TimGate
header.weather.state

Oggi 21 maggio 2022 - Aggiornato alle 17:08

 /    /    /  italia slovenia futsal
La Slovenia sulla strada dell’Italia per i quarti

- Credit: Uefa media

europeo futsal24 gennaio 2022

La Slovenia sulla strada dell’Italia per i quarti

di Franco Porto

Dopo il 3-3 dell’esordio contro la Finlandia, agli azzurri serve un successo

La seconda giornata dell'Europeo di futsal mette di fronte l’Italia e la Slovenia. Dopo i primi 40’, tutte e quattro le squadre del Gruppo B sono appaiate a un punto in classifica: se infatti gli Azzurri sono stati fermati sul 3-3 dalla Finlandia, gli sloveni sono riusciti a bloccare 4-4, nel match d’esordio, il fortissimo Kazakistan.

 

Con questa situazione di equilibrio totale, la sfida alla Slovenia rappresenta un crocevia decisivo per il passaggio del turno (ai quarti si qualificano le prime due). Arrivano intanto notizie dall’infermeria: Gabriel Motta, sottoposto in giornata ad accertamenti medici dopo un dolore accusato in allenamento, ha riscontrato una lesione del retto femorale della gamba sinistra e non sarà a disposizione per la sfida.

 

“Con la Slovenia – commenta il ct Massimiliano Bellarte – abbiamo bisogno di una vittoria, non solo per il discorso qualificazione, ma perché ce la meritiamo, per tutto il lavoro svolto nell’arrivare a questa competizione, per il cammino e il percorso di crescita fatto. Per questo dobbiamo fare il massimo per ottenerla, non solo per tenere vive le speranze di qualificazione. Affronteremo una squadra, la Slovenia, molto differente dalla Finlandia: diversa nel modo di difendere, diversa nei concetti di gioco, sarà certamente un altro tipo di partita”.

 

Cosa servirà per battere una squadra solida come la Slovenia, che fra le sue fila annovera calciatori “italiani” come Fetic, Hozjan, Totoskovic e Fiedersek, Bukovec, Lovrencic e una vecchia conoscenza come Cujec? “Se dal punto di vista difensivo con la Finlandia abbiamo fatto una buona gara, concedendo occasioni solo su nostre sbavature in fase di possesso palla, dovremo migliorare l'aggressività della prima linea di pressione, andando a incidere sul recupero alto del pallone, sulle transizioni di gioco. Negli occhi dei giocatori vedo due cose: la felicità di essere protagonisti in una competizione così importante e il desiderio di essere migliori giorno dopo giorno. È solo così che potranno ottenere ciò che veramente vogliono, il risultato”.

 

>>> Scopri l’offerta TIMVISION con DAZN, la SERIE A TIM e INFINITY+ con la UEFA CHAMPIONS LEAGUE

 

Ha mostrato tutta la sua voglia di vincere anche Cainan De Matos, autore di due dei tre gol nel pari con la Finlandia: “L’Italia probabilmente non ha ancora dimostrato tutto il suo vero potenziale. Contro i finlandesi abbiamo un po’ pagato lo scotto dell’esordio in una competizione simile, però sono certo che con la Slovenia faremo ben altra partita, vogliamo vincere. Sono felicissimo di essere qui, di essere arrivato a questo appuntamento in questa fase della mia carriera, con tutto il percorso che ho dovuto fare, partendo dalla C2 in Puglia, fino a giocare nella Liga spagnola e ora in un Europeo. Dove preferisco giocare? Il mister lo sa, nasco laterale ma mi adatto in tutte le zone di campo, credo che il mio punto di forza sia quello di poter essere un giocatore universale”.

 

Lunedì il fischio d'inizio di Italia-Slovenia è alle ore 17.30 (diretta su Raisport), arbitra il miglior fischietto del mondo, lo spagnolo Juan José Cordero Gallardo, con il collega spagnolo Alejandro Martinez Flores, il danese David Grøndal Nissen; il cronometrista è il portoghese Miguel Castilho.