TimGate
header.weather.state

Oggi 30 settembre 2022 - Aggiornato alle 18:15

 /    /    /  Come utilizzare gli steli della lavanda
Come utilizzare gli steli della lavanda

Fiori e steli di lavanda, come usarli- Credit: Pexels

COME FARE30 settembre 2021

Come utilizzare gli steli della lavanda

di Barbara Vaglio

Non buttate via gli steli, fate economia e recuperate ogni parte profumata del fiore.

Profumatissima e preziosissima, parliamo della lavanda, dei suoi fiori e steli e del fatto che raccoglierla per realizzare dei sacchetti profuma cassetti è solo una parte delle cose che si possono fare. Oltre il profumo c’è di più, scopriamolo insieme.

Sacchettini profumati di fiori e steli

Un fiore curativo, per il suo colore che è riposante per occhi e mente, per il suo profumo delicato e inebriante, per il fatto che cogliere, essiccare e realizzare i sacchettini a base di lavanda permette di ritrovare negli armadi e nei cassetti quella bella sensazione olfattiva e stupirsi ogni volta.

 

Per realizzare un sacchetto profuma ambienti, raccogliete i fiori di lavanda, anche gli steli. Questi ultimi sono altrettanto profumati e vi permetteranno, impiegandoli, di evitare gli sprechi e sfruttare ogni parte del fiore.

 

Il procedimento è molto semplice: riponete i fiori di lavanda, completi di stelo, in un vaso senza acqua, fate essiccare deliziandovi del profumo rilasciato dal fiore. Quando vi sembrerà che l’essiccazione sia ultimata, tagliate fiore e stelo in piccoli pezzi e inseriteli in un sacchetto di stoffa, il luogo giusto in cui collocare il sacchetto decidetelo voi, in armadio e nei cassetti indistintamente. Se volete realizzare più sacchetti possibili, procuratevi o raccogliete più fiori!

 

Dopo l’essiccazione potete sempre pensare di frantumare fiore e stelo e di realizzare della carta naturale e profumata da impiegare come bigliettini d’auguri o per occasioni speciali.

Altre virtù del fiore, oltre il profumo

Il profumo caratteristico non è l’unica virtù riconosciuta alla lavanda. In molte culture antiche e medievali, infatti, si faceva affidamento sull’erba per le sue proprietà antidolorifiche e sedative. Tali proprietà sono da ricondurre ai componenti di linalolo e acetato di linalile che hanno il vantaggio di intervenire sull’umore, sul sonno contribuendo a migliorarlo e hanno, inoltre, una funzione espettorante, alleviano il dolore e velocizzano la guarigione delle ferite.

 

Alcuni studi avrebbero accertato il rilassamento e la concentrazione offerti dalla lavanda e dal suo profumo; il fiore è utile contro depressione e ansia e darebbe buoni frutti anche nel trattamento della demenza costituendo, quindi, un ottimo alleato della memoria.

 

La lavanda ha un posto molto importante nella cura della pelle, l’olio di lavanda può essere integrato nelle routine di bellezza.