• News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Tecnologia
    • Gossip e Celebrità
    • Spazio Solidale
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 18 gennaio 2022 - Aggiornato alle 23:00
News
  • 22:37 | Eurocup, Bourg en Bresse espugna Venezia allo scadere 78-81
  • 17:50 | Covid, i dati del 18 gennaio: tasso di positività al 15,4%
  • 17:41 | Perché l'Indonesia cambierà la capitale
  • 17:00 | A Fabriano la mostra sulla pittura del Trecento marchigiano
  • 16:50 | Conferenza annuale Esa, Aschbacher: in autunno i nuovi astronauti
  • 16:21 | Haiti a 12 anni dal terremoto
  • 14:58 | Inter, in due salutano: Sensi alla Samp e Vecino alla Lazio
  • 13:51 | L'addio di D'Aversa: 'Derby e media salvezza non sono bastati'
  • 13:34 | Chi è la nuova presidente del Parlamento europeo
  • 12:11 | Australian Open, Sinner non sbaglia e vola al secondo turno
  • 12:09 | In quali negozi NON servirà il Green Pass
  • 11:53 | Le “Creature Fantastiche” popolano gli Uffizi di Firenze
  • 11:49 | La cerimonia in ricordo di Sassoli, a Strasburgo
  • 11:15 | Scuola e Covid, i presidi lamentano "enormi difficoltà gestionali"
  • 10:40 | Il nuovo record di dosi settimanali
  • 10:31 | La Juve vuole subito un nuovo centrocampista
  • 10:22 | Il terremoto in Afghanistan
  • 09:58 | La gran vittoria della Fiorentina sul Genoa (6-0)
  • 08:53 | La Cina annulla la vendita dei biglietti per l’Olimpiade invernale
  • 08:37 | Il Napoli vince a Bologna e sale in classifica
champions-real-inter-2-0 - Credit: Fotogramma/IPA
calcio 8 dicembre 2021

Partite così contro il Real possono far crescere l'Inter

di Franco Porto

Buona gara dei nerazzurri che, però, perdono 2-0 a Madrid

Quattro sfide contro il Real Madrid e altrettante sconfitte: il percorso di crescita dell’Inter è ancora nel pieno del suo svolgimento, ma la qualificazione agli ottavi di finale di Champions è un significativo passo avanti rispetto al passato.

A Madrid i nerazzurri hanno perso 2-0 la sfida per il primo posto nel girone, ma sono usciti dal Bernabeu comunque consapevoli di aver affrontato la partita nella maniera giusta, soprattutto nel primo tempo.

 

L’approccio alla partita, infatti, è stato perfetto: aggressione alta, tanto volume di gioco nella metà campo spagnola, diverse occasioni pericolose. Ma la qualità tecnica dei Blancos è valsa il vantaggio del Real: contropiede e gol di Kroos. L’Inter non si è disunita, ha continuato lo stesso copione, ma non è stata particolarmente lucida negli ultimi metri.

 

E allora il Real si è reso ancora pericoloso in contropiede e ha avanzato il proprio baricentro nella ripresa, fino alla rete del raddoppio (bellissima) di Asensio, arrivata poco dopo la follia di Barella che ha colpito Alaba dopo un fallo subito dall’austriaco e si è preso il cartellino rosso che rischia di costargli entrambe le sfide degli ottavi di finale.

 

>>> Scopri l’offerta TIMVISION con DAZN, la SERIE A TIM e INFINITY+ con la UEFA CHAMPIONS LEAGUE

 

Inzaghi, comunque, guarda il lato positivo: “Ho visto un primo tempo fatto bene e con personalità, abbiamo creato tanto ma al riposo eravamo sotto di un gol, divario che non si era visto in campo. Poi ci ha condizionato l’espulsione di Barella: ha fatto un errore grave e ha chiesto scusa a tutti. Peccato, era una partita aperta e gli servirà perché non capiti più. A livello di gioco abbiamo creato tantissime situazioni, fino all'espulsione siamo andati bene alla sesta partita di fila e con giocatori stanchi. Le due partite col Real le abbiamo fatte bene ma abbiamo perso, evidentemente dobbiamo crescere”.

 

L’Inter, comunque, può imparare tanto da partite così: “Torniamo da qui con tante cose buone – conclude Inzaghi – ora ci rituffiamo in campionato, già domenica sera col Cagliari sarà non semplice. Chi evitare agli ottavi? Ci sono squadre fortissime, una vale l’altra, l’importante sarà arrivare bene all’appuntamento”.

I più visti

Leggi tutto su Sport