TimGate
header.weather.state

Oggi 02 ottobre 2022 - Aggiornato alle 18:00

 /    /    /  Come dimagrire i fianchi uomo: 5 esercizi
Come dimagrire i fianchi uomo: 5 esercizi

Uomo e donna fanno esercizi all'aria aperta- Credit: Pexels

COME FARE23 luglio 2022

Come dimagrire i fianchi uomo: 5 esercizi

di Barbara Vaglio

La zona dei fianchi, si sa, è quella più soggetta all’accumulo di grasso, a peggiorare la situazione sono uno stile di vita di tipo sedentario; una cattiva alimentazione e il consumo eccessivo di zuccheri, grassi e fritti; lo stress ma anche il fumo e l’abuso di alcool.

Dieta alimentare

Un’alimentazione mirata che preveda il consumo di verdure, che sia ricca di fibre, vitamine e sali minerali e che limiti i grassi e gli zuccheri predisporrà l’organismo al regolare transito intestinale, limiterà l’assorbimento nelle cellule di grassi e carboidrati, diminuirà il senso di fame.
Ecco alcuni suggerimenti che è bene tenere a mente:

  • condire gli alimenti con l’olio extra vergine di oliva in quanto aiuta ad assimilare le sostanze nutritive contenute nei cibi, facilita il transito intestinale, rende la pelle elastica; protegge cuore e cervello;
  • i carboidrati non vanno evitati ma solo bilanciati.

Esercizi 

Se siete fuori forma, potreste cominciare con due allenamenti a settimana; se, invece, siete più attivi, si possono fare allenamenti alternati spalmati su 3 giorni.

Ecco alcune idee per esercizi da eseguire per lavorare sulla zona fianchi:

  1. slanci a gamba singola da posizione di quadrupedia: collocate un tappetino a terra e acquisite la posizione in quadrupedia o ‘a cagnolino’; le mani vanno aperte ad altezza delle spalle, il busto dovrà essere perpendicolare a terra; a questo punto, slanciate una gamba dietro e in alto, stendendola e mantenendo l’altra gamba stabile a terra.
    Ripetete lo slancio per 10 volte, riposate 10 secondi e, poi, ripetete la serie per altre due volte passando all’altra gamba;
  2. calci a gamba singola da posizione di quadrupedia, per eseguire questo esercizio si deve eseguire uno slancio partendo con la gamba piegata. Esattamente ci deve essere un angolo virtuale di 90 gradi tra la tibia e il femore, e il piegamento va mantenuto durante il calcio;
  3. ponte su una gamba: per fare l’esercizio ci si deve mettere supini, cioè a pancia in alto, sul tappetino, con le gambe flesse, in modo che la schiena tocchi a terra ma le ginocchia siano in alto. A questo punto, mantenendo l’adesione a terra fino alle scapole, si deve sollevare solo una gamba, in modo che sia perpendicolare a terra;
  4. affondi: si deve partire in piedi, portando quindi una gamba in avanti, come si facesse un passo lungo. L’estensione di questo passo sarà sufficiente a portare la tibia dell’altra gamba parallela a terra. Per questo ci si può aiutare piegando il ginocchio della gamba che si flette fino a che questo non arriva perpendicolare a terra. Fatto questo, facendo leva sul tallone in flessione, si torna in posizione eretta;
  5. flessione delle cosce su un fianco: distendetevi sul tappetino e disponendovi su un fianco poggiate le braccia e la gamba dello stesso lato a terra. La testa va poggiata sul gomito per non affaticare il collo, e le gambe vanno portate al petto. A questo punto la gamba che non è in appoggio va distesa in avanti, e poi sollevata fino a portarla perpendicolare a terra.