TimGate
header.weather.state

Oggi 06 luglio 2022 - Aggiornato alle 06:00

 /    /    /  'Non spegnete il Faro', il calcio inclusivo rischia lo sfratto

TOP VIDEO18 maggio 2022

'Non spegnete il Faro', il calcio inclusivo rischia lo sfratto

Roma, 18 mag. (askanews) - Da quasi 20 anni, tutte le settimane, tanti bambini e bambine dei popolosi quartieri romani Monteverde e Portuense si incontrano in una scuola di calcetto speciale: l'associazione sportiva CCCP 1987 - Circolo Il Faro li avvia allo sport con un approccio collaborativo e inclusivo, aperto anche a chi ha disabilità e a chi non può permettersi di pagare circoli più costosi. Un vero e proprio punto di riferimento sociale, oltre che sportivo, per il quadrante Sudovest della Capitale, che ora però rischia di essere sfrattato dai locali e dai campi vicino a via Virginia Agnelli, di proprietà della Croce Rossa Italiana. Una storia che, denunciano da 'Il Faro', sembra incredibile, soprattutto considerando i valori che ispirano l'ente proprietario dei campi. La Croce Rossa ha sostenuto in tribunale che il contratto in base al quale l'associazione usufruisce delle strutture sia invalido, e malgrado la mediazione del Municipio Roma XII, finora non c'è stato niente da fare. La decisione dei giudici è attesa per il 22 giugno. Ad allenare i bambini e i ragazzi alla scuola di calcetto de 'Il Faro' è Enrico Zanchini: durante l'assemblea-manifestazione organizzata per cercare di scongiurare lo sfratto, ha lanciato un appello: 'Siamo qui per dire 'non spegnete il faro', e molto semplicemente, per chiedere alla Croce Rossa di non mandarci via, almeno fintantoché, insieme al Municipio non troviamo un'altra soluzione per la nostra realtà, che tutto il quartiere, tutto il territorio ma non solo, chiede che non smetta di esistere'. Una passione, quella di Zanchini per il calcio come strumento di crescita umana e sociale, che lo ha portato ad allenare la nazionale italiana delle persone affette da malattie mentali, anche nota come nazionale 'Crazy For Football', che ha vinto il campionato del mondo 'Dream World Cup' del 2018. Ora, un altro sogno accende la sua speranza e quella dei bambini e delle famiglie dell'associazione CCCP 1987: che il Faro non si spenga.