuona – attualmente in MotoGP con la KTM del team Tech3 – e al centauro della Kalex SRT in Moto2 Xavi Vierge.

 

Due giovani per tentare la risalita, con tanta esperienza nonostante l’età per un progetto evidentemente pluriennale. Lecuona, nato 21 anni orsono a Valencia, dopo aver debuttato in Moto2 nel 2016 conquistando due podi fino al 2019, è poi passato senza meriti apparenti se non la giovanissima età nella classe regina, nella quale in due stagioni ha ottenuto un 6° posto come miglior piazzamento.

 

Vierge, catalano, è entrato nel Motomondiale più tardi di Lecuona, visti i 24 anni di età. In Moto2 dal 2015, il centauro di Barcellona non ha mai entusiasmato troppo, raccogliendo quattro podi in sei anni di cui uno (terzo posto) nella stagione in corso nel GP di casa al Montmelò.

 

Evidente come nessuno dei due abbia esperienza per sviluppare una moto lenta rispetto alla concorrenza, pertanto il ruolo di collaudatore dovrà essere obbligatoriamente affidato ad un pilota più esperto, lasciando che nel frattempo i due maturino e possano quindi lottare al vertice.