TimGate
header.weather.state

Oggi 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 20:00

 /    /    /  L’attaccante azzurro Willy Gnonto all’esame di maturità
L'attaccante azzurro Willy Gnonto all'esame di maturità

- Credit: Fotogramma/IPA

calcio e scuola22 giugno 2022

L'attaccante azzurro Willy Gnonto all'esame di maturità

di Franco Porto

Ha sostenuto la prima prova d'italiano al liceo scientifico sportivo di Busto Arsizio

Prova di maturità per Willy Gnonto, diciottenne attaccante della Nazionale italiana di calcio, arrivato a Busto Arsizio (Varese), per affrontare il test di italiano al liceo scientifico sportivo 'Marco Pantani'. Liceo che ha salutato con gioia le imprese di Nicolò “Tete” Martinenghi, il nuotatore di Azzate che si è diplomato a Busto Arsizio quattro anni fa e che si è appena laureato campione del mondo a Budapest nei 100 rana e medaglia d’argento nei 50 metri.

 

Un ragazzo che ha sempre mantenuto un fortissimo legame con la sua scuola che lo ha visto crescere e nella quale fu oltretutto compagno di classe di Matteo Gabbia, il difensore che poche settimane fa è diventato campione d’Italia con il Milan.

 

“Per i miei genitori è sempre stato importante farmi andare avanti con la scuola, e io vorrei dare loro un motivo di orgoglio per tutto quello che hanno fatto per me” ha detto prima della prima prova della maturità Gnonto.

 

>>> Scopri l’offerta TIMVISION con DAZN, la SERIE A TIM e INFINITY+ con la UEFA CHAMPIONS LEAGUE

 

L'azzurro ha preparato gli esami da privatista, durante il campionato: “Ho studiato molto – ha raccontato – ritagliandomi momenti durante i ritiri anche se è stato difficile, per me terminare questo percorso è importante”.

 

“Sono riposato – ha aggiunto – prima di entrare in aula e spero vada bene anche se temo la prova di matematica”. Poi ha concluso: “Per una partita forse sono più calmo, perché è ciò che mi piace di più e mi riesce meglio”.

 

“Per noi è un orgoglio dimostrare l’efficacia di un modello d’istruzione che, senza rinunciare alla qualità, consente di gestire le esigenze di chi svolge un’attività agonistica particolarmente impegnativa” sottolineano i direttori Mauro e Cinzia Ghisellini.