TimGate
header.weather.state

Oggi 07 ottobre 2022 - Aggiornato alle 17:00

 /    /    /  Come sviluppare e allenare l'intelligenza emotiva
Come sviluppare e allenare l'intelligenza emotiva

Una ragazza sorride davanti a un libro aperto- Credit: Pexels

COME FARE15 agosto 2022

Come sviluppare e allenare l'intelligenza emotiva

di Barbara Vaglio

Intelligenza emotiva, perché è così importante lavorarci su e migliorarla.
 

Lo psicologo Howard Gardner fu il primo a parlare di diversi tipi di intelligenza e, in particolare, di intelligenza emotiva. Scopriamo in cosa consiste e come fare per accrescerla.

Cos’è l’intelligenza emotiva

L’intelligenza emotiva può essere definita come la capacità di comprendere i sentimenti e le emozioni altrui a cui si accosta l’abilità personale di usare la conoscenza per guidare le proprie azioni e pensieri.
A proposito di come fare per allenare e incrementare la propria intelligenza emotiva è molto interessante il punto di vista di Chade-Meng Tan, presidente di un’organizzazione no profit che mescola meditazione, neuroscienza e tecnologia. In particolare la meditazione risulta essere al centro delle pratiche utili ed efficaci al fine di sviluppare e accrescere la propria intelligenza emotiva.

Cinque aree di intervento

Nel libro Search Inside Yourself, Meng individua cinque aree su cui lavorare per un incremento dell’intelligenza emotiva, le prime tre sono relative a noi stessi, e le altre due al nostro rapporto con gli altri:

  • consapevolezza di sé, da intendersi come la capacità di conoscere il nostro stato interiore, i nostri gusti, le nostre risorse e intuizioni. Sapere chi siamo davvero ci aiuta a vedere le cose più chiare, perché siamo in grado di comprendere come sentimenti ed emozioni influiscano sulla nostra percezione e sulle azioni. Come migliorare questo punto di vista? Per esempio, sorridendo delle nostre preoccupazioni e, magari, chiedendo agli altri feedback su di noi.

  • autoregolamentazione e cioè l’abilità di controllare i nostri impulsi, le nostre risorse, e il nostro stato mentale.  La mindfulness è un ottimo strumento per autoregolarsi, si tratta, infatti, di una forma di meditazione finalizzata ad aumentare la nostra capacità di attenzione e meta-attenzione.

  • motivazione, intesa come la capacità di mantenere le nostre azioni allineate ai nostri obiettivi. Un semplice trucco per essere maggiormente motivati tutti i giorni in quello che facciamo è tracciare i nostri risultati, può essere sufficiente tenere una lista delle cose fatte ogni giorno.

  • empatia, ossia la consapevolezza dei sentimenti, dei bisogni, e delle preoccupazioni altrui. Per aumentare la nostra empatia, possiamo utilizzare alcune specifiche meditazioni chiamate Just Like Me e Loving Kindness. La prima vuole che ci immaginiamo nelle vesti degli altri e cerchiamo di capire che anche loro desiderano essere felici e sentirsi amati, proprio come noi. La seconda, prevede di avere pensieri felici per gli altri e augurare loro il meglio. 

  • competenze sociali, riguardano la nostra abilità di influenzare gli altri. Le persone in grado di gestire al meglio i rapporti con gli altri sono quelle che riescono a comprendere e controllare le emozioni, proprie e altrui, generare empatia, e sono profondamente motivate in quello a cui si dedicano.