TimGate
header.weather.state

Oggi 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 01:00

 /    /    /  Come curare il gelsomino
Come curare il gelsomino

COME FARE31 maggio 2019

Come curare il gelsomino

Alcuni trucchi per diventare dei perfetti pollice verde.

Quei fortunati che posseggono un bel giardino ma anche un balcone possono far crescere con soddisfazione una delle piante rampicanti più belle presenti in Italia, il gelsomino. Certo non è difficile da curare come un'orchidea né molto semplice come una pianta grassa, ma con qualche cura e dei piccoli accorgimenti si può far crescere un gelsomino rampicante forte e profumato.

Dove posizionare la pianta

Pochi sanno che il gelsomino arriva dal Medio Oriente, anche se il suo profumo caratteristico può farlo immaginare, ragion per cui è importante far crescere questa pianta in un luogo soleggiato dove la luce è presente per molte ore. Nelle Regioni più fredde, si dovrebbe avere l'accortezza di posizionare il gelsomino dove vento e pioggia non lo colpiscono molto. Soprattutto durante il periodo invernale è importante riparare le radici della pianta dal freddo coprendola magari con delle foglie secche. Infatti qualora il terreno fosse troppo umido la pianta potrebbe essere colpita dagli afidi, dei parassiti che possono seriamente danneggiarla. Perciò anche quando si bagna, evitare i ristagni d'acqua.

La moltiplicazione del gelsomino

Per avere una bella pianta di gelsomino non è indispensabile andare a comprarla direttamente dal fioraio, i più volenterosi possono farla crescere per talea, prendendola dai vicini, amici o parenti. Basta semplicemente tagliare con una forbice un rametto di almeno 10 cm oppure uno dei nuovi germogli dalle radici ed inserirlo in un vaso con della torba. Il gelsomino è abbastanza facile da fare attecchire perciò dovrebbe crescere con facilità, arrivato il periodo autunnale è possibile trapiantarlo in un vaso più grande. Per creare un bel pergolato, facendo attaccare il gelsomino ad una rete basta posizionare il vaso nelle immediate vicinanze della stessa, oppure, è possibile utilizzare le spalliere in legno create appositamente per le piante rampicanti. Una volta indirizzati i rami nuovi verso la rete questo farà tutto da sé crescendo autonomamente.

I tempi di crescita

Ovviamente in pochi giorni è impossibile vedere una crescita miracolosa, ma avendone cura sarà possibile farlo crescere robusto e forte sia in vaso sul balcone che in giardino. L'importante è proteggerlo dal freddo e annaffiarlo il giusto per evitare i ristagni d'acqua che ne danneggiano in modo irreparabile la crescita. Bastano poche stagioni per ottenere un pergolato grande e profumato semplicemente perfetto.