Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Per Conoscere
    • Ricette
    • Sport
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 20 giugno 2021 - Aggiornato alle 20:00
Live
  • 21:09 | Covid, variante Delta: il caldo potrebbe frenarla
  • 19:12 | MotoGP, le pagelle del GP di Germania 2021 al Sachsenring
  • 17:49 | L'Italia batte il Galles 1 a 0, super gol di Pessina
  • 17:46 | La playlist dei tormentoni dell'estate 2021 (per allenarsi)
  • 17:44 | Tutta Italia in zona bianca tranne la Valle d'Aosta
  • 17:24 | Covid, come ottenere il Green pass sull’app Immuni
  • 17:00 | Covid, i dati del 20 giugno in Italia
  • 16:24 | MotoGP 2021, Marc Marquez risorge e torna a vincere al Sachsenring
  • 16:21 | Come va la campagna vaccinale in Italia
  • 16:12 | Il Milan ripensa a Zaccagni per la trequarti
  • 16:09 | Calcio e innovazione: il futuro (prossimo) è in streaming
  • 15:57 | “Doctor Foster”, la miniserie da non perdere su TIMVISION
  • 15:50 | Tutto su "Celebrity Hunted 2", in onda su Amazon Prime Video
  • 13:38 | La probabile formazione dell’Italia contro il Galles
  • 13:33 | Le repliche della regina a ogni nuova provocazione
  • 13:18 | Laura Pausini ha vinto il Nastro D'Argento 2021
  • 12:57 | Taylor Swift reincide il disco "Red" e confessa: "Ho il cuore spezzato"
  • 12:45 | Per un momento speciale...una musica speciale: 10 consigli per una playlist da sogno
  • 12:30 | Rihanna oggi, che fine ha fatto la popstar
  • 12:30 | Marsala vino: ricette con il famoso vino di Sicilia
VIDEO Il ministro Boccia: non politicizzare i 21 parametri, tutelano salute
Covid-19

Il ministro Boccia: non politicizzare i 21 parametri, tutelano salute

"La rete sanitaria sta reggendo, sia sulle terapie intesive che sui posti di area medica"

Roma, 18 nov.

(askanews) - ‘La rete sanitaria sta reggendo, sia sulle terapie intesive che sui posti di area medica’. ‘Non sono nella situazione di allarme rosso di marzo-aprile-maggio’ scorso ha detto il ministro per gli Affari regionali e le autonomie Francesco Boccia in Commissione parlamentare, parlando dei rapporti tra Stato e Regioni dopo le recenti evoluzioni dell’emergenza Covid-19.

Trentacinquemila ricoverati

Nella prima ondata ha ricordato Boccia, concentrata in poche Regioni, il picco più alto è stato con circa 67mila ricoverati Covid in area medica e si è curato in ospedale quasi il 45% dei contagiati; oggi, in questa fase che può considerarsi picco, ha detto il ministro, ‘siamo intorno ai 35mila ricoverati spalmati in tutto il territorio nazionale’. ‘Mentre oggi il 94% dei contagiati di fatto si cura a casa e il 4-5% in ospedale, nella prima ondata il 45% dei contagiati si curava in ospedale; tra il 12-13-14% nei mesi più acuti finiva in terapia intensiva, in questa lo 0,7-0,8%’.

Niente lockdown

Per Boccia un nuovo lockdown non è riproponibile perché in primavera mancavano mascherine, ventilatori, non si era pronti, ora è diverso. Continua però il braccio di ferro con le Regioni che hanno chiesto di rivedere i famosi 21 parametri per l’assegnazione del colore delle aree di rischio, con rispettive misure restrittive differenziate, riducendoli a 5. I parametri non sono arrivati all’improvviso ha replicato Boccia, si usano da maggio, sono stati condivisi anche da rappresentanti delle Regioni e sono a tutela della salute di tutti.

Non politicizziamo i parametri

‘Se dovesse venir fuori dalla Cabina di regia, dove ci sono i tecnici, una valutazione scientifica sui parametri, che può consentire a un parametro di essere ponderato meglio o in maniera diversa rispetto ad altri, ovviamente la Cabina di regia deve e può dare un contributo di questo tipo. L’unica cosa che non possiamo fare è politicizzare i parametri o renderne discrezionali alcuni rispetto a altri senza il conforto della comunità scientifica e dei tecnici. Il confronto è giusto e oggettivo, io penso’. Ma, ha concluso Boccia, sarà fatto con lo spirito di garantire sempre l’oggettività dei numeri che vengono fuori e che devono tenere conto dello scenario, che è completamente cambiato rispetto a marzo-aprile’.

I più visti

Leggi tutto su Video