TimGate
header.weather.state

Oggi 06 luglio 2022 - Aggiornato alle 22:01

 /    /    /  chiellini saluta juventus coppa italia
Chiellini saluta la Juventus dopo la finale di Coppa Italia

- Credit: Fotogramma/IPA

il capitano bianconero12 maggio 2022

Chiellini saluta la Juventus dopo la finale di Coppa Italia

di Franco Porto

Potrebbe andare a giocare negli Usa e poi tornare da dirigente bianconero

La finale di Coppa Italia persa contro l’Inter sarà l’ultima partita importante vissuta da Giorgio Chiellini con la maglia della Juventus. Non si sa ancora se andrà a giocare negli Stati Uniti per un anno o due ancora, o comincerà a studiare subito da dirigente, di certo c’è che il difensore bianconero ha un futuro nello staff dirigenziale del club bianconero, come ammesso anche dallo stesso Andrea Agnelli recentemente a Milano durante l’evento organizzato dal Foglio a San Siro.

 

“Dispiace lasciare con una stagione senza vittorie dopo dieci anni – è il commento del capitano della Juve al termine della finale di Coppa Italia persa 4-2 contro l’Inter, la partita numero 559 in bianconero – ma lunedì festeggerò e saluterò il mio Juventus Stadium contro la Lazio, poi se sto bene faccio qualche scampoletto a Firenze per tenermi in forma per la Nazionale, ma cedo lo scettro ai giovani e spero di aver lasciato qualcosa”

 

C’è rammarico per aver lasciato senza una vittoria, ma comunque consapevolezza di aver dato tanto ai colori bianconeri: “Sono felice di aver lasciato a livello così alto, da tanti anni dicevo di non voler finire arrancando: oggi, finché ce l’ho fatta penso di aver dimostrato di esserci ancora. Tra poco sarò il più grande tifoso della Juve”.

 

>>> Scopri l’offerta TIMVISION con DAZN, la SERIE A TIM e INFINITY+ con la UEFA CHAMPIONS LEAGUE

 

Poi è ancora più chiaro: “Penso di aver dato tanto a questa squadra e che sia il momento giusto per lasciare questa Juve. C'è bisogno di nuove energie, freschezza e nuove persone che si prendano le giuste responsabilità: penso di aver dato qualcosa a tanti ragazzi e spero che nei prossimi anni possano portare avanti i valori della storia di questo club”.

 

E sul futuro immediato resta ancora un velo di incertezza: “Saluto la Juventus di sicuro, nelle prossime settimane valuterò con le mie due famiglie, la Juve e quella a casa, il percorso da affrontare. Sicuramente lascio la Juve e il 1º giugno la Nazionale, poi valuterò il da farsi”.