TimGate
header.weather.state

Oggi 27 maggio 2022 - Aggiornato alle 02:00

 /    /    /  atalanta decimata pari lazio
L’Atalanta decimata strappa un pari alla Lazio

- Credit: Fotogramma/IPA

calcio23 gennaio 2022

L’Atalanta decimata strappa un pari alla Lazio

di Franco Porto

E Gasperini spiega il momento difficile di Ilicic

Allo stadio Olimpico alla fine vince la noia tra Lazio e Atalanta. Le due formazioni, entrambe fortemente rimaneggiate, si annullano a vicenda e finisce 0-0 senza troppi lampi. Unica nota il palo colpito da Zaccagni.

 

Da un lato Gasperini deve stravolgere la formazione e attingere a piene mani dalla squadra primavera per schierare un undici, dall’altro gli uomini di Sarri, numericamente di più rispetto all’Atalanta, pagano comunque i 120 minuti contro l’Udinese in Coppa Italia.

 

“Non abbiamo mai avuto il dubbio sul venire o meno a giocare – commenta Gasperini sulle numerose positività al Covid tra i nerazzurri – perché vogliamo evitare le scappatoie. La grande emergenza rende ancora più bello il risultato. C’è stata grande compattezza, ovviamente non siamo stati fantastici sul piano tecnico ma li abbiamo limitati bene concedendo solo il palo di Zaccagni alla Lazio. Nel secondo tempo potevamo fare di più, ma il k.o di Miranchuk ci ha tarpato ulteriormente le ali. Dopo la sosta ripartiremo con una situazione più normale”.

 

Poi il tecnico si sofferma sulla situazione difficile che sta vivendo Ilicic, ripiombato in un periodo nero come quello che aveva vissuto durante la prima ondata di Covid: “Non mi fa piacere parlare di lui, che ha degli alti e bassi. Ora ha nuovamente qualche problema, ma ha voglia di ripartire e lo aspettiamo a braccia aperte. Ora dobbiamo pensare alla persona più che al calciatore e forse la cosa migliore è lasciarlo in pace”.

 

>>> Scopri l’offerta TIMVISION con DAZN, la SERIE A TIM e INFINITY+ con la UEFA CHAMPIONS LEAGUE

 

Sarri si concentra, invece, sulla prestazione: “L’Atalanta aveva delle grandi difficoltà, ma noi avevamo 7 giocatori fuori. Tatticamente stiamo in campo nella maniera giusta, ci è mancata un po’ di brillantezza e i 120 minuti di Coppa Italia hanno pesato, anche perché hanno giocato gli stessi di stasera”.

 

E analizza la fase offensiva della squadra: “Negli ultimi metri ci sarebbe servita un po’ di brillantezza fisica in più, e poi l’Atalanta i difensori li aveva tutti, e per il tipo di partita che avevano impostato hanno fatto molto comodo. Stasera abbiamo fatto fatica a saltare l’avversario, ma la squadra sta facendo partite serie ed è compatta, difende con energia diversa rispetto a prima e riesce ad avere una supremazia territoriale marcata. Se l’atteggiamento continua ad essere questo siamo destinati a fare bene”.