Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 22 gennaio 2021 - Aggiornato alle 19:40
Live
  • 20:22 | Giga illimitati in regalo ogni mese con TIM UNICA
  • 19:20 | Torna TIM Party con la seconda edizione del web talent
  • 19:08 | Conte: 'Sette squadre in lotta per lo scudetto'
  • 19:04 | Fonseca: 'Esonero? Ho l'appoggio della società e della squadra'
  • 19:00 | Napoli, Osimhen negativo, può tornare ad allenarsi
  • 18:45 | Chi è Amanda Gorman, la poetessa di Biden
  • 18:18 | La playlist con le nuove uscite della settimana su TIMMUSIC
  • 17:59 | Weekend di qualificazioni per la eNazionale TIMVISION Pes
  • 17:46 | Cristiano Ronaldo da record, ma non per la Federazione ceca
  • 17:45 | I principi William ed Harry si sono riavvicinati
  • 17:41 | Come comparire nei “per te” di Tik Tok
  • 17:09 | Sofia Goggia regina della discesa a Crans Montana
  • 17:06 | Gomez, ora c’è anche la pista che porta al Siviglia
  • 16:46 | I brani inediti dei ragazzi di Amici 2021 sono su TIMMUSIC
  • 16:30 | Sergio Múñiz è diventato papà
  • 16:06 | Operazione Risorgimento Digitale TIM, due nuovi itinerari formativi
  • 16:04 | Giorgio Locatelli: età, vita, moglie e figli dello chef
  • 15:58 | Google pagherà gli editori francesi per le notizie
  • 15:56 | Chi è Fabio Volo: vita privata, libri e frasi famose
  • 15:33 | La nuova canzone di Morgan si intitola "Ano". E c'è anche il lato b
I sacerdoti di Napoli: no allo stadio dedicato a Maradona - Credit: Antonio Balasco / IPA / Fotogramma
MARADONA 4 dicembre 2020

I sacerdoti di Napoli: no allo stadio dedicato a Maradona

di Giovanni Teolis

Forte presa di posizione dei preti che chiedono di rivedere la decisione

Sacro e profano: a Napoli da sempre si fa fatica a rispettare le differenze quando entra in gioco la figura di Diego Armando Maradona.

E così in questi giorni di commemorazione dopo la morte prematura del campione argentino, ancora una volta, sacro e profano continuano a intrecciarsi. C'è però una voce fuori dal coro: i sacerdoti della città si sono detti assolutamente contrari all’ipotesi di cambiare il nome dello stadio da “San Paolo” a “Diego Armando Maradona”.

 

A riportare la notizia della forte presa di posizione dei sacerdoti è stato il quotidiano Il Mattino che ha reso pubblici alcuni stralci della lettera inviata da Don Salvatore Giuliano, parroco della basilica di San Giovanni Maggiore, una delle più antiche della cristianità, al cardinale Sepe: 

«Eminenza Reverendissima trovo veramente triste che mentre i potenti cancellano i nomi e i segni della fede dalle nostre città, noi cristiani restiamo in silenzio o, peggio, li appoggiamo. Lo stadio San Paolo resti al Santo che ci ha portato Gesù! Sento con umiltà la grande responsabilità innanzi a Dio di dirvelo». 

La posizione di Don Salvatore Giuliano non è isolata, anzi sono tanti i sacerdoti che sottoscrivono le sue parole. I sacerdoti però si sono anche detti disponibili a trovare una soluzione condivisa, unm compromesso. E questo potrebbe consistere nello scegliere di intitolare lo stadio con la doppia titolazione, come del resto già succedere a Milano con “San Siro - Giuseppe Meazza”. Non ci sarebbe quindi nessuna obiezione in caso si decidesse di affiancare al santo il nome di Diego Armando Maradona.  

I più visti

Leggi tutto su Sport