TimGate
header.weather.state

Oggi 06 ottobre 2022 - Aggiornato alle 07:00

 /    /    /  SBK 2022, Rep. Ceca: Bautista trionfa in Gara 1 a Most
SBK 2022, Rep. Ceca: Bautista trionfa in Gara 1 a Most

Alvaro Bautista- Credit: Otto Moretti / ipa-agency.net / Fotogramma

Moto30 luglio 2022

SBK 2022, Rep. Ceca: Bautista trionfa in Gara 1 a Most

di Samuele Ghidini

Seconda piazza per Razgatlioglu davanti a Redding e a Rea. Quinto Bassani

Dopo essersi quasi nascosto tanto nelle Libere quanto nella Superpole, il leader della classifica iridata del mondiale Superbike 2022, Alvaro Bautista, vince di prepotenza Gara 1 a Most, primo atto del sesto round iridato. Lo spagnolo della Ducati, che nel 2021 non era sceso in pista in Repubblica Ceca e quindi all'esordio sul tracciato, in gara si è dimostrato imbattibile.

 

Scattato dalla quarta casella al via, infatti, lo spagnolo ha messo la sua Panigale V4 R immediatamente in scia ai due favoriti della vigilia, ovvero Toprak Razgatlioglu con la sua Yamaha e Jonathan Rea in sella alla Kawasaki, approfittando di una leggera pioggerellina abbattutasi sul circuito per sorpassarli e poi, sull'umido, gestire da maestro gli pneumatici.

 

Presa la testa della corsa, Bautista è scappato senza lasciare spazio a repliche timbrando anche il giro veloce nelle tornate conclusive di Gara 1, per centrare il settimo successo stagionale che vale un nuovo allungo in classifica e l'attesissimo podio numero 1.000 per Ducati nelle derivate di serie.

 

 

Seconda piazza al traguardo per Razgatlioglu, mentre Rea – autore di una pole stratosferica con nuovo record della pista) è stato beffato nel finale da Scott Redding, partito male in sella alla BMW ufficiale ma bravo nello sfruttare la pioggia per risalire la china e chiudere in terza posizione davanti al nordirlandese della Kawasaki. Il tutto dopo essersi portato addirittura in seconda posizione, incassando sì il sorpasso del turco della Yamaha ma non quello, tentato più volte, del sei volte iridato.

 

Quinta posizione per un convincente Bassani, migliore dei piloti indipendenti con la Ducati del team Motocorsa Racing e capace di precedere la seconda Yamaha ufficiale di Andrea Locatelli e la Panigale V4 R di Michael Ruben Rinaldi, scattato dalla terza casella al via ma fermato prima da un contatto con Locatelli, e poi da un passo gara decisamente deludente.

 

Chiudono la top-10, nell'ordine, Iker Lecuona (Honda), Alex Lowes (Kawasaki) e lo statunitense Garrett Gerloff (Yamaha indipendente) , con Luca Bernardi ottimo 14° in sella alla Ducati del team Barni.