TimGate
header.weather.state

Oggi 13 agosto 2022 - Aggiornato alle 18:00

 /    /    /  Cosa vedere a Spoleto in un weekend
Cosa vedere a Spoleto in un weekend

Una vista di una rocca a Spoleto- Credit: iStock

VIAGGI10 gennaio 2022

Cosa vedere a Spoleto in un weekend

di Francesca Ceriani

Spoleto è la città perfetta da visitare in un weekend.

Nel cuore dell’Umbria, Spoleto è la città perfetta da visitare se avete a disposizione solo un weekend. Famosa per il ‘Festival dei due mondi’, una rassegna artistica e culturale che si svolge ogni anno a fine giugno, Spoleto è una tranquilla destinazione collinare che offre tutto l’anno interessanti attrazioni da scoprire e ottimo cibo. Inoltre, la sua posizione, vicina ad altri luoghi d’interesse dell’Umbria, la rende meta ambita per visitatori e turisti di ogni sorta.

 

 

Cosa vedere a Spoleto in un weekend

La principale attrazione di Spoleto è il suo magnifico duomo, la Cattedrale di Santa Maria Assunta. La sua particolarità è la posizione: si trova infatti a un livello più basso rispetto alla strada principale e si raggiunge solo dopo aver sceso una scalinata che conduce alla piazza su cui si affaccia la chiesa. Nel punto più alto della città si trova invece la Rocca Albornoziana, una rocca trecentesca. All’interno, la fortezza oggi ospita il Museo Nazionale del Ducato di Spoleto. Intorno alla Rocca è possibile fare una piacevole passeggiata di circa un chilometro che offre una magnifica veduta sulla città e sul duomo.

 

 

Le piazze

Tra le piazze da visitare ci sono Piazza Garibaldi, all’ingresso della città, con una statua dedicata all’eroe dei due mondi al centro, e la Piazza del Mercato, cuore pulsante di Spoleto. A pochi passi da Piazza Mercato si trova l’Arco di Druso, un arco romano che un tempo costituiva uno degli ingressi alla città. Da vedere anche Palazzo Virgili con la Torre dell’Olio, la più alta tra le numerose torri presenti in città, e il Teatro Romano, risalente al I secolo a.C. oggi usato per concerti e spettacoli. Infine, meritano una visita la Chiesa di San Gregorio Maggiore e la Basilica di Sant’Eufemia.