TimGate
header.weather.state

Oggi 23 maggio 2022 - Aggiornato alle 01:00

 /    /    /  napoli bologna classifica
Il Napoli vince a Bologna e sale in classifica

- Credit: Fotogramma/IPA

calcio18 gennaio 2022

Il Napoli vince a Bologna e sale in classifica

di Franco Porto

I campani accorciano su Inter e Milan e allungano sull’Atalanta

Il Napoli vince 2-0 a Bologna grazie alla doppietta di Lozano e ritrova Osimhen, assente dalla sfida contro l’Inter del 21 novembre quando si procurà le fratture scomposte di zigomo e orbita sinistra dopo uno scontro aereo con Skriniar. Una vittoria che permette alla squadra di Spalletti di allungare sull’Atalanta e accorciare sull’Inter (protagoniste dello 0-0 di domenica sera) e recuperare 3 punti al Milan, battuto dallo Spezia.

 

Un successo fondamentale in chiave classifica per la squadra di Spalletti che gioca un ottimo calcio e legittima la vittoria, importantissima in chiave lotta Champions.

 

“Noi abbiamo lasciato punti per strada che diventa poi difficile recuperare – spiega l'allenatore azzurro – Abbiamo perso partite che poi diventano complicate per la nostra classifica. Davanti vanno forte, ma noi dobbiamo arrivare per forza tra le prime quattro. Abbiamo la qualità per farlo e perdere il nostro gioco o mettere in discussione qualcosa per un gol poi ti crea problemi. Potevamo sfruttare meglio gli spazi nel finale e invece ci siamo creati difficoltà per il loro pressing”.

 

E poi si concentra sui 20 minuti finali in cui i partenopei hanno rischiato di far rientrare il Bologna in partita: “La squadra quando capisce la strada da percorrere ha delle caratteristiche e ha un suo perché – spiega l'allenatore – In alcuni momenti questo lo perdiamo e diventiamo troppo molli. Per quello che rappresentiamo e per la maglia che indossiamo, abbiamo il dovere di rendere felici chi ci vuole bene e chi tifa per noi. Si fa bene il nostro lavoro e si rende felice i tifosi sennò siamo persone normali. Mi arrabbio quando non facciamo le cose per bene. Noi non siamo una squadra che può difendersi a oltranza. Noi dobbiamo lavorare i palloni, pulirli e riorganizzare le azioni. A noi difenderci a oltranza non riesce”.