Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 08 marzo 2021 - Aggiornato alle 23:17
Live
  • 23:06 | Un film su un giovane britannico che va a combattere l’ISIS
  • 19:30 | “Gotti - Il primo padrino”, il film con John Travolta
  • 18:30 | Covid, in Italia superati i 100mila morti
  • 17:47 | PSG, sul taccuino di Leonardo c’è Donnarumma
  • 17:39 | "Selfish Love", il nuovo singolo esplosivo di Selena Gomez e Dj Snake
  • 17:19 | Il vero obiettivo di Roger Federer è Wimbledon
  • 17:03 | Bruno Mars & Anderson Paak insieme nel progetto Silk Sonic
  • 16:53 | Il lievito di birra, la video ricetta
  • 16:29 | I Maneskin volano all'Eurovision e poi in tour
  • 15:46 | Nicolas Cage si è sposato per la quinta volta
  • 15:39 | "Anime di vetro": Casale, Nava e Di Michele cantano le donne
  • 15:27 | Harry e Meghan aspettano una femmina
  • 15:20 | Roma, per il dopo Dzeko occhi su Sasa Kalajdzic
  • 15:03 | Nasce “Italiana”, il nuovo portale della Farnesina per la cultura
  • 14:45 | La super-sfida tra Inter e Atalanta
  • 14:40 | La playlist di TIMMUSIC che celebra le grandi donne della musica italiana
  • 14:40 | Ipotesi lockdown per vaccinare più in fretta
  • 14:30 | Mattarella: "I femminicidi sono un fenomeno impressionante"
  • 12:40 | Le donne europee e la trasparenza salariale
  • 12:14 | Paul Newman: film e frasi dell'attore
inter-juventus-ronaldo Ronaldo con la maglia dell'Inter - Credit: Werek / IPA / Fotogramma
calcio 16 gennaio 2021

Inter-Juventus vista da Ronaldo

di Pierfrancesco Catucci

Il Fenomeno tra Lukaku e CR7, Conte e Pirlo

Quando parli di Inter-Juventus, uno dei primi volti che viene in mente è quello di Ronaldo… il Fenomeno.

Ora anche la Juve ne ha uno con lo stesso nome e doti da supereroe, ma quello che a fine anni Novanta vestiva di nerazzurro quel soprannome lo vestiva con una disinvoltura quasi unica. E con la stessa disinvoltura e abilità nel dribbling, mette subito le carte in chiaro con Andrea Elefante della Gazzetta dello Sport: “Parliamo di Inter-Juve, ma a patto di non tornare sulla storia del rigore di Ceccarini, che non se ne può più”.

 

Come allora Inter-Juve è tornata a essere una sfida determinante per lo scudetto, anche se Ronaldo non è proprio d’accordo: “Vale solo per l’autostima, per capire quanto si è pronti a lottare a quel livello. Se invece intende che lo scudetto se lo giocheranno loro due ci sta, ma il Milan non ce lo mettiamo?”.

 

Il Milan, altra maglia vestita da Ronaldo, e per questo visto come un traditore da molti tifosi dell’Inter: “Questa stagione è molto particolare: da campionato con sorpresa finale. E il Milan mi sta sorprendendo: calcio offensivo, veloce, giocatori di qualità. E poi, Ibrahimovic: lui ha sempre detto di considerarmi un idolo, io lo considero un caso forse unico, un esempio che fa bene al calcio. Se anche non avessi avuto tutti gli infortuni che ho avuto, non sarei mai arrivato a 40 anni come lui. Mai”.

 

E poi Ronaldo, l’altro: Cristiano. “È un giocatore diverso rispetto a quando lo vedevo nel Real Madrid, ha imparato a gestirsi e però una cosa mi pare identica a prima: può stare nell’ombra per quasi tutta la partita e poi decidere in un minuto di fare male”.

 

Anche l’Inter, però, ha il suo fuoriclasse, Lukaku: “Sposta anche gli alberi... Molto diversi, un punto in comune: quando hai un giocatore così, fai fatica a non appoggiarti a lui. Soprattutto a uno come Lukaku: ma se fa quasi un gol a partita è un bell’appoggiarsi, basta non aspettarsi che faccia i ricami con il pallone”.

 

E così Ronaldo va avanti in dribbling tra Dybala e Lautaro Martinez, Morata ed Eriksen, Conte e Pirlo che, secondo il Fenomeno, “ha un’intelligenza calcistica superiore”. E spiega che le armi in più dell’Inter sono l’allenatore, un’identità precisa, l’acquisto di Hakimi (“il migliore degli ultimi 10 anni”) e la possibilità di concentrarsi solo sul campionato.

I più visti

Leggi tutto su Sport