TimGate
header.weather.state

Oggi 07 luglio 2022 - Aggiornato alle 00:00

 /    /    /  fifa ecuador mondiale reclamo cile italia
La FIFA indaga sull’Ecuador: possibilità mondiali per l’Italia?

- Credit: Marc Schüler / Ipa-Agency.net / Fotogramma

QATAR 202212 maggio 2022

La FIFA indaga sull’Ecuador: possibilità mondiali per l’Italia?

di Tommaso Passera

Il procedimento è nato da una segnalazione della Federazione calcistica del Cile

La FIFA ha annunciato di avere aperto un’indagine sul difensore dell'Ecuador Byron Castillo e la nazionale sudamericana ora rischia di perdere il proprio posto alla prossima edizione della Coppa del Mondo in Qatar.


>>> Scopri l’offerta TIMVISION con DAZN, la SERIE A TIM e INFINITY+ con la UEFA CHAMPIONS LEAGUE


Il procedimento nasce dal reclamo della federazione calcistica del Cile che sostiene che Castillo è nato a Tumaco, in Colombia, nel 1995, e non a General Villamil Playas, in Ecuador, nel 1998, come dichiarato sui suoi documenti ufficiali. Secondo la Reuters, il Cile avrebbe anche presentato una documentazione sulla falsificazione dei certificati di nascita affermando "che un'indagine interna ecuadoriana ha riconosciuto incongruenze nella documentazione di Castillo”. La federazione calcistica dell'Ecuador ha invece bollato le tesi del Cile, in un comunicato della scorsa settimana, come “infondate”. 


Se la FIFA dovesse decretare l'ineleggibilità di Castillo, l'Ecuador verrebbe privato dei 14 punti in classifica guadagnati con Castillo in campo, cosa che permetterebbe al Perù di balzare al quarto posto, qualificandosi senza passare dallo spareggio, il Cile di arrivare quinto davanti alla Colombia che invece giocherebbe lo spareggio contro una tra Australia o Emirati Arabi Uniti. 


A differenza di alcune ricostruzioni (molte della stampa cilena), sarebbero davvero minime le speranze per l’Italia di trarre vantaggio da questa situazione con un clamoroso ripescaggio ai Mondiali. Gli azzurri, prima squadra nel ranking mondiale a non ottenere il pass per il Qatar, potrebbero beneficiare dell’eventuale posto dell’Ecuador solo nel caso in cui la nazionale sudamericana venisse esclusa. In quel caso infatti potrebbe scattare l’articolo 6 della FIFA, quello che recita: "Se una qualsiasi associazione si ritira o viene esclusa dalla competizione, la FIFA deciderà sulla questione a sua esclusiva discrezione e intraprenderà qualsiasi azione si ritenga necessaria". Quello scenario, però al momento, appare molto difficile, se non improbabile.