Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 19 gennaio 2021 - Aggiornato alle 07:00
Live
  • 00:20 | L’Inter non cambia nome, ma brand e logo
  • 23:48 | Governo, il voto decisivo al Senato
  • 23:29 | “Peaky Blinders” finirà con la sesta stagione ma…
  • 23:09 | Cagliari-Milan 0-2, torna Ibra ed è doppietta
  • 23:00 | Il Milan vicino al titolo d’inverno
  • 22:27 | Ufficiale l'esonero di Giampaolo, pronto Davide Nicola
  • 22:24 | Recovery Plan, le aree dove può essere migliorato
  • 20:52 | Amazon aprirà due nuovi centri in Italia: 1.100 assunzioni in 3 anni
  • 19:58 | Usa: Trump ha revocato le licenze di vendita a Huawei
  • 19:32 | Croquembouche
  • 19:29 | Microsoft: su Windows 10X scomparirà il Pannello di controllo
  • 19:27 | Barella momento d'oro, gol a San Siro e nasce la terza figlia
  • 19:27 | L'economia nel 2020 è cresciuta solo in Cina
  • 18:57 | Biscotti alla paprika
  • 18:27 | IL TRE e le canzoni del suo nuovo album "Ali"
  • 18:15 | William è orgoglioso dei nonni Elisabetta e Filippo
  • 18:09 | Fonseca: 'Mai più come nel derby'
  • 17:59 | Il Psg allo scoperto per Messi: 'Sempre nella nostra lista'
  • 17:54 | Le "Cattive Stelle" di Francesca Michielin e Vasco Brondi
  • 17:39 | "Aquì" è la nuova canzone di Ozuna con Aribeatz e Soolking
atalanta-midtjylland-ajax L'esultanza di Romero per il gol del pareggio - Credit: Jonathan Moscrop / IPA / Fotogramma
calcio 2 dicembre 2020

L’Atalanta sogna il bis, basterà un pari con l’Ajax

di Pierfrancesco Catucci

Grazie al pareggio con il Midtjylland, i nerazzurri hanno il destino nelle proprie mani

L’Atalanta pareggia 1-1 in rimonta con il Midtjylland e si conquista la possibilità di giocare con due risultati utili su tre l’ultima sfida in programma il 9 dicembre ad Amsterdam contro l’Ajax.

Grazie alla vittoria per 1-0 del Liverpool sugli olandesi, infatti, i nerazzurri dovranno evitare di perdere nell’ultima sfida del girone per accedere da seconda agli ottavi di finale di Champions League.

 

Contro la formazione danese che conquista il primo punto del suo percorso in Champions League, non è l’Atalanta travolgente vista una settimana fa a Liverpool. La formazione di Gasperini va sotto 1-0 e rischia a più riprese di subire la seconda rete, prima che Romero rimetta il risultato in parità e regali quel punto fondamentale per giocare con più tranquillità l’ultima sfida del girone.

 

Nonostante tutto, però, a fine partita Gasperini tira un sospiro di sollievo: “Non era facile, la qualificazione non è ancora nostra ma questo pareggio ci dà un piccolo vantaggio per la partita di Amsterdam. Possiamo andare lì e giocare con la stessa grinta e mentalità vista a Liverpool, a inizio girone avrei messo la firma per essere a questo punto in queste condizioni”

 

La squadra, però, come visto anche in campionato, comincia ad accusare la fatica dei tantissimi impegni ravvicinati: “Stiamo giocando bene in difesa e a centrocampo, manchiamo in attacco. Stiamo faticando, manca la condizione e quando non riesci a concretizzare le occasioni che crei poi si aggiunge anche il nervosismo. Meno male che ha segnato Romero, forse dovrei mettere lui in avanti...”.

 

“Il fatto di giocare ogni tre giorni è una difficoltà in più – prosegue l’allenatore – perché ci toglie il tempo di recuperare le energie fisiche e mentali. L'anno scorso riuscimmo nell'impresa di superare i gironi perché giocavamo ogni tre settimane, quest'anno va così”.

I più visti

Leggi tutto su Sport