TimGate
header.weather.state

Oggi 04 luglio 2022 - Aggiornato alle 02:00

 /    /    /  La Roma è pronta per la finale di Conference League
La Roma è pronta per la finale di Conference League

- Credit: Fotogramma/IPA

in europa25 maggio 2022

La Roma è pronta per la finale di Conference League

di Franco Porto

A Tirana i giallorossi sfideranno gli olandesi del Feyenoord

La Roma è a Tirana, dove stasera si giocherà la prima finale della storia della Conference League. Dall’altra parte del campo gli olandesi del Feyenoord, già superati nella stagione 2014-2015 in Europa League negli unici due precedenti nelle coppe europee.

 

“È un momento ricco di significati – spiega Mourinho – siamo alla fine di questa stagione. Abbiamo giocato quattro finali in quattro giorni, abbiamo vinto la prima e così ci siamo qualificati alla Europa League, ma a Torino non si poteva scrivere la storia. Per la Roma arrivare al sesto posto è una posizione normale”.

 

“Questa finale, invece, è una cosa diversa. È già storia, perché arriva dopo tanti anni di assenza. Perciò dobbiamo fare tutto il possibile per vincere. Non credo a pozioni magiche, ma solo al lavoro quotidiano e al lavoro dello staff e della squadra. Comunque vada, per me è una stagione positiva”.

 

>>> Scopri l’offerta TIMVISION con DAZN, la SERIE A TIM e INFINITY+ con la UEFA CHAMPIONS LEAGUE

 

E quando gli chiedono se la sua leadership può indirizzare la partita, lui prova a distogliere l’attenzione da se stesso: “Il mio carisma non può fare la differenza. All’ultima partita della stagione il lavoro è già fatto. La leadership non si può mettere sul tavolo, fa parte di un processo. Noi allenatori siamo fuori, cerchiamo di aiutare, di leggere la partita. Per questo fino alla partita non ci sarà niente nella mia testa. L’esperienza non aiuta, speravo lo facesse, ma ciò che provo è uguale a quando preparavo la prima finale, dopo vent’anni non è cambiato nulla”.

 

E mette al bando anche ogni atteggiamento scaramantico. “Sono fra i pochi a non esserlo nel calcio e litigo anche con gli altri. Non mi interessa neppure sapere con quali maglie giocheremo. Penso al Feyenoord, che, come tante squadre olandesi, ha una grande tradizione”.

 

Tutta l’Albania farà il tifo per la Roma: “Il feeling c’è perché abbiamo un giocatore albanese: se vinciamo, un albanese alzerà la coppa”.