Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 21 aprile 2021 - Aggiornato alle 12:00
Live
  • 12:38 | Coltivazione della soia e impatto ambientale, cosa dobbiamo sapere
  • 12:25 | Quali sono gli uccelli più rari?
  • 12:15 | La Cappella degli Scrovegni su Haltadefinizione
  • 12:14 | Setter irlandese: info e carattere di questa razza
  • 12:10 | Tutto su "Anna", la serie tv di Niccolò Ammaniti
  • 12:04 | 5 curiosità su Napoleone Bonaparte
  • 11:34 | Catherine Zeta-Jones e Michael Douglas festeggiano la figlia
  • 11:29 | Usa, condannato l'agente che uccise George Floyd
  • 11:18 | Il Borussia Dortmund vuole André Silva
  • 11:15 | Barbabietola al forno per un contorno light
  • 11:05 | L’ok dell’Ema al vaccino Johnson&Johnson
  • 10:49 | La vittoria della Fiorentina a Verona
  • 10:31 | Da maggio studenti in classe al 60 per cento
  • 10:03 | Facebook: ecco le Live Audio Room per sfidare con Clubhouse
  • 09:51 | Buon compleanno alla regina Elisabetta II
  • 09:08 | Gravina nel comitato esecutivo della Uefa
  • 08:59 | Arriva il primo Dlc di Wasteland 3
  • 08:37 | La Super League è già naufragata dopo due giorni
  • 08:26 | Parler nuovamente disponibile sull'App Store di Apple
  • 07:07 | Da Amazon nuovi investimenti per l'energia rinnovabile
verona-juve-ronaldo-barak - Credit: Fotogramma/IPA
calcio 27 febbraio 2021

Senza l’istinto killer, la Juve frena a Verona

di Pierfrancesco Catucci

Pirlo si rammarica per non averla chiusa prima, Barak fa sorridere Juric

Questa volta è il numero 7 del Verona il protagonista di giornata.

La squadra di Juric ferma la Juventus come all’andata e Antonin Barak risponde al più celebre Cristiano Ronaldo con una rete che vale tanto per i veneti che fermano per la seconda volta in stagione i bianconeri. Finisce 1-1 come all’andata e se Juric può esultare per l’impresa, Pirlo vede allontanarsi le ambizioni scudetto dei suoi.

 

Va detto che gli infortuni hanno pesantemente condizionato le scelte di Pirlo, costretto a rinunciare a Bonucci, Chiellini, Cuadrado, Arthur, Dybala e Morata, oltre allo squalificato Danilo. E in panchina porta ben nove ragazzi della seconda squadra. E se l’avvio di gara è più che convincente, con 7 tiri in porta nel primo quarto d’ora, è sulla distanza che la Juve si spegne.

 

Il Verona, dalla sua, fa la solita partita di grande intensità. Chiude ogni spazio ai bianconeri e prova a sorprenderli in ripartenza. Lazovic, in campo nella ripresa, dà nuove energie e idee e Barak ci mette la testa nel gol che vale un punto.

 

E a fine partita Pirlo prova a spiegare: “Peccato non aver saputo gestire il vantaggio – spiega a Dazn – perché la cosa più difficile era segnare, ci siamo riusciti, ma poi non siamo riusciti a tenere il risultato. Ci è venuta a mancare un po’ di aggressività e l’inesperienza non ci ha consentito di gestire al meglio le situazioni più delicate”.

 

L’incapacità di chiuderla prima è il grande cruccio dell’allenatore: “Dovevamo portare a casa la partita. Quando ci è venuta meno un po' di intensità ho chiesto a Ronaldo e Alex Sandro di farsi sentire in campo: con tanti giovani non è facile. E non avevo cambi da fare. Dispiace perché sapevamo che sarebbe stata una partita difficile, sporca. In occasione del gol ci sono state delle piccolezze che i giovani ancora non capiscono e che fanno la differenza. Quando sei in vantaggio queste partite devi cercare di portarle a casa, è un peccato aver lasciato due punti. Dovevamo sfruttare meglio le occasioni. Ci mancavano giocatori di esperienza, avevamo tanti giovani”.

I più visti

Leggi tutto su Sport