Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 02 agosto 2021 - Aggiornato alle 01:00
Live
  • 18:51 | Quante emozioni in Ungheria, alla fine vince Ocon
  • 18:15 | Basket, Olimpiadi: l’Italia sfiderà la Francia ai quarti
  • 18:00 | Covid, i dati dell'1 agosto: il tasso di positività è al 3,2%
  • 16:19 | Jacobs scrive la storia: medaglia d’oro nei 100 metri
  • 15:45 | Gianmarco Tamberi ha vinto la medaglia d’oro nel salto in alto
  • 13:23 | L’Italvolley maschile batte il Venezuela e passa ai quarti
  • 12:40 | Tennis, Alexander Zverev è medaglia d’oro
  • 11:08 | La bella vittoria del Napoli contro il Bayern (0-3)
  • 10:41 | Verso l’obbligo di green pass nei trasporti, da settembre
  • 10:21 | Nuoto, il bronzo nella 4x100 mista maschile
  • 08:53 | Riforma della giustizia, che cosa succede ora
  • 18:10 | L’Italvolley femminile cede alla Cina
  • 18:05 | Hamilton torna in pole position in Ungheria
  • 17:55 | Dal calcio al cinema: 10 motivi per guardare la tv con TIMVISION
  • 17:40 | G20 della Cultura al Colosseo, che cos'è la "Dichiarazione di Roma"
  • 15:30 | L'Italia è in fiamme da nord a Sud, roghi in tutto il Paese
  • 15:26 | Vaccino, la terza dose "a 12 mesi dalla seconda"
  • 15:13 | I possibili tamponi a prezzo calmierato
  • 13:08 | Basket, Olimpiadi: l’Italia piega la Nigeria 80-71 e centra i quarti
  • 10:09 | L’argento di Mauro Nespoli nel tiro con l’arco
euro2020-mancini-pozzo - Credit: Figc media
euro2020 21 giugno 2021

Ora Mancini vuole vincere trofei come Pozzo

di Franco Porto

Eguagliato il record di vittorie consecutive, il ct punta al bersaglio grosso

È un’Italia da trenta…e lode quella che batte 1-0 il Galles nella terza partita del girone e vola agli ottavi di finale da prima del gruppo A.

Allunga così a 30 (25 successi e 5 pareggi) la striscia di risultati utili consecutivi, eguagliando il record stabilito più di ottant’anni fa dall’Italia di Vittorio Pozzo.

 

Dopo aver fatto bottino pieno all’Olimpico, sabato 26 giugno (ore 21) gli Azzurri affronteranno l’Ucraina o l’Austria a Wembley, dove sperano di tornare a luglio per quella che di fatto sarà la FinalFour dell’Europeo. Grazie ad un gol di Matteo Pessina l’Italia si regala l’11° successo di fila e mantiene la porta inviolata per l’11ª volta consecutiva, confermandosi solida e allo stesso tempo affamata di vittorie.

 

Cambiano gli interpreti (8 rispetto alla partita precedente), ma non lo spartito di una Nazionale che per organizzazione e automatismi nei movimenti sembra una squadra di club e che non snatura il suo gioco a seconda dell’avversario. L’Italia vuole il pallone tra i piedi, attacca per non essere attaccata, sa difendersi e colpire al momento giusto. Una macchina perfetta, lanciata sul rettilineo ma consapevole che le curve più pericolose devono ancora arrivare. A cominciare dal match di sabato a Londra, il primo fuori casa di questo Europeo itinerante.

 

“Non faremo calcoli, giocheremo per vincere” aveva detto Mancini alla vigilia ed è stato di parola, regalandosi un successo gli permette di eguagliare il record di Pozzo: “Ma sono ancora indietro – commenta – Pozzo ha vinto tanti trofei importanti, per il momento è meglio lasciar perdere i paragoni”.

 

Può sorridere il Ct, che pur cambiando tanto, ha avuto risposte positive da chi sinora aveva giocato meno. Da Pessina a Chiesa, da Bernardeschi a Toloi, l’Italia ha avuto la conferma di avere ricambi all’altezza dei titolari: “Meglio di così non si poteva fare – il commento del Ct – anche se avremmo potuto segnare un gol in più. I ragazzi sono stati bravissimi. Anche cambiando non deve cambiare niente, i giocatori sanno quello che devono fare. Oggi abbiamo dimostrato che tutti sono titolari. Avremmo cambiato tanti giocatori anche se la partita fosse stata decisiva, avevamo bisogno di far giocare tutti e di mettere forze fresche nel gioco. Sarà un dispiacere lasciar fuori qualcuno, ma è importante poter contare su tutti gli elementi”.

 

La rete firmata da Matteo Pessina, la terza in maglia azzurra dopo la doppietta messa a segno nell’amichevole con San Marino, ha regalato all’Italia il primo posto del girone: “La mia è una bella favola – dichiara il centrocampista dell’Atalanta – e dimostra che chi parte dalla Serie C facendo tanti sacrifici può arrivare in Nazionale. Una gioia così li ripaga tutti. La forza di questa squadra è nel gruppo, tutti sentono di avere la stessa importanza, c’è la fiducia del mister e riusciamo a giocare con serenità”.

 

Sul gol deve ringraziare Verratti, ma anche il suo compagno di club Toloi: "Doveva attaccare lui il primo palo, mi ha detto di andare al suo posto ed è andata bene”.

 

Premiato come ‘Man of the match’, Federico Chiesa ha sfruttato al meglio la chance che gli ha concesso Mancini: “Per me è motivo di orgoglio indossare la maglia azzurra, quando il mister mi mette in campo cerco sempre di farmi trovare pronto. Tutti sono coinvolti nel gioco. Dove può arrivare l'Italia? Non voglio dire niente, ma facciamo bene a sognare".

 

Positivo anche il ritorno in campo di Marco Verratti un mese dopo l’infortunio che sembrava poter pregiudicare la sua partecipazione all’Europeo: “Sono molto felice. È stata dura, all'inizio non sapevo nemmeno se potevo partecipare a questo Europeo. Devo ringraziare lo staff del Psg che mi ha permesso di recuperare, il mister che mi ha aspettato. Sono felice per me stesso e per la squadra. La Nazionale è di tutti, oggi chi ha giocato ha dimostrato di essere un titolare. Dobbiamo essere orgogliosi di rappresentare l’Italia”.

I più visti

Leggi tutto su Sport