Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 30 settembre 2020 - Aggiornato alle 12:00
Live
  • 00:03 | Roland Garros, con Berrettini 9 azzurri al secondo turno
  • 11:49 | Yakuza: Like a Dragon in arrivo il 10 novembre
  • 11:08 | Preziosi spinge per rinvio di Genoa-Torino: Impensabile giocare
  • 11:00 | Idee per dipingere le pareti in modo creativo
  • 10:59 | L'Onu vuole lo stop immediato della guerra Armenia-Azerbaijan
  • 10:56 | Nainggolan, manca poco per il suo ritorno al Cagliari
  • 10:37 | La Juventus su Chiesa, ma prima deve sfoltire
  • 10:30 | Le idee del governo per l'economia italiana
  • 10:15 | Confusione nel primo dibattito fra Trump e Biden
  • 10:11 | Milan, Tomiyasu in pole per la difesa
  • 09:00 | “Come te lo spiego?” è il nuovo singolo di Raffaele Ronga, l’intervista
  • 09:00 | Perché è famosa Tina Cipollari
  • 09:00 | Gabry Ponte: biografia e carriera
  • 09:00 | Cronotermostato: settimanale o giornaliero
  • 09:00 | I nomi scientifici delle piante che non conoscevi
  • 09:00 | Come superare una rottura di fidanzamento
  • 09:00 | Gli esami più difficili di Giurisprudenza
  • 09:00 | 5 film imperdibili sullo sport
  • 08:20 | Operazione Risorgimento Digitale: le competenze nel mercato del lavoro
  • 07:45 | TIM Super WiFi: fibra sicura e WiFi certificato
nissan-anteprima-mondiale-z-proto Il prototipo della nuova generazione di Nissan Z - Credit: Nissan media
auto 16 settembre 2020

Nissan lancia in anteprima mondiale Z Proto

di Pierfrancesco Catucci

Ecco il prototipo della nuova generazione della leggendaria supercar Z

Nissan ha presentato Z Proto, il prototipo di una nuova generazione della leggendaria supercar Z.

Svelato nel corso di un evento virtuale trasmesso in tutto il mondo dal Nissan Pavilion di Yokohama, il prototipo sfoggia un design completamente inedito per esterni e interni. E sotto il cofano un motore V6 biturbo abbinato a una trasmissione manuale.

 

Intravista in un video intitolato Nissan A-Z in maggio, Z Proto è la degna erede di cinquant’anni di storia del leggendario modello “Z”. Al tempo stesso, però, è una modernissima sportiva.

 

“La Z – spiega Makoto Uchida, Ceo Nissan – è un’auto sportiva in tutto e per tutto, e come tale incarna lo spirito di Nissan. È un modello chiave del piano di trasformazione Nissan Next e dimostra la nostra capacità di fare ciò che gli altri non osano, dalla A alla Z. Anch’io sono un fan della Z e sono felice ed emozionato nell’annunciarne l’arrivo”.

 

Alla presentazione virtuale ha assistito una comunità globale di appassionati di ogni età. Soci dello Z Club giapponese, partecipanti al raduno Zcon di Nashville in Tennessee e ammiratori di molti altri mercati si sono collegati all’evento.

 

Linee esterne: passato e futuro si incontrano

Progettata e sviluppata dal team di design in Giappone, Z Proto ha linee esterne moderne e accattivanti, con un design che rende omaggio alla versione originale. La carrozzeria giallo perlato è un tributo alle scelte cromatiche della Z di prima generazione (S30) e della 300ZX (Z32), e si accompagna al tetto nero.

 

La forma del cofano e i fari anteriori a Led obliqui, a goccia, sono inconfondibili richiami alla Z originale. Le dimensioni della griglia rettangolare sono simili al modello attuale, con l’aggiunta di una serie di alette ovali per rivisitare il look. La silhouette esprime sportività ed eleganza.

 

La somiglianza con la Z originale è ancora più sorprendente osservando Z Proto lateralmente. La linea del tetto unisce il muso alla coda squadrata ridisegnando il profilo della prima generazione Z, dove la parte posteriore era lievemente più bassa del parafango anteriore e conferiva alla Z la sua esclusiva presenza scenica – ora ulteriormente enfatizzata dal raccordo fra il vetro a compasso posteriore e l’assetto ribassato della coda.

 

La coda trae ispirazione dalle luci posteriori della 300ZX (Z32), reinterpretate in chiave moderna. I gruppi ottici a LED sono incastonati in una fascia rettangolare nera che abbraccia anche i lati.

 

L’uso della fibra di carbonio ultraleggera utilizzata per minigonne laterali, bordo sotto il paraurti anteriore ed elementi aerodinamici posteriori assicura ottime performance. I cerchi in lega da 19” e il doppio terminale di scarico sottolineano la grinta di Z Proto.

 

Interni: tecnologie moderne con un tocco vintage

Progettato come un abito su misura per il guidatore e il passeggero, l’abitacolo di Z Proto è un ideale connubio di tecnologie moderne e influenze della tradizione Z.

 

I designer hanno chiesto consiglio ai professionisti dell’automobilismo sportivo per creare un ambiente interno di stampo agonistico, ideale sia su strada che in pista. Si capisce già dalla strumentazione: tutte le informazioni principali sono mostrate su un display digitale da 12,3”, leggibili a colpo d’occhio dal pilota – come per esempio l’indicatore rosso di cambio marcia posizionato a ore 12.

 

Il nuovo volante offre l’accesso immediato ai comandi, senza perdere la sua estetica vintage.

 

L’abitacolo è impreziosito da dettagli gialli, tra cui l’impuntura a vista sul cruscotto. Anche i sedili riprendono il colore giallo e hanno una striscia sfumata al centro che dà un senso di tridimensionalità.

 

Una guida emozionante

Sin dal primo modello, la Z è stata pensata per offrire emozioni e performance, come in gara.

 

A ogni nuova generazione il motore è diventato più potente, ma l’anima della Z non è solo nel numero di cavalli.

 

Sotto il cofano di Z Proto c’è un motore V6 biturbo, accoppiato a una trasmissione manuale a sei marce. Trattandosi di un prototipo, i tecnici stanno ancora lavorando per perfezionare l’equilibrio tra la potenza e controllo, che hanno sempre caratterizzato la Z nei suoi cinquant’anni di storia.

Leggi tutto su Tempo Libero