TimGate
header.weather.state

Oggi 02 luglio 2022 - Aggiornato alle 07:00

 /    /    /  italia ripescaggio mondiali ecuador chimenti christillin
Italia ripescata ai Mondiali: c’è chi ci spera davvero

Roberto Mancini- Credit: - Credit: Fotogramma/IPA

RIPESCAGGIO17 maggio 2022

Italia ripescata ai Mondiali: c’è chi ci spera davvero

di Tommaso Passera

Il membro del CONI Franco Chimenti si sbilancia e dice apertamente “Crediamoci”

Prima era soltanto una voce “un po’ pazza” proveniente dall’altra parte del mondo, dal CIle per la precisione, ora però secondo qualcuno davvero esiste la possibilità concreta che l’Italia di Roberto Mancini possa essere ripescata per i Mondiali di Qatar 2022. Quel qualcuno è Franco Chimenti, presidente di Federgolf, ma anche membro del CONI, che ai microfoni della trasmissione radiofonica ‘La politica nel pallone su Rai Gr Parlamento ha detto: 

"Pare che l’Ecuador [per conoscere la storia, clicca qui] abbia utilizzato un giocatore che non aveva titolo di giocare e potrebbe pagare per questo. Se così fosse, a quel punto bisognerebbe pensare alla nazionale che dovrebbe sostituirlo. C’è una regola Fifa che parla di ripescaggi e parla della squadra più in alto nel ranking: questa è sicuramente l’Italia; In questo momento sto facendo il tifo per noi, ma le regole del gioco sono queste, e allora crediamoci. Un ripescaggio non sarebbe una cosa ingiusta”.


A spegnere gli entusiasmi però è subito intervenuta anche Evelina Christillin, membro aggiuntivo della UEFA nel Consiglio della FIFA, che ai microfoni di un’altra tramissione radio, Un giorno da pecora, ha detto che non ci sono possibilità per gli azzurro: 

"Non è vero che stiamo per essere ripescati ai mondiali di calcio anche nel caso l’Ecuador venisse espulso. In caso, a rientrare sarebbe una sudamericana. Insomma, non c’è nessuna possibilità che l’Italia giochi il prossimo mondiale”.


Leggendo il regolamento della FIFA gli azzurri, prima squadra nel ranking mondiale a non ottenere il pass per il Qatar, potrebbero beneficiare dell’eventuale posto dell’Ecuador solo nel caso in cui la nazionale sudamericana venisse esclusa da tutte le competizioni FIFA. In quel caso infatti potrebbe scattare l’articolo 6 della FIFA, quello che recita: "Se una qualsiasi associazione si ritira o viene esclusa dalla competizione, la FIFA deciderà sulla questione a sua esclusiva discrezione e intraprenderà qualsiasi azione si ritenga necessaria". Quello scenario, però al momento, appare difficile, anzi improbabile.