Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 31 luglio 2021 - Aggiornato alle 13:21
Live
  • 13:08 | Basket, Olimpiadi: l’Italia piega la Nigeria 80-71 e centra i quarti
  • 10:09 | L’argento di Mauro Nespoli nel tiro con l’arco
  • 10:00 | Economia, così cresce la fiducia del paese
  • 09:29 | Ufficiale Matteo Lovato all’Atalanta
  • 09:15 | Covid, Brusaferro: ecco perché dobbiamo muoverci ancora con prudenza
  • 09:03 | I bronzi di Simona Quadarella e Irma Testa
  • 20:26 | Per Rea il futuro è in SBK, ma “mai dire mai alla MotoGP”
  • 19:00 | Covid, monitoraggio Iss: l'Rt è salito a 1,57
  • 18:03 | L’Italvolley maschile vola ai quarti del torneo olimpico
  • 17:00 | Covid, i dati del 30 luglio: il tasso di positività è al 2,67%
  • 16:39 | La variante Delta si diffonde come la varicella
  • 16:09 | Covid, perché la Cina ha accusato gli Usa di terrorismo
  • 16:08 | L'aumento dei contagi a Tokyo: stato d'emergenza fino al 31 agosto
  • 15:32 | Endemia: cosa significa e perché se ne parla
  • 15:30 | Usa, i nuovi provvedimenti di Biden sui vaccini
  • 14:00 | Dal calcio al cinema: 10 motivi per guardare la tv con TIMVISION
  • 12:43 | Djokovic eliminato! Zverev infrange il sogno del Golden Slam
  • 10:43 | Il possibile scambio tra Perisic e Florenzi
  • 10:32 | Chiellini: “Lunedì sarò a Torino per ricominciare”
  • 10:14 | Il bronzo di Lucilla Boari nel tiro con l’arco
lettera-gravina-tifosi-nazionale - Credit: Fotogramma/IPA
euro2020 22 luglio 2021

La lettera di Gravina ai tifosi della Nazionale

di Franco Porto

Il presidente federale celebra il trionfo azzurro all’Europeo

A una decina di giorni dalla gioia per il trionfo della Nazionale di Roberto Mancini all’Europeo, il presidente della Federcalcio Gabriele Gravina celebra il successo con una lettera aperta.

Una lettera indirizzata ai milioni di italiani che hanno l’azzurro nel cuore e che hanno spinto e seguito ogni momento della cavalcata.

 

Il testo della lettera di Gabriele Gravina

“L’Azzurro ci unisce”, lo abbiamo urlato al cielo di Londra. Finalmente tutti insieme, con orgoglio e un forte un senso di liberazione, dopo oltre un anno e mezzo doloroso.

 

Ho scritto insieme, perché niente come l’Azzurro riesce ad unirci superando ogni campanilismo. Un colore che comprende tutti gli altri e sprigiona passione, quella che ha fatto battere all’unisono i nostri cuori in un mese di intense emozioni.

 

Si dice sempre che quando gioca la Nazionale si ferma il Paese: non è vero!

 

Perché quando giocano gli Azzurri, il Paese si muove eccome. Avvolto, e coinvolto, in una frenetica eccitazione che ci riporta alle cose belle della vita, senza il timore d’arrossire. E quindi eccoci di nuovo davanti al televisore con le famiglie riunite o con un gruppo di amici, le bandiere alla finestra l’inno che risuona dai balconi, poi le urla, i boati e i clacson per le strade. Tutto questo per sostenere gli Azzurri in un fantastico percorso vincente e, allo stesso tempo, per sentirci noi stessi protagonisti di un importante pezzo di storia popolare.

 

Una storia che ci riporta con un filo tricolore ad un altro 11 luglio, quello del 1982, all’esultanza di Sandro Pertini al Santiago Bernabeu e poi di nuovo a quella del presidente Mattarella a Wembley, all’orgogliosa e composta felicità di Enzo Bearzot e di nuovo al carisma e alla commozione di Roberto Mancini.

 

Questa Nazionale è entrata nella storia e lì rimarrà per sempre. Perché quello che ha compiuto, nel momento e nel modo in cui lo ha fatto ha reso onore al nostro Paese e fieri gli italiani. Questa Nazionale è l’Italia perché si sacrifica, ride, piange, lotta, cade e si rialza. È la Nazionale di tutti, nessuno escluso. È la Nazionale che ci piace tifare perché ci rappresenta, un gruppo unito capace di superare le difficoltà sempre col sorriso sulle labbra.

 

All’inizio del nostro percorso tutto questo poteva sembrare solo un sogno, ma gli Azzurri hanno dimostrato di saperlo avverare sulle ali dell’entusiasmo di un Paese unito.

 

E allora grazie Azzurri, grazie a tutti gli italiani. Insieme abbiamo vinto il secondo Campionato Europeo della nostra storia.

I più visti

Leggi tutto su Sport