Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 20 settembre 2020 - Aggiornato alle 19:42
Live
  • 19:29 | Ippolito: "Come si evitano i contagi in famiglia"
  • 18:46 | Cambiano le sedi delle partite della Nazionale
  • 18:38 | Monster Truck Championship: arrivano i colossi su quattro ruote
  • 18:33 | Fiumicino è il miglior aeroporto nella lotta al Covid-19
  • 18:25 | Il messaggio lanciato da Justin Bieber nel video di "Holy"
  • 18:00 | Il convincente esordio del Genoa di Maran
  • 17:16 | Pioli: 'Abbiamo un'identità. Avere pressioni è un privilegio'
  • 17:13 | Genoa-Crotone 4-1, volano i rossoblù di Maran
  • 17:08 | Amore al tempo del Covid: Dua Lipa canta le "New Rules" da seguire
  • 17:00 | Coronavirus: il punto sulla pandemia
  • 16:31 | MotoGP 2020, Vinales ha vinto il GP dell’Emilia Romagna a Misano
  • 16:21 | Chris Cornell, spunta una versione inedita di "Only These Words"
  • 15:52 | Perché in Italia si vota nelle scuole e non altrove
  • 15:34 | Ricetta grissini
  • 15:19 | Thom Yorke si è sposato in Sicilia, ecco le foto delle nozze
  • 15:15 | “Suburra 3” sarà disponibile su Netflix dal 30 ottobre
  • 13:51 | Playoff Nba: Boston stende Miami in Gara 3 e riapre la Finale ad Est
  • 13:15 | Decorare casa con i poster: consigli per non commettere errori
  • 11:50 | Le misure sanitarie per il referendum e le elezioni
  • 10:16 | L'arrivo di Vidal all'Inter
esonerato-sarri-chi-prossimo-allenatore-juventus - Credit: Fotogramma/IPA
calcio 8 agosto 2020

Esonerato Sarri, chi sarà il prossimo allenatore della Juve?

di Pierfrancesco Catucci

Inzaghi, Pochettino e Zidane sono in pole, ma sullo sfondo c’è anche Allegri

L’eliminazione agli ottavi di Champions League contro il Lione è stata fatale per Maurizio Sarri che, meno di 24 ore dopo è stato esonerato dalla panchina della Juventus.

Non gli è bastato diventare il terzo allenatore a proseguire la serie di nove scudetti consecutivi per proseguire il lavoro iniziato tra mille proclami poco più di un anno fa. Maurizio Sarri doveva dare a una Juve già vincente il plus del bel gioco, ma raramente si sono viste fino in fondo le idee del tecnico che ha esaltato Napoli e che lo scorso anno ha vinto l’Europa League con il Chelsea.

 

Alla fine Sarri ha vinto lo scudetto più anomalo della storia del calcio con un lungo stop forzato di tre mesi, ma non ha mai convinto fino in fondo la dirigenza che già da qualche settimana stava valutando se proseguire o meno su questa strada. Indicative le dichiarazioni di Agnelli di qualche giorno fa con i complimenti per il tricolore a tutti i dirigenti, meno che all’allenatore.

 

Un’ipotesi che è diventata molto più che un sospetto al termine della sfida con il Lione in cui lo stesso presidente ha annunciato la necessità di fare profonde riflessioni sul futuro. Riflessioni che hanno portato alla decisione di esonerare Sarri (che non può avere tutte le colpe di una stagione al di sotto degli obiettivi) e interrompere dopo solo un anno quello che nell’idea di partenza sarebbe stato un progetto almeno triennale.

 

Ma chi ora al posto del tecnico toscano? I primi nomi sulla lista di Agnelli e Paratici sono Simone Inzaghi, Mauricio Pochettino e Zinedine Zidane. Inzaghi era tra i favoriti anche la scorsa estate, prima di virare su Sarri. È legato, però, alla Lazio e Lotito non lo lascerebbe andar via facilmente (a maggior ragione dopo questo campionato) senza un adeguato incentivo economico.

 

Per Pochettino, invece, il discorso è legato all’ingaggio. L’argentino con origini italiane è libero da vincoli contrattuali, ha un curriculum europeo di rispetto (con la finale conquistata con il Tottenham lo scorso anno), ma chiede un ingaggio tra i 10 e i 12 milioni, al momento ritenuto eccessivo dal club bianconero.

 

E poi c’è Zidane, che nella Juve ha giocato dal 1996 al 2001 e che con la maglia bianconera ha vinto il Pallone d’Oro nel 1998, è che a metà della scorsa stagione è tornato sulla panchina del Real Madrid dopo aver vinto la Champions per 3 anni di fila con le Merengues. Probabilmente sarebbe la prima scelta di Agnelli, ma è davvero difficile che Florentino Perez lo liberi.

 

Sullo sfondo resta il nome di Max Allegri che l’anno scorso ha risolto il contratto con la Juventus dopo cinque scudetti e due finali di Champions League raggiunte nel quinquennio a Torino. Un’ipotesi difficile più per una questione di immagine che per il resto, perché andrebbe a sconfessare non solo l’idea Sarri di un anno fa, ma anche quella di rompere (seppur in maniera tutt’altro che traumatica) con il livornese qualche settimana prima.

Leggi tutto su Sport