Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 07 agosto 2020 - Aggiornato alle 05:00
Live
  • 08:46 | Ora Twitter permette di scegliere chi può replicare ai propri tweet
  • 21:40 | La Roma dà primo dispiacere a Friedkin, fuori dall'Europa League
  • 19:50 | Stai pensando di acquistare un divano colorato?
  • 18:00 | Buon compleanno Marco Liorni
  • 17:51 | Barcellona-Inter, lo scambio di Lautaro dipende da Suarez
  • 17:16 | Sarri pensa oltre il Lione: 'Non credo sarà mia ultima partita'
  • 17:00 | TIM FLEXY: Internet veloce per le seconde case, solo quando serve
  • 17:00 | Scuola: quando si ricomincia, regione per regione
  • 16:52 | Milan, arriva Kalulu (classe 200) a parametro zero
  • 16:50 | Distanza su bus e treni: cosa è stato deciso finora
  • 16:45 | Inter, 3 motivi per cui Conte può essere soddisfatto
  • 16:24 | La Premier League torna alle tre sostituzioni
  • 16:23 | Barcellona-Napoli? 'Maradona tiferà per gli azzurri'
  • 16:20 | L’Udinese ha deciso: si va avanti con Gotti
  • 16:20 | Sondaggi Usa 2020: Biden in testa negli Stati chiave
  • 16:00 | L’omaggio di Kate a nonna Valerie
  • 15:30 | Coronavirus: il punto sulla pandemia
  • 14:59 | Instagram Reels disponibile in Italia, la sfida a TikTok è globale
  • 14:18 | Atalanta e Moioli tornano a scusarsi con tifoso Napoli insultato
  • 13:18 | Ferrari, il bis di Silverstone per migliorarsi ancora
zanardi-incidente-ultime-news - Credit: Fotogramma
SPORT 7 luglio 2020

I medici valutano di risvegliare Zanardi

di Pierfrancesco Catucci

Lunedì il terzo intervento chirurgico maxillo-facciale

Si profila l’ipotesi dell’inizio di un percorso di lento risveglio per Alex Zanardi, ricoverato dal 19 giugno al Policlinico di Siena dopo un grave incidente in handbike sulla strada provinciale 146, a Pienza, nel senese, che lo ha visto scontrarsi contro un tir che procedeva in direzione opposta.

Dopo tre interventi chirurgici e un quadro clinico stabile (ma ancora grave dal punto di vista neurologico), i medici stanno valutando se ridurre lentamente le dosi dei farmaci che lo tengono sedato per avere un quadro più chiaro delle conseguenze neurologiche del campione paralimpico.

 

Lunedì Zanardi si è sottoposto alla terza operazione chirurgica da quando è ricoverato (la prima all'arrivo in ospedale in gravissime condizioni, la seconda al cervello qualche settimana più tardi). L’intervento maxillo-facciale effettuato lunedì pomeriggio, si legge nel bollettino medico della direzione del policlinico universitario di Santa Maria alle Scotte di Siena, rientra tra gli interventi programmati dall'équipe multidisciplinare che ha in cura l'ex pilota di Formula 1 “per permettere ogni prosecuzione del percorso terapeutico”.

 

"Le fratture erano complesse – ha spiegato il direttore della divisione di chirurgia maxillo-facciale Paolo Gennaro – e hanno richiesto un'accurata programmazione che si è avvalsa di tecnologie computerizzate, digitali e tridimensionali, fatte a misura del paziente. La complessità del caso era piuttosto singolare, anche se si tratta di una tipologia di frattura che nel nostro centro affrontiamo in maniera routinaria”.

 

L’intervento è durato 5 ore, dopodiché Zanardi è stato ricoverato di nuovo nel reparto di terapia intensiva e “resta sedato e ventilato meccanicamente: le sue condizioni rimangono stabili dal punto di vista cardio-respiratorio e metabolico, gravi dal punto di vista neurologico, la prognosi rimane riservata”.

 

La lettera di Papa Francesco

Intanto mercoledì 24 giugno, per il tramite della Gazzetta dello Sport, anche Papa Francesco ha scritto a Zanardi. “Carissimo Alessandro – scrive il Pontefice – la sua storia è un esempio di come riuscire a ripartire dopo uno stop improvviso. Attraverso lo sport ha insegnato a vivere la vita da protagonista, facendo della disabilità una lezione di umanità. Grazie per aver dato forza a chi l’aveva perduta. In questo momento tanto doloroso le sono vicino, prego per lei e la sua famiglia. Che il Signore la benedica e la Madonna la custodisca. Fraternamente. Francesco”.

 

Il racconto del soccorritore

Sul Corriere della Sera, invece, ha parlato Roberto Biagioni, il medico del 118 che ha soccorso Zanardi con l’elicottero: “In quelle condizioni poteva resistere pochi minuti soltanto. La mia collega lo aveva trovato in uno stato comatoso, con momenti di agitazione. Muoveva le braccia in modo sconnesso, urlava. Il volto era devastato dalle tante fratture. Ma quello che ci preoccupava di più in quel momento era la lesione, molto grave, che dall’occhio destro si allungava su tutta la faccia. Poi aveva altre lesioni alla testa”.

 

“Sono intervenuto su casi persino peggiori – prosegue – e a volte si sono risolti positivamente anche contro le nostre previsioni. Ecco perché sono convinto che ci siano buone speranze che Alex ce la possa fare, considerato anche che è un atleta e ha una voglia di vivere e una grinta incredibili. Siamo decollati da Grosseto alle 16.56. A bordo eravamo in sei: due piloti, un tecnico, un operatore del Soccorso alpino, un infermiere e io. Siamo atterrati a Pienza alle 17.20. L’operatore del Soccorso alpino è stato utilissimo. Siamo atterrati in un campo e abbiamo dovuto attraversare un piccolo bosco, molto fitto, e l’esperto ci guidava spezzando i rami sul nostro cammino e trovando la giusta direzione”.

 

Poi il racconto dell’arrivo sul luogo dell’incidente: “Non più di quattro, o cinque minuti al massimo. Alex Zanardi era sul bordo della strada supino. Lo stava assistendo Cristina La Cava, la dottoressa dell’ambulanza che aveva già iniziato, per fortuna, a fare quanto necessario in quelle condizioni per stabilizzarlo. Lo abbiamo trovato in uno stato comatoso, si muoveva in modo sconnesso e urlava. Era in condizioni gravissime”.

 

L’incidente

L’ex pilota, ora accudito dalla moglie Daniela e dal figlio Nicolò è stato sottoposto a un intervento di neurochirurgia e maxillofacciale durato tre ore dopo il terribile incidente stradale avvenuto nel pomeriggio di venerdì 19 giugno alle porte di Pienza, nel senese. Zanardi stava pedalando con la sua handbike mentre correva per la staffetta Obiettivo tricolore a cui stava partecipando con altri atleti paralimpici. Il ciclista paralimpico stava pedalando sulla provinciale 146 della Val d’Orcia con il suo team Obiettivo 3 nell’ambito di un evento da lui stesso promosso per celebrare la ripresa dell’Italia dopo l’emergenza sanitaria.

A conclusione di una discesa, ha perso il controllo della handbike che si è “imbarcata” ed è finita contro un camion che procedeva in direzione opposta. Il ciclista paralimpico ha quindi perso il casco e ha riportato un trauma cranico per il quale è stato operato.

 

Il primo intervento chirurgico

“È arrivato da noi con un trauma cranio-facciale importante, un fracasso facciale e una frattura affondata delle ossa del frontale. Neurologicamente non è valutabile, è pur rimanendo la situazione grave, è un malato che val la pena di curare. Il quadro neurologico lo vedremo a distanza, quando si sveglierà. I miglioramenti, in questi casi, si vedono nel tempo, i peggioramenti possono essere repentini. Ha fatto una tac subito dopo l’intervento e ora ha un catetere per la misurazione della pressione intracranica. L’intervento è andato come doveva andare, è la situazione iniziale che era tanto grave”.

 

La testimonianza

Il commissario tecnico della nazionale paralimpica di ciclismo, Mario Valentini, un secondo padre per Zanardi ha ricostruito a Radio Capital l’accaduto, raccogliendo le testimonianze di chi ha visto l’incidente e ha raccontato di come Zanardi “si sia imbarcato e abbia preso un autotreno sul montante davanti. L’autotreno si è spostato di un metro, ma l’ha preso uguale. Io non c’ero – ha chiarito Valentini – ero staccato”.

Valentini spiega anche che l’atleta azzurro “ha fatto una manovra azzardata. Ha preso con la leva della pedivella sinistra il montante dove salgono gli autisti, ha girato due-tre volte, il casco non ha retto, gli è saltato. Ce n’è voluto per far arrivare l’elicottero, siamo in mezzo a un bosco e hanno dovuto spostarlo”.

 

Chi è Zanardi

Zanardi, dopo una vita al volante di monoposto anche di Formula 1, fu protagonista di un terribile incidente il 15 settembre 2001 in IndyCar sul circuito del Lausitzring quando. Un incidente che gli è costato l’amputazione di entrambe le gambe. Ma non la voglia di rimettersi in gioco. Con le protesi al posto delle gambe, qualche anno dopo è tornato sullo stesso circuito per concludere quella gara e, alle Olimpiadi di Londra 2012 e Rio 2016, nella nuova vita da ciclista paralimpico, ha vinto quattro medaglie d’oro e due d’argento sulla handbike.

Leggi tutto su Sport