Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 25 ottobre 2020 - Aggiornato alle 06:33
Live
  • 00:42 | Ancora una sconfitta per l’Italrugby contro l’Irlanda
  • 00:19 | Basket, Serie A: la Virtus Bologna passa a Varese 73-85
  • 00:01 | Basket, Serie A: Reggio Emilia piega la Germani Brescia 83-67
  • 23:33 | Luis Alberto e Immobile fanno sorridere la Lazio
  • 21:13 | L’Inter torna a vincere e blinda la porta per la prima volta
  • 21:00 | Finisce l'ora legale, torna l’ora solare
  • 20:03 | Genoa-Inter 0-2, risolvono Lukaku e D'Ambrosio
  • 20:00 | Jean-Claude Van Damme ha salvato un chihuahua
  • 20:00 | Covid-19, Italia: 19.644 nuovi casi e 151 morti in 24 ore
  • 19:10 | Covid, come avviene il contagio durante una cena?
  • 18:58 | Covid, come richiedere il bonus da 1800 euro
  • 18:56 | Che fine hanno fatto gli attori di Dancing Days
  • 18:52 | Azzolina: "Focolai a scuola? Non sono un rischio"
  • 18:30 | Cosa fare se siete stati a contatto con un positivo al Covid
  • 18:12 | Barcellona-Real 1-3, colpo Zidane che ora respira
  • 18:10 | La vittoria del Real Madrid nel “clasico”
  • 18:00 | In arrivo il documentario su Audrey Hepburn
  • 17:59 | L’Atalanta inciampa ancora, la Sampdoria vola
  • 17:54 | Giro d’Italia, due in testa a una tappa dalla fine
  • 17:38 | Telegram, aperta un’indagine sui deepfake creati da bot
simy-ferma-juventus-crotone Andrea Pirlo - Credit: Marco Iacobucci / IPA / Fotogramma
calcio 17 ottobre 2020

Simy ha fermato ancora la Juve. Ma Pirlo è fiducioso

di Pierfrancesco Catucci

Con tanti giovani in campo, è finita 1-1 a Crotone

Dalla rovesciata con cui fermò la Juventus il 18 aprile 2018 al calcio di rigore con cui l’ha stoppata ancora: è Simeon Tochukwu Nwankwo, Simy per tutti, il grande protagonista del pareggio per 1-1 del Crotone contro la Juventus (e dopo il gol ha esposto una maglia a sostegno della protesta in Nigeria, come Osimhen).

Il secondo pareggio di fila per i bianconeri (esclusa la vittoria a tavolino con il Napoli, per la quale c’è ancora un ricorso da discutere) al termine di una prestazione al di sotto delle aspettative.

 

Era la prima di Federico Chiesa, che chiuderà con l’assist per il gol del pareggio di Morata e un’espulsione (un po’ severa) a metà del secondo tempo. Era anche la prima da titolare per il giovane Manolo Portanova, dal primo minuto in campo assieme a Frabotta, che già aveva esordito dall’inizio contro la Sampdoria.

 

Pirlo lancia i giovani, nella partita in cui deve fare a meno di Cristiano Ronaldo (positivo al coronavirus) e con un Dybala ancora non al meglio (in panchina per tutta la partita). La Juve non costruisce granché e il gol del 2-1 di Morata, quando i bianconeri sono già in dieci, è annullato dal Var per un fuorigioco millimetrico dello spagnolo.

 

E allora finisce 1-1, con la Juve lontana 4 punti dalla testa della classifica occupata dal Milan che, nel frattempo, ha vinto il derby di Milano. Pirlo, comunque, non fa drammi: "Sapevamo che ci saranno tante squadre che lotteranno per il titolo, sarà una battaglia giornata dopo giornata, bisogna fare punti, purtroppo ne stiamo perdendo qualcuno per strada, ma siamo in costruzione e torneremo presto davanti”.

 

E quando gli chiedono se in campo ci fossero troppi giovani per le ambizioni della Juve, tira dritto per la sua strada: “Abbiamo lavorato poco in questi primi mesi, i giocatori sono stati in nazionale e i giovani devono fare esperienza giocando queste prime partite. Capita, quindi, che qualche leggerezza la possano commettere. Juve troppo giovane oggi? No, è la squadra che abbiamo, una squadra giovane e di qualità, ma in costruzione, quindi abbiamo bisogno di tempo. I giovani hanno bisogno di sbagliare e lo devono fare anche in queste partite”.

Leggi tutto su Sport