Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
    • Ricette
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 12 giugno 2021 - Aggiornato alle 23:00
Live
  • 20:30 | Eriksen vigile e stabile dopo il malore in campo
  • 19:51 | “Ted” diventerà una serie tv in live action
  • 18:54 | Microsoft, altri indizi sull'arrivo di Windows 11
  • 18:30 | Kim Kardashian e la divina indifferenza
  • 18:10 | Perché sorprende la vittoria della Krejcikova al Roland Garros
  • 17:32 | Euro 2020, Svizzera e Galles pareggiano. Italia prima da sola
  • 17:30 | Covid, i dati del 12 giugno in Italia
  • 17:03 | Sarà Rui Patricio a difendere i pali della Roma
  • 16:45 | SBK 2021, Rinaldi ha vinto Gara 1 a Misano su Razgatlioglu e Rea
  • 16:14 | Twitter, a breve l'integrazione delle newsletter di Revue
  • 14:30 | La piccola Lilibet è la bimba della pace
  • 12:30 | Vellutata di ceci, l'avete mai provata fredda?
  • 12:30 | Matrimonio estivi: i piatti al TOP e quelli FLOP
  • 12:25 | Fiorella Mannoia tra folk e denuncia: "La gente parla"
  • 12:00 | La grande mostra a Londra per celebrare Bob Dylan
  • 11:55 | Esiste un basso costruito con migliaia di mattoncini Lego (e funziona)
  • 11:37 | Da Verona a Taormina, ecco il "Coraggio Live Tour" di Carl Brave
  • 11:31 | Sanitari sospesi: come montarli e fissarli
  • 11:11 | Il primo giorno di Draghi al G7
  • 11:00 | Alimentazione sostenibile: che cos’è e come applicarla
VIDEO Dal Checco: attivi su sviluppo Africa per non perdere il treno
TOP VIDEO

Dal Checco: attivi su sviluppo Africa per non perdere il treno

Roma, 12 mag.
(askanews) - Per poter sfruttare appieno le opportunità di business e crescita nel Continente africano bisogna puntare a investire creando sviluppo, con un approccio proattivo che può contribuire a contrastare anche il fenomeno dei flussi migratori. Ne è convinto il presidente di Confindustria Assafrica e Mediterraneo, Massimo Dal Checco. 'Non possiamo pensare di limitare l'immigrazione disordinata e clandestina solo con gli aiuti economici, dobbiamo pensare a uno sviluppo economico del Paese e siccome sta avvendendo e molto velocemente dobbiamo essere pronti a essere attori attivi in questo sviluppo, perché potremmo correre il rischio di puntare solo agli aiuti e di perdere il treno dello sviluppo economico, sarebbe un vero peccato'. Dal Checco, che guida la rete della rappresentanza confindustriale nella zona del continente africano e del Medio Oriente, che riunisce 120 aziende italiane attive in diversi settori, tra cui macchinari, edilizia, infrastrutture, agroalimentare, impianti e energia, ritiene che per le aziende italiane sia necessario arrivare e lavorare sul territorio per non lasciarlo ad altri. Un obiettivo da raggiungere anche in Libia, che insieme a Tunisia e Egitto, è uno dei Paesi centrali per lo sviluppo nel Mediterraneo. 'Vedo in maniera positiva che Draghi si sia mosso in questa prospettiva, in questa area dobbiamo recuperare moltissimo, con la Primavera araba abbiamo perso tanto, non solo in Libia, pensiamo all'Egitto, in cui i problemi politici hanno avuto un impatto sull'economia e rischiamo che diventi più tedesco che italiano'.
I più visti

Leggi tutto su Video