Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 18 aprile 2021 - Aggiornato alle 12:15
Live
  • 11:16 | Alexei Navalny sta morendo?
  • 11:15 | Bob Dylan compirà 80 anni, bio e canzoni del cantautore
  • 11:05 | Il pazzo 4-3 tra Cagliari e Parma
  • 11:00 | Ricette regionali: la Toscana e gli gnudi di ricotta e spinaci
  • 10:18 | Riaperture: che cosa succede in Italia dal 26 aprile
  • 10:15 | Bruno Mars età, vita privata e curiosità
  • 10:00 | Maiale alle nespole, vi assicuriamo che è buonissimo!
  • 10:00 | Se volete darvi al giardinaggio ecco cosa dovete avere
  • 09:45 | Gli esami più difficili di Filosofia
  • 09:00 | Che fine ha fatto Valentina Vernia, la ballerina hip hop di Amici
  • 09:00 | Come risparmiare acqua in estate
  • 08:50 | Come vincere bici, monopattini e giardini idroponici con TIM Party
  • 06:00 | Il record di vaccini di ieri e le altre notizie sulle prime pagine
  • 05:35 | Economia italiana, la scommessa di Draghi sulla crescita
  • 01:43 | Martina è l'eliminata della quinta puntata del Serale
  • 00:40 | Di cosa parla la nuova serie di Courteney Cox
  • 00:07 | Un live action dedicato alle sorellastre cattive di Cenerentola
  • 23:35 | Hugh Jackman e Laura Dern protagonisti di “The Son”
  • 23:17 | “A very english scandal”, una miniserie con Hugh Grant su TIMVISION
  • 23:01 | Basket, Serie A: Shields guida l’Olimpia Milano, Virtus ko 94-84
Il primo trofeo da allenatore per Andrea Pirlo - Credit: CHINE NOUVELLE/SIPA / IPA / Fotogramma
DECIDONO CR7 E MORATA 21 gennaio 2021

Il primo trofeo da allenatore per Andrea Pirlo

di Gianluca Cedolin

La Juve ha battuto 2-0 il Napoli dell’amico Gattuso in Supercoppa

Da giocatore ha vinto tantissimi trofei, ma ieri Andrea Pirlo ha alzato la sua prima coppa da allenatore, battendo l’amico Gattuso con cui aveva conquistato la maggior parte di quei titoli.

Una vittoria importante, oltre che per il trofeo in se stesso (nona Supercoppa italiana per la Juventus), per il futuro della stagione: dopo il brutto ko di San Siro contro l’Inter, in cui i bianconeri avevano giocato una delle partite peggiori degli ultimi anni, al Mapei Stadium Ronaldo e compagni hanno reagito, dimostrando di essere con il loro allenatore. Un’occasione persa invece per il Napoli, che sei mesi fa aveva battuto i bianconeri in finale di Coppa Italia, ma ieri ha faticato, soprattutto nel secondo tempo, a mettere in mostra il suo palleggio.

 

Alla fine, come spesso accade nelle finali, sono stati gli episodi a decidere la partita: un gol del solito Ronaldo da corner, dopo una goffa deviazione di Bakayoko, e il rigore sbagliato da Lorenzo Insigne (0 su 3 dal dischetto contro la Juve) all’80esimo, prima che all’ultimo minuto Morata chiudesse i conti. Con la mossa di aggiungere un centrocampista e mettere Kulusevski al fianco di Ronaldo, oltre che grazie al recupero di Cuadrado, Pirlo ha intasato bene le linee di passaggio del Napoli, insolitamente lento e poco brillante nelle ripartenze, al netto di un’occasione per tempo per Lozano. Alla fine, in una partita non spettacolare a livello tecnico, con molti errori (anche a causa di un manto erboso rivedibile), la Juventus ha vinto con merito, e Pirlo ha messo al sicuro la sua panchina, almeno per un po’.

I più visti

Leggi tutto su Sport