Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie Clicca Qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

menu
Oggi 27 maggio 2020 - Aggiornato alle 11:15
Live
  • 13:01 | Borussia Dormund in ansia per l'infortunio di Haaland
  • 12:52 | Come scegliere la tua prossima mascherina
  • 12:45 | Benedetta Rossi e i problemi di salute del cane
  • 12:24 | Ravioli cinesi
  • 12:20 | Senato boccia emendamento per la ripresa. La Ligue1 è conclusa
  • 12:19 | Charlotte al limone
  • 12:06 | Mario Balotelli è tornato ad allenarsi
  • 11:59 | “Labyrinth”, il film cult del 1986 avrà un sequel
  • 11:52 | Kulusevski: “Ho scelto la Juve per imparare”
  • 11:15 | Sondaggi, Italia viva all'1,5%
  • 11:10 | La riapertura di Berlino dal prossimo 15 giugno
  • 11:08 | La Lombardia rischia di non riaprire subito i confini
  • 11:07 | Il Roland Garros è salvo (e ci sarà il pubblico)
  • 11:00 | Economia: perché puntare su una ripresa green, parola di medico
  • 10:45 | Chi era Jimmy Cobb, leggendario batterista jazz morto a 91 anni
  • 10:33 | I 7 punti di Conte per la ripartenza
  • 10:30 | "Polizia, c'è un uomo africano che mi spaventa"
  • 09:45 | Gabriella Greison e la fisica, a TIM Operazione Risorgimento Digitale
  • 09:00 | Chi sono i Rebel Rootz, l’intervista al gruppo trentino
  • 09:00 | Che fine hanno fatto gli attori di The O.C.
Il calcio italiano in lutto per Gigi Simoni
CALCIO 22 maggio 2020

Il calcio italiano in lutto per Gigi Simoni

di Giovanni Teolis

Guidò la prima Inter di Ronaldo e con i nerazzurri vinse nel ’98 la Coppa Uefa

All’età di 81 anni è morto Gigi Simoni, allenatore tra le altre di Genoa, Cremonese, Lazio, Napoli e soprattutto dell’Inter nel primo anno di Ronaldo in Serie A, quello passato alla storia per il contatto in area tra lo stesso giocatore brasiliano e Iuliano.

Simoni guidò i nerazzurri appena una stagione e qualche mese, ma tanto è bastato per farlo diventare uno dei tecnici più amati dalla tifoseria, un vero e proprio simbolo. E proprio l’Inter nell’apprendere la notizia nel giorno dell’anniversario del Triplete lo ha voluto ricordare con queste parole:

“Ci ha lasciati oggi, 22 maggio. Una data non casuale, la data più interista di tutte. Di Gigi Simoni ricordiamo e ci mancherà tutto. Il suo essere signore, innanzitutto. Un modo di vivere, la vita e il calcio, mai sopra le righe. Ha incarnato l'interismo più genuino. Sulla panchina nerazzurra arrivò nel 1997, assieme al Fenomeno, Ronaldo. Un binomio, quello Simoni-Ronaldo, che resterà per sempre nel cuore di tutti, non solo degli interisti. Il 6 maggio 1998 disegnò il suo capolavoro da allenatore. Imbrigliò una grande Lazio e non le diede scampo. Al Parco dei Principi Zamorano, Zanetti e Ronaldo regalarono all'Inter la terza Coppa Uefa in una notte dolcissima e magica. l mondo del calcio perde un bravo allenatore e una persona meravigliosa. Noi lo ricordiamo così, coi suoi capelli bianchi, sulla nostra panchina, mentre con un sorriso si godeva le magie di Ronaldo, circondato dall'orgoglio e dall'affetto dei tifosi dell'Inter. Ciao Gigi, ci mancherai''

Simoni da giocatore ha ottenuto quattro promozioni dalla serie B e la vittoria di una Coppa Italia con il Napoli, tra l’altro unico caso di formazione cadetta  ad aggiudicarsi il trofeo. Da allenatore detiene invece il record di sette promozioni in serie A a cui si aggiunge il miracolo “Gubbio” che da direttore sportivo ha condotto in Serie B con due promozioni consecutive.


In totale sono stati 17 i club guidati da Gigi Simoni in quasi 40 anni di carriera e in ognuno di essi Simoni si è sempre contraddistinto per lo stile misurato e mai sopra le righe.


LEGGI ANCHE: Ora San Siro può essere abbattuto, parola della Regione

Leggi tutto su Sport