Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 19 aprile 2021 - Aggiornato alle 16:10
Live
  • 16:30 | "Sindrome di Stendhal" di Emanuele Aloia è su TIMMUSIC
  • 16:30 | Travis Barker e la dedica a Kourtney Kardashian
  • 16:11 | “Hermitage” è il nuovo album dei Moonspell, l’intervista
  • 16:10 | Spazio, l'elicottero Ingenuity della Nasa ha volato su Marte
  • 15:35 | Cos'è "Bauli in piazza" e chi sono gli artisti che hanno aderito
  • 15:35 | I giorni decisivi del Recovery Plan (Pnrr)
  • 15:20 | Quali tipi di plastica si possono riciclare?
  • 15:17 | I coreografi dei vip: chi sono i più famosi
  • 15:12 | 10 segnali per capire se le piaci
  • 15:05 | Lo smart working fa bene all'ambiente, dati e vantaggi
  • 15:03 | Perché si chiamano “soap opere”?
  • 14:55 | Kate Middleton è la vera erede del principe Filippo
  • 14:53 | Fabrizio De André, quali sono le canzoni più amate
  • 14:40 | Kanye West vorrebbe frequentare un’artista
  • 13:31 | L'apprensione internazionale per Navalny
  • 13:30 | Un terremoto scuote il calcio: ecco che cos'è la Super League
  • 13:05 | Economia italiana, la scommessa di Draghi sulla crescita
  • 13:00 | Paul McCartney, 12 artisti reinterpretano il suo ultimo album
  • 12:31 | L'iceberg più grande del mondo si è sciolto
  • 12:15 | Amici 20, i fan intervistano Martina: il video in esclusiva per TIM
La vittoria del Psg in casa del Bayern (2-3) - Credit: Sven Hoppe / IPA / Fotogramma
CHAMPIONS LEAGUE 7 aprile 2021

La vittoria del Psg in casa del Bayern (2-3)

di Gianluca Cedolin

Una partita bellissima, nell'andata dei quarti

Era la replica della finale dello scorso anno, l’elite mondiale del calcio, e il primo round dei quarti di finale tra Bayern Monaco e Paris Saint-Germain ha confermato un livello qualitativo altissimo.

L’hanno spuntata i francesi, che hanno strappato un 2-3 esterno fondamentale in vista del ritorno, comunque aperto vista la grande forza del Bayern Monaco. I campioni in carica, trovatisi sotto di due gol, erano riusciti a pareggiare, ma un gol di Mbappé li ha riportati sotto, e nell’assedio finale non sono riusciti a impattare nuovamente. Una partita stupenda, nonostante la bufera di Monaco di Baviera e le assenze da entrambe le parti, da Lewandowski e Gnabry a Verratti e Icardi.

 

Il copione della partita era chiaro fin da subito: il Bayern tiene il pallone e fa gioco, attaccando con tutti e dieci i calciatori, il Psg riparte e straripa in campo aperto con i suoi talenti offensivi. Dopo la traversa di Choupo-Moting, il Psg ha colpito subito, al terzo minuto, con Mbappé, lanciato alla perfezione da Neymar. I bavaresi hanno creato tanto, guadagnando tantissimi corner ma non riuscendo a segnare, e al 28esimo ancora Neymar, grazie a un’invenzione di sinistro, ha messo in porta Marquinhos, bravo a battere Neuer dopo essere stato lasciato solo da un errore in lettura di tutta la difesa del Bayern.

 

Sullo 0-2, la squadra di Flick ha continuato a spingere, trovando al 37esimo con Choupo-Moting e al 68esimo con Müller, entrambi di testa, entrambi su cross al velluto di Kimmich. Proprio quando l’inerzia sembrava essersi spostata, un’altra ripartenza ha portato il Psg in porta con tre passaggi, con Di Maria che ha rifinito per Mbappé, che ha trovato la doppietta. Nonostante 30 conclusioni e il 64 per cento del possesso palla, i campioni di Germania, che venivano da 18 vittorie nelle ultime 19 di Champions League, hanno perso, e tra sei giorni al Parco dei Principi dovranno fare l’impresa.

I più visti

Leggi tutto su Sport