TimGate
header.weather.state

Oggi 05 ottobre 2022 - Aggiornato alle 05:00

 /    /    /  Laver Cup, cosa ha detto Roger Federer prima della sua ultima gara
Laver Cup, cosa ha detto Roger Federer prima della sua ultima gara

Roger Federer- Credit: James Manning / Ipa-Agency.net / Fotogramma

TENNIS21 settembre 2022

Laver Cup, cosa ha detto Roger Federer prima della sua ultima gara

di Tommaso Passera

Il campione svizzero ha parlato per la prima volta dopo l'annuncio del suo ritiro

Dopo l'annuncio del suo ritiro, Roger Federer nella conferenza stampa di presentazione della Laver Cup in programma il prossimo week end a Londra, per la prima volta ha risposto alle domande dei giornalisti. Ecco alcuni passaggi salienti delle risposte date dal campione svizzero.

Come è nata la decisione del ritiro

'Ero demoralizzato  quando ho capito che si avvicinava la fine. È successo dopo Wimbledon. Ero in vacanza, quest'estate. Non ne ho parlato con nessuno a parte la mia squadra e la mia famiglia. Avrei voluto giocare per sempre, ma non è possibile. Ora voglio che le persone siano felici del mio addio e non passino tutto il tempo a dirmi che gli dispiace'.

Il futuro

'Voglio vedere alcune mie partite e leggere tutto ciò che è stato scritto su di me che non ho ancora letto. Passerò più tempo con la mia famiglia, andremo in vacanza. Mi rivedrete. Non so come, non so dove, ma tornerò. Non diventerò un fantasma. Il tennis mi ha dato tantissimo, non voglio sparire. Non sono quel tipo di persona, voglio continuare a vedere le persone, gli appassionati. In quale maniera ancora non lo so, ma non scomparirò'.

L'ultimo appuntamento

'Ho chiesto di giocare solo in doppio, era la mia preoccupazione, non volevo creare problemi, conosco i miei limiti. Mi sono comunque stupito di come sono riuscito ad allenarmi bene qui a Londra, ma la verità è che sono in grado di giocare solo un match. Poterlo fare con Nadal sarebbe un'occasione unica, dopo tutte le battaglie che abbiamo avuto in campo e il bel rapporto fra di noi. Probabilmente sarà venerdì, e da sabato Matteo Berrettini mi sostituirà'.

Rimpianti e momenti da ricordare

'Sì, ho avuto dei momenti difficili, delle sconfitte dure, ma sono state tutte occasioni che mi hanno consentito di crescere, di migliorarmi e ottenere tanti successi di cui ero grato. Momenti speciali? Ce ne sono tanti, impossibile scegliere. Certo ricordo la vittoria a Wimbledon contro Sampras, la vittoria al Roland Garros, il ritorno alla vittoria in Australia dopo lo stop del 2016, ma ci sono anche altre occasioni, meno evidenti, in cui ho imparato qualcosa'.