Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 17 aprile 2021 - Aggiornato alle 23:35
Live
  • 08:35 | Economia italiana, la scommessa di Draghi sulla crescita
  • 00:07 | Un live action dedicato alle sorellastre cattive di Cenerentola
  • 23:35 | Hugh Jackman e Laura Dern protagonisti di “The Son”
  • 23:17 | “A very english scandal”, una miniserie con Hugh Grant su TIMVISION
  • 23:01 | Basket, Serie A: Shields guida l’Olimpia Milano, Virtus ko 94-84
  • 21:30 | I funerali del principe Filippo: le lacrime della regina Elisabetta
  • 18:30 | Covid, in Italia altri 310 morti
  • 17:43 | MotoGP 2021, Portogallo: Quartararo in pole a Portimao, Bagnaia beffato
  • 16:24 | David Bowie, esce un cofanetto con brani inediti e rarità
  • 16:14 | Lewis Hamilton scrive un altro record in Formula 1
  • 16:10 | Il nuovo singolo di Moby con Mark Lanegan è su TIMMUSIC
  • 16:00 | Che cos’è il Pnrr e perché così importante
  • 15:50 | I colori delle regioni dal 19 aprile
  • 15:45 | La riapertura di cinema, teatri e musei
  • 15:00 | Amarene sciroppate fai da te!
  • 14:47 | Chi è la grande amica del principe Filippo
  • 14:27 | Buon compleanno Victoria Beckham
  • 13:58 | Sarah Ferguson è stata esclusa dai funerali
  • 13:40 | Windsor blindata per i funerali del principe Filippo
  • 13:38 | termoarredo idee di design per tutte le stanze
suzuki-nuova-hayabusa - Credit: Suzuki media
moto 19 marzo 2021

Suzuki, ecco in anteprima mondiale la nuova Hayabusa

di Pierfrancesco Catucci

In Italia è ordinabile la web edition con un vantaggio cliente di 2mila euro

Suzuki presenta in anteprima mondiale la Hayabusa e apre una nuova era delle Ultimate Sport, le sportive estreme, una categoria da lei stessa creata nel 1999.

La Hayabusa alza l’asticella delle prestazioni spingendo nel solco della creazione di una simbiosi con il suo pilota.

 

Sin dalla sua prima apparizione, la Hayabusa ha imposto la sua autorevolezza, fornendo più coppia e più potenza di qualsiasi altra moto sportiva fino alla soglia dei 6mila giri. Oggi la terza generazione della Hayabusa porta avanti fieramente la tradizione dei modelli precedenti, venduti in oltre 189mila esemplari.

 

La Hayabusa ha un’erogazione ancor più piena e regolare ai bassi e ai medi regimi, questo le consente di essere al tempo stesso più veloce e più gestibile. I molteplici evoluti sistemi elettronici, inoltre, supportano il pilota in base alle situazioni e allo stile di guida.

 

La moto resta fedele alla sua inconfondibile silhouette dallo stile moderno e seducente massimizzando l’efficienza aerodinamica. La sagoma s’ispira al falco pellegrino giapponese che dà anche il nome alla moto, con un avanzamento visivo delle masse e una coda rialzata la Hayabusa è protesa in avanti come se fosse pronta ad afferrare la sua preda. Il frontale appuntito è l’emblema di questo aspetto rapace. Il faro a Multi-LED ha una forma allungata ed è affiancato da luci di posizione che integrano gli indicatori di direzione, una soluzione esclusiva, che rende la linea più pulita e filante. Il sapiente utilizzo dei colori mette in risalto le forme slanciate della Hayabusa, con molti elementi che ricordano il piumaggio del falco e disegnano un motivo a V per enfatizzare il senso di velocità.

 

La nuova Hayabusa ha anche sottili specchi retrovisori, nuovi cerchi a sette razze e silenziatori che pesano oltre 2 kg meno rispetto ai precedenti.

 

Eredita anche il leggendario e potente motore a quattro cilindri in linea, raffreddato a liquido, da 1.340 cc, che beneficia tuttavia di profondi aggiornamenti migliorando il rendimento complessivo e aumentando l’efficienza e la robustezza.

 

L’impianto di scarico, che introduce un nuovo condotto di compensazione tra i collettori, aiuta a soddisfare gli standard Euro 5 sulle emissioni e dà un contributo determinante alla potenza e la coppia ai bassi e ai medi regimi, quelli più utilizzati nella guida su strada.

 

Tra le novità più importanti figurano nuovi pistoni più leggeri di 26 grammi, bielle ridisegnate e più rigide e alberi a camme dal profilo rivisto, che modificano la fasatura delle valvole, riducendo i loro tempi d’incrocio. I tecnici hanno poi riprogettato l’albero motore, creando diversi passaggi per l’olio volti a migliorare la lubrificazione e hanno introdotto numerose modifiche di dettaglio, anche nel reparto trasmissione.

 

La nuova Suzuki Hayabusa ha una potenza massima di 140 kW (190 cv) a 9.700 giri e si concentra sull’espressione di una poderosa coppia massima di 150 Nm a 7.000 giri. La curva di erogazione mostra come la coppia sia più performante nei bassi e medi regimi rispetto al modello precedente ed è capace di staccare le serie precedenti nello spunto da fermo e nella maggior parte delle situazioni quotidiane, mentre la velocità massima è sempre autolimitata a 299 km/h.

 

Il rendimento aerodinamico è di fondamentale importanza per una moto capace di raggiungere velocità massime nell’ordine dei 300 km/h. Grazie anche a prolungati test in galleria del vento e all’uso dei più evoluti strumenti di analisi CAE, la Hayabusa fa registrare uno tra i migliori coefficienti di resistenza aerodinamica mai misurati su una moto di serie, con risultati straordinari in termini di penetrazione, stabilità e protezione del pilota. Questi si trova perfettamente integrato nella sagoma della moto e può assumere una posizione più confortevole che in passato, con il manubrio che arretra di 12 mm e assicura una padronanza totale in ogni situazione.

 

La Suzuki Hayabusa ha un prezzo di 19.390 Euro e in Italia viene commercializzata con la cover monoposto per il sellino del passeggero e le calotte per gli specchietti carbon look. Due le colorazioni disponibili: Nero-Gold e Silver-Rosso.

 

Arriverà nei concessionari della rete ufficiale Suzuki nel mese di marzo. E in occasione del lancio della Nuova Hayabusa sul mercato italiano, Suzuki ha deciso di realizzare una versione prenotabile solo sul web, la Hayabusa Web Edition. Si tratta di una serie speciale a tiratura limitata di soli 10 esemplari tutti in colorazione Nero-Gold prenotabili esclusivamente attraverso il web store Suzuki al prezzo di 21.490 euro.

 

Questa versione si differenzia dalla standard per gli accessori montati esclusivamente per l’edizione limitata. La dotazione comprende: una coppia di silenziatori in titanio omologati Akrapovic che consentono una riduzione di peso di 4 kg e un aumento di potenza di 1,9 kW (a 8.400 giri), leve freno e frizione ricavate dal pieno con logo Hayabusa, stripes per i cerchi e para serbatoio color oro logati, cover specchietti in carbon look e cover monoposto, per uno sconto complessivo pari a 2.000 euro.

I più visti

Leggi tutto su Tempo Libero