TimGate
header.weather.state

Oggi 10 agosto 2022 - Aggiornato alle 18:09

Una vista di Rio de Janeiro dall'alto- Credit: Pexels

VIAGGI14 gennaio 2022

Quando andare e cosa vedere a Rio de Janeiro

di Francesca Ceriani

Da Copacabana al Cristo Redentore: quando andare e cosa vedere a Rio de Janeiro, in Brasile.

Rio de Janeiro, nella regione sudorientale del Brasile, è una delle città più grandi del mondo. Chiamata anche ‘Cidade maravilhosa’ (città meravigliosa) è stata capitale del Brasile e attira ogni anno milioni di visitatori. La megalopoli offre un clima tropicale, caldo e umido tutto l’anno. Da maggio a ottobre è inverno e le temperature sono più fresche, mentre da dicembre a marzo c’è la stagione estiva, con piogge e umidità. Da un punto di vista climatico, dunque, non esiste un periodo migliore per visitare Rio de Janeiro: se non soffrite il caldo, andate da dicembre a marzo; da evitare invece novembre perché è il mese più piovoso.

 

 

Rio De Janeiro in inverno

In generale, il consiglio è di visitarla durante la stagione invernale, quando le temperature sono più sopportabili. I turisti si riversano a Rio soprattutto in occasione del Capodanno e del famoso Carnevale (la data cambia ogni anno, ma solitamente si svolge tra febbraio e marzo). Questi sono anche i periodi in cui una vacanza nella città brasiliana costa di più.

 

 

Cosa vedere a Rio de Janeiro

Le attrazioni a Rio de Janeiro sono numerose e accontentano i gusti di tutti: dal 2012 il ‘paesaggio culturale’ della città rientra tra i patrimoni dell’umanità Unesco. In città si contano 179 chilometri di spiagge. Alcune sono dei veri e propri paradisi terrestri, dove rilassarsi, godere del sole e del mare, e divertirsi con cocktail e musica. Le spiagge di Ipanema e Copacabana sono famose in tutto il mondo. Una delle attrazioni più famose della città è l’imponente statua del Cristo Redentor, da cui si gode di una magnifica vista sulla città. C’è poi il Pan di Zucchero, la montagna cittadina da cui si può prendere la funivia e ammirare i paesaggi circostanti. Imperdibili il centro storico, con i suoi mille contrasti (accanto ai vicoli che ricordano il passato coloniale della città troverete grattacieli e costruzioni moderne), il quartiere di Santa Teresa, con le sue dimore storiche e le gallerie d’arte.

 

 

Stadi e parchi

Anche se non siete appassionati di calcio, merita una visita lo Stadio Maracanã, il tempio sacro del calcio. Sempre in città si trova il Parco Nazionale di Tijuca, una delle più grandi foreste urbane del mondo. E ancora: Rocinha, la più grande favela del Brasile, e il quartiere della Lapa se volete scoprire il favoloso mondo della salsa.