Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 05 dicembre 2020 - Aggiornato alle 16:15
Live
  • 16:15 | Massaman curry, ricetta
  • 14:45 | Addio al penultimo cane della regina Elisabetta
  • 14:23 | Leonardo Lamacchia, chi è il cantante di Amici 2020
  • 13:47 | Tradizioni natalizie italiane, le più belle
  • 13:39 | Come riconoscere un bugiardo, i segnali
  • 13:30 | Irina Shayk e la figlia a spasso per New York
  • 13:19 | Maria Teresa Ruta: quanti figli ha?
  • 13:19 | Ai cani piacciono davvero le coccole?
  • 12:48 | La playlist di TIMMUSIC delle canzoni dedicate a Nelson Mandela
  • 12:44 | Arredamento classico moderno
  • 12:34 | Dentifricio al carbone fatto in casa
  • 12:27 | Il Milan a Genova senza Kjaer e Ibrahimovic
  • 12:24 | Stufe elettriche a basso consumo energetico, perché sceglierle
  • 12:00 | Kendall Jenner ha salvato la vita alla sorella
  • 11:00 | Focaccia al farro con olive e rosmarino
  • 10:59 | L’Inter contro il Bologna per avvicinarsi alla vetta
  • 09:10 | Le 8 regioni che cambiano colore dal 6 dicembre
  • 08:25 | La Russia ha iniziato a somministrare il suo vaccino
  • 07:56 | Formula 1, Leclerc scommette su Russel in Bahrein
  • 06:20 | Le migliori app del 2020 secondo Apple
volkswagen-id4-suv-elettrico - Credit: Volkswagen media
auto 15 ottobre 2020

Volkswagen, ecco il nuovo suv elettrico ID.4

di Pierfrancesco Catucci

Rappresenta una tappa strategica nell’offensiva elettrica della casa tedesca

Volkswagen porta avanti la propria strategia nell’e-mobility.

Dopo la ID.3, la ID.4 è il secondo modello progettato sulla piattaforma modulare elettrica (Meb) e al tempo stesso il primo suv 100% elettrico del marchio. Un’ulteriore dimostrazione della capacità di sviluppare auto elettriche moderne, conciliando prezzo, performance e sostenibilità a vantaggio del Cliente.

 

La ID.4 si inserisce nel segmento di mercato maggiore a livello mondiale, quello dei suv compatti. È prodotta e offerta in Cina, Stati Uniti ed Europa e rappresenta una tappa strategica nell’offensiva all’insegna dell’e-mobility portata avanti dal Gruppo. Entro il 2029, la Volkswagen ha intenzione di immettere sul mercato fino a 75 modelli puramente elettrici e nello stesso periodo vuole arrivare a vendere circa 26 milioni di veicoli elettrici. Intorno a quest’auto gravita un intero ecosistema di mobilità elettrica sostenibile. I Clienti della ID.4 ricevono un’auto fabbricata con un bilancio di CO2 neutro. Se la ricaricano usando corrente prodotta da fonti sostenibili, anche il funzionamento dell’auto sarà neutro dal punto di vista climatico.

 

Lunga 4,58 m, la ID.4 vanta una presenza forte e sicura di sé. Il design è pulito, lineare e muscoloso. Coniuga il carattere robusto di un SUV con un’aerodinamica avanzata con coefficiente cx pari a solo 0,28. Oltre alla forma fluida di base della carrozzeria, contribuiscono a questo risultato d’eccellenza molte soluzioni di dettaglio. Per esempio i gruppi ottici posteriori, insieme allo spoiler sul tetto, provvedono a un distacco netto del flusso aerodinamico.

 

Similmente a quanto avviene con la compatta ID.3, le linee della ID.4 simboleggiano l’inizio di una nuova era della mobilità. Non è presente una calandra perché con la trazione elettrica non è necessaria. Gli accattivanti fari e il layout dell’illuminazione tesa tra di essi conferiscono al frontale una personalità estremamente moderna.

 

Il corpo della vettura appare atletico e i grandi cerchi sottolineano la robusta sportività della ID.4. La vigorosa linea di spalla fa apparire la vettura come in procinto di accelerare, il dinamico arco del tetto mette in tensione l’intera auto. L’arco inizia da montanti bassi, mentre la zona posteriore presenta una forma sapientemente modellata. Sul versante della carrozzeria, complesse soluzioni riducono il peso – i listelli sottoporta per esempio sono costruiti in alluminio e acciaio ultra-resistente.

 

Per quanto riguarda le luci, la ID.4 presenta tecnologie di nuova concezione. Una di queste è rappresentata dai fari interattivi IQ.Light LED Matrix (di serie sulla ID.4 1ST Max), che all’apertura dell’auto “salutano” il guidatore con un lieve movimento dei moduli luminosi. Emettono un fascio abbagliante permanente a regolazione intelligente che illumina il percorso senza abbagliare gli altri utenti della strada.

 

I gruppi ottici posteriori a LED 3D (anche questi di serie per la ID.4 1ST Max) integrano indicatori di direzione dinamici, che si illuminano a partire dal lato interno del posteriore verso la direzione della svolta. Le luci di posizione posteriori sono particolarmente efficaci, emesse da moderni LED 3D separati. Le luci di stop sono disposte a forma di X. Per salutare il guidatore quando questi si avvicina alla vettura o si allontana da essa, nei fari vengono attivate delle funzioni dinamiche d’illuminazione, selezionabili dal Cliente in due design.

 

Le maniglie delle porte della ID.4 sono ad apertura elettrica di serie. Il guidatore e i passeggeri possono accomodarsi a bordo attraverso le ampie porte su sedili alti e confortevoli. Grazie ai corti sbalzi della carrozzeria e al passo lungo 2,77 metri, l’auto vanta interni spaziosi e ariosi, tipici di un SUV di classe superiore. Caratteristica comune alla famiglia ID della Volkswagen, anche l’abitacolo della ID.4 presenta una configurazione “open space”.

 

Volkswagen ha dotato il suo primo suv a trazione 100% elettrica di un concept dei comandi innovativo. Il cruscotto non presenta pulsanti e tasti fisici, per un funzionamento essenziale ed estremamente moderno. Il guidatore visualizza le indicazioni principali su un display compatto, che può controllare attraverso il volante multifunzione.

 

A destra del display è presente una grande leva per la selezione delle modalità di guida. Al centro della plancia c’è l’ampio display touch per le funzioni di navigazione, telefonia, media, sistemi di assistenza e impostazioni della vettura. Sulla ID.4 1ST il display ha una diagonale di 10", che sale a 12" sulla ID.4 1ST Max. Il secondo livello di controllo è dato dal sistema di comando vocale di serie, che comprende molte espressioni del linguaggio quotidiano.

Motore PSM ad alte prestazioni. Esattamente davanti al retrotreno della ID.4 è posizionato un motore elettrico che muove le ruote mediante una trasmissione a un rapporto. Si tratta di un motore sincrono a magneti permanenti (PSM) compatto, leggero e ad alte prestazioni. In entrambi i modelli fornisce 150 kW (204 CV), con una coppia di 310 Nm. L’accelerazione da 0 a 100 km/h richiede 8,5 secondi, mentre la velocità massima è fissata elettronicamente a 160 km/h. Per il 2021 è previsto il lancio di un modello top di gamma con prestazioni ancora maggiori e trazione integrale.

I più visti

Leggi tutto su Tempo Libero